Archeocreando - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - I DUE PIROSCAFI “TUSCANIA”. tratto dal progetto Archeocreando 2020/2021 (VIDEO)

Pubblicato da in Archeocreando ·
Il progetto Archeocreando nasce oltre 20 anni fa su iniziativa dell’Associazione Culturale “Tuscania Nuova” (presidente Giuliana Orfei Murri), collaborano a questa iniziativa  il prof. Luigi Brachetti (che cura la parte logistica), l’Istituto comprensivo “Ildovaldo Ridolfi” e il Liceo Scientifico di Tuscania. Ogni anno, questa collaborazione produce un interessante opuscolo culturale/informativo di estremo interesse per meglio conoscere la nostra città e non solo. Approfitto per ingraziare tutti i soggetti che da anni partecipano a questa importante informazione culturale. luigi pica.
-------------------
 

THE LOSS OF THE TROOPSHIP TUSCANIA - 5 FEBBRAIO 1918
 (La perdita della nave da guerra Tuscania - 5 Febbraio 1918)
 
 
L'isola di Islay non è estranea ai naufragi perché ci sono almeno 250 navi affondate conosciute intorno alle sue coste turbolente. Sulla punta più meridionale dell'isola si erge un monumento, simile nell'aspetto a un faro, che fu eretto dal governo americano nel 1919 in memoria di coloro che morirono in una fredda sera pungente di 5 febbraio del 1918, quando il rivestimento di ancoraggio Tuscania fu silurato e affondato da un U-boat tedesco nel Mare d'Irlanda a circa sette miglia a sud-ovest di Islay. A bordo c'erano 2.235 soldati composti dalle compagnie 'D', 'E' e 'F' del 6 ° Battaglione, 20o VS Engineers, membri della 32a divisione, 100a, 158a e 203a squadra aerea e un equipaggio britannico.
 
La Tuscania era una nave di ancoraggio di 14.348 tonnellate costruita da Stephens a Linthouse-
 
La Tuscania faceva parte del convoglio transatlantico HX20 che consisteva di circa quattordici navi tra cui le navi da crociera White Star Baltico e Ceramica. Era una nave relativamente nuova di 14.348 grammi, con una lunghezza complessiva di 576 piedi e una trave di 65.9.
 
Come sua sorella, la Transilvania, era stata destinata al servizio congiunto Mediterraneo-New York gestito dalla Cunard Line.
 
L'anno 1917 portò il primo contingente di soldati americani sulle coste britanniche e in questo la Tuscania ebbe un ruolo importante imbarcando truppe da New York via Halifax in questo paese. Nel 1915 la Tuscania aveva imbarcato a bordo 409 passeggeri della nave emigrante greca Athenai alla deriva e in fiamme nell'Atlantico, mentre l'anno successivo l'aveva vista convertirsi per compiti di truppa portando soldati canadesi da Halifax a Liverpool o Glasgow. L'anno 1917 portò il primo contingente di soldati americani sulle coste britanniche e in questo la Tuscania ebbe un ruolo importante imbarcando truppe da New York via Halifax in questo paese.
 
Nel 1915 la Tuscania aveva imbarcato a bordo 409 passeggeri della nave emigrante greca Athenai alla deriva e in fiamme nell'Atlantico, mentre l'anno successivo l'aveva vista convertirsi per compiti di truppa portando soldati canadesi da Halifax a Liverpool o Glasgow. L'anno 1917 portò il primo contingente di soldati americani sulle coste britanniche e in questo la Tuscania ebbe un ruolo importante imbarcando truppe da New York via Halifax in questo paese. Insieme ad altre navi nel convoglio, fece scivolare gli ormeggi alle 13.30 di una fredda domenica, 27 gennaio 1918, diretta a Liverpool. Più tardi, quando il convoglio si stava avvicinando alla costa irlandese, una scorta di cacciatorpediniere formava un anello protettivo attorno alle quattordici navi che comprendevano in tutto otto navi da guerra. Dopo la sua partenza da Halifax, la vita a bordo della Tuscania si stabilì in uno schema di noiosa routine ripetitiva. Il convoglio era un fenomeno relativamente nuovo nel 1918 e vi era stata molta opposizione alla sua introduzione, non ultimo dagli stessi marinai mercantili che sostenevano che un gruppo di navi non poteva essere gestito insieme senza l'inevitabile collisione, e che la velocità del convoglio era dettata dalla velocità della nave più lenta. Occasioni di pioggia occasionali e un vento fresco da sud-ovest avevano ottenuto sin dalle prime ore del mattino di quel giorno, ma erano costantemente aumentate per forzare dieci.
 
Il 29 Gennaio 1918 l'UB-77 lasciò Borkum in Germania con il suo pieno complemento di sette ufficiali e venticinque uomini in un altro giro di servizio in piedi a nord. Era una nave dall'aspetto elegante con la prua della testa di uno squalo distintamente inclinata e una pistola da ponte da 10,5 cm, nonché una taglierina a rete con sega. Un prodotto della AG Vulcan di Amburgo, questo progetto di sottomarino ebbe un tale successo che fu scelto circa venti anni dopo come base per la nave a U di tipo VII della seconda guerra mondiale. Costruito nel 1917, vantava cinque siluri: quattro a prua e una a poppa. Dall'inizio della sua carriera fino all'armistizio, l'UB-77 fu comandata da Kapitan-Leutnant Wilhelm Meyer.
 
Meyer ha tracciato una rotta prendendo U B-77 nel nord della Scozia attraverso il Pentland Firth, un'area densa di pattugliatori e cacciatorpediniere. Incontrarono l'UB-86, anch'esso diretto verso l'esterno, e viaggiarono in tandem per tutto il 31, la maggior parte del viaggio fu intrapreso in superficie, Meyer impartì l'ordine di immergersi solo quando furono avvistate navi nemiche.
 
Il 1 ° febbraio hanno superato Fair Isle e il giorno seguente le Isole Flannan. St Kilda fu avvistata il 3, ma, con il percorso ora fissato per la costa dell'Irlanda del Nord, Meyer spinse verso sud arrivando il 5 Febbraio. al largo del Canale della Manica, dove operava l'UB-97. Qui fu costretto a tuffarsi dopo aver ascoltato il segnale di  un piroscafo.
Questa si rivelò una nave di circa 2.000 tonnellate, ma Meyer non riuscì a raggiungere una posizione davanti a sé per un tiro di prua, inoltre il sottomarino spezzò costantemente la superficie a causa dell'onda, e con i cacciatorpediniere ancora nelle vicinanze decise di abbandonare l'attacco.
 
Verso le 11.30 l'UB-77 emerse per ricaricare le batterie, ma quattro ore dopo fu costretta a tuffarsi di nuovo per evitare il pattugliamento delle imbarcazioni. Un'ora dopo si è incontrata con l'UB-97 e dopo aver promesso di celebrare il loro tour di servizio insieme al suo completamento, le due U-boat si sono separate e la barca di Meyer si è tuffata ancora una volta. Alle 17.50 diede l'ordine di alzare il periscopio. Una decina di navi riempì la sua visione. 'Molto più avanti c'era un grande piroscafo con due imbuti dipinti di bianco. Davanti a lei c'era di nuovo un piccolo piroscafo che presumibilmente agiva da "demolitore" (Sperrbreccher); a poppa di lei, un incrociatore incanalato quattro che assomiglia alla classe "Drake", quindi sei-otto piroscafi in fila davanti ". (Meyer). Questa errata interpretazione della formazione del convoglio era probabilmente dovuta alla distorsione della lente del periscopio. Tuttavia, Meyer ordinò la massima velocità per raggiungere una posizione davanti al convoglio siluri dell'UB-77, ciascuno del peso di 2.000 libbre, giacevano pronti in attesa di essere sparati dai suoi tubi di prua. Meyer lanciò un'altra occhiata attraverso il periscopio e riuscì a raggiungere le navi più grandi del convoglio solo usando il massimo ingrandimento.
 
La 'Tuscania' attraversò il campo del periscopio in modo molto indistinto come un'ombra leggera e fu solo quando il suo imbuto in avanti attraversò il suo campo visivo che Meyer alla fine la fece uscire. Due siluri del tipo G-7 furono sparati uno dopo l'altro e puntati appena dietro il secondo imbuto. L'attacco fu del tutto inaspettato, poiché nonostante il set M-V portato dalla 'Tuscania', non aveva registrato l'approccio del sottomarino. Senza preavviso, la nave rabbrividì sotto un tonfo sordo accompagnato dal suono di vetri infranti e tutte le luci si spensero. Il primo siluro colpì la Tuscania tra la sala macchine e il foro di erogazione sul lato di dritta. Questi scomparti furono riempiti d'acqua e fuggirono vapore quasi contemporaneamente. La forza dell'esplosione lanciò un becco di detriti pieni d'acqua nell'aria, arrivando fino alle scialuppe di salvataggio sospese nelle loro gru. Molti sono stati danneggiati così gravemente da renderli totalmente inadatti all'uso.
 
Solo una detonazione fu udita dall'equipaggio della U-boat e registrata a bordo della nave colpita, il secondo siluro aveva mancato il bersaglio. Subito dopo, Meyer si allontanò dalla trave di tribordo di "Tuscania" su una distanza di alcune miglia nautiche che affioravano venti minuti dopo.
 
Un messaggio è stato trasmesso a Meyer dal suo operatore radio che era riuscito a intercettare i segnali di soccorso della nave e quindi l'aveva identificata come "Tuscania".
 
La sua posizione è stata data come Lat 55 ° 22 'Nord.
 
Il fischio a vapore di "Tuscania" urlò incessantemente quando furono lanciati missili di soccorso, tre dei quali erano rossi a indicare la presenza di sottomarini nelle vicinanze. Nessun panico era evidente tra i soldati mentre ogni uomo si dirigeva verso la sua stazione di salvataggio.
 

 
Alcune navi  tra cui la  HMS Pigeon comandata dal tenente KE Eddis prestò soccorso. Spostò la sua nave a fianco della prua a dritta di Tuscania e, con l'aiuto delle linee sospese, salvò oltre 800 soldati. Il lancio di Pigeon fu abbassato per raccogliere quegli uomini che ancora stavano lottando in acqua, ma Eddis fu costretto a lasciarla indietro dopo che furono ricevuti gli avvertimenti sui sottomarini nemici nelle vicinanze. Il sottufficiale John Jones era responsabile del lancio. Alla partenza di Pigeon, continuò con il salvataggio e raccolse metodicamente tutte le scialuppe di salvataggio - undici in tutto - e i loro carichi umani insieme.
 
Ore dopo furono prelevati dal re degli Elfi da traino e tornarono a Larne, per un totale di 375 uomini. Quando il siluro colpì la Tuscania, c'erano 39 uomini che lavoravano duramente nelle sue caldaie alimentando carbone. Nessuno di loro è sopravvissuto. Nessuno aveva dubbi su ciò che aveva causato l'esplosione e tra le truppe seguì un travolgente impulso di salire sul ponte per sfuggire alla nave che affondava. L'evacuazione è stata effettuata in modo ordinato senza panico e la maggior parte del complemento di Tuscania è stata salvata, ma non tutto. Il Grasshopper ne contava 500, Pigeon over 800, Mosquito 200. Alcuni, come Coxwain Jones, furono raccolti in seguito da pescherecci da traino armati, ma il resto dovette cogliere l'occasione con il mare.
 
La Tuscania rimase a galla per circa quattro ore prima di fare l'ultimo tuffo, a prua con la sua mostruosa poppa in aria. Poi rimase brevemente sospesa, poi, con un'esplosione soffocata, scivolò sotto le onde.
 
Testate giornalistiche che diedero risalto alla tragedia dal 7  Febbraio 1918
 


 
 
TSS TUSCANIA 1922
 

 
La nave Tuscania fu costruita nel 1922 a Glasgow, in Scozia, per la società britannica Anchor Line. Stazzava 16.991 tonnellate, era lunga 168 metri e larga 21. Aveva motori a turbina a vapore e doppia elica. Poteva viaggiare ad una velocità di 15,5 nodi e trasportare fino a 2.444 passeggeri, di cui 267 in prima classe, 377 in seconda e 1.800 in terza. Aveva un solo fumaiolo e due alberi.
 
Era utilizzata per i collegamenti tra Glasgow e New York. Nel 1939 fu venduta alla General Steam Navigation of Greece, meglio nota come Greek Line, come loro prima nave, e prese il nome di Nea Hellas. Durante la 2. Guerra Mondiale tornò alla Anchor Line come nave per trasporto truppe
 
Fu ribattezzata New York nel 1955 e demolita nel 1959.
 


ECCO UN INTERESSANTE VIDEO:




Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu