● - LA FIERA DE MERCE E BESTIAME E LA FESTA DELLA MADONNA LIBERATRICE. di GANASSA. - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - LA FIERA DE MERCE E BESTIAME E LA FESTA DELLA MADONNA LIBERATRICE. di GANASSA.

Pubblicato da in Ganassa ·
V’aricordate quanno a le Cerquette
se faceva la fiera del bestiame
e d’altre cose, come del pellame,
fruste de cuoio, selle e altre cosette,
co’ brusche e striglie e pure le cosciale
che a le buttere j’erono essenziale?

Io me ricordo de quelle cassette
co’ le strisce de legno castanile
e messe dentro quelle che al porcile
a vivé poe aderono costrette,
cioè magrone prese a prezzo basso
che allora se mettevono all’ingrasso.

E me ricordo pure in quel trambusto,
le geste che facevon le sensale
che co’ ‘na mossa ch’era abbituale    
annavono a spacccà, proprio con gusto,
al compratore la stretta de mano,
e sempre chi comprava era il villano.

E me ricordo pure che in quel giorno
sindaco in testa all’amministrazione
annava a messa con gran devozione,
e de gente c’era un gran contorno.
E s’annava a le corse de cavalle
fatte in strade in salita oppure a valle.

Ricordate le corse giù all’Ulivo
o a Portanova fino al paese.  
effettuate in due o tre de riprese?
Partecipava, a di nun me privo,
Perseo, Giacomella e Cacciavello,
Cincaleoni, e pure Peppitello.

A Portanova vinse  Peppitello,
che ce venne a la Rosa sul cavallo:
scese la scalinata pe’ mostrallo
il palio vinto ch’era così bello,
poe se recò con quello suo vessillo
dal prete che officiava a benedillo.

Queste le cose belle  ch’io ricordo
e de rimanno le ricconto a quelle
che nun lo sanno, che so’ giovincelle:
la fiera che giammae nun me scordo
della Madonna ch’è liberatrice
e d’un miracolo ne fu l’autrice.  
 
Tuscania 11.05.2022
Luciano Laici




Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu