● - IL BATTEZZO DELL’AMMAZZAMENTO DEL PRIMO CIGNALE. In una poesia di Ganassa - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IL BATTEZZO DELL’AMMAZZAMENTO DEL PRIMO CIGNALE. In una poesia di Ganassa

Pubblicato da in Ganassa ·
IL BATTEZZO DELL’AMMAZZAMENTO
DEL PRIMO CIGNALE

Quanno ammazzae ‘l cignale ad arta voce
io subbito strillae,viva maria !;
perché quella è la strada che nun noce
a stabbilì qual’è la giusta via
pe’ rammentà come ‘na vorta adera
la cacciarella in forma veritiera.  

Io so’ stato du’ vorte battezzato,
la prima vorta col rito religgioso,
nun appena ch’adero al monno nato,
l’altro battezzo fu  quase giocoso,
che de le cacciatore ‘l più decano
me battezzò co’ ‘n modo certo  arcano.

In mezzo a ‘na radura lì ‘n ginocchio
‘ntrujjò ‘l muso co’ sangue de cignale
e l’altre in cerchio pe’ tenemme d’occchio
me stavono a guardà com’é normale;
e ‘l battezzante la formula antica
la disse e pronunciò senza fatica.

Me ce chiamò dapprima col mi’ nome,
sensa interrompa poe l’antico rito,
aggiunse pure apresso ‘l mi’  cognome,
e procedette allora più spedito;    
“ In nome del beato nostro Umberto,
che de ‘sta caccia te ci ha fatto esperto,

io te battezzo con croce e patacca “,
e se ‘nterroppe al punto un pochettino,
“ che manco ‘l diavolo poe ce s’attacca “!
E io che ce rimase un poco chino,
nun è che arzato doppo me lavae,
così com’ero a casa ritornae.

Passavo pe’ le piazze e pe’ le vie
la faccia tinta de rosso ostennanno,
pe’ mostrà sia a le granne sia a le fie
la mi’ bravura nell’annà caccianno;  
così ‘na vorta, così ancora s’ usa        
che ‘gni cacciata c’è venga conclusa.   

Tuscania    27.11.2021
Luciano Laici.




Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu