● - FESTA DELLA LAVANDA A TUSCANIA E FIORI MANGIABILI. di Dario Mencagli. - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - FESTA DELLA LAVANDA A TUSCANIA E FIORI MANGIABILI. di Dario Mencagli.

Pubblicato da in Blog Toscanella ·


So che anche da noi, in Maremma, si mangiano fiori: i fiori di zucca sono molto conosciuti e da tempo li mettono anche sulla pizza.
 
In Giappone fanno insalate con i fiori di crisantemo.
 
Una bella novità è stato scoprire che, a Tuscania, è iniziata la produzione di fiori mangiabili.
 
Li produce l'azienda agricola TeveRiva (cooperativa sociale biologica).
 
E' un'idea di Francesca Maestroni, socia della cooperativa. E' venuta qui un anno fa ed è rimasta colpita dal clima e dal territorio, che danno possibilità di coltivare una varietà di piante molto grande.
 
Lei viene dal lago di Garda, con esperienza nella produzione di lavanda e prodotti derivati, di apicoltura, di piante aromatiche. Una produzione molto apprezzata dai numerosi turisti, soprattutto stranieri, che frequentano il lago.
 
I più interessati al prodotto (in piccola quantità finora), sono stati i ristoranti: danno un tocco di novità e attenzione al dettaglio.
 
A prima vista, le scatoline ripiene di fiori mi hanno fatto venire in mente la tradizionale INFIORATA della festa del Corpus Domini. Fiori raccolti nei campi da tante persone volontarie per abbellire le strade della Processione. Adesso i fiori sono spesso sostituiti da altri prodotti.
 
L'altra sorpresa è stata quella di assaggiare e gustare i diversi sapori dei fiori: dolci, leggermente piccanti, con sfumatura al cioccolato...
 
La cooperativa TeveRiva partecipa col banco di Francesca alla Festa della Lavanda: chissà, girando per le strade e piazze, potrebbe capitare anche a voi un assaggio di questa novità, prima che siano finiti del tutto i fiori!...

Altri fiori commestibili..










Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu