● - I LAMPIONI DOVE LI METTO? di Renato Bagnoli. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - I LAMPIONI DOVE LI METTO? di Renato Bagnoli.

Pubblicato da in R. Bagnoli ·

I RAEE sono i Rifiuti di Apparecchiature Elettroniche ed Elettriche e rappresentano la categoria di rifiuti in più rapido aumento a livello globale con un tasso di crescita del 3-5% annuo, tre volte superiore ai rifiuti normali.
 
Sono classificati in due grandi categorie, a seconda del loro uso in ambito domestico o professionale, stabilendo diversi percorsi di recupero e smaltimento:
 
- Domestici: utilizzati nelle case;
 
- Professionali: provenienti da attività economiche o amministrative.
 
Le apparecchiature di illuminazione si classificano in:
 
-  Sorgenti luminose (tubi fluorescenti, lineari e non; lampade fluorescenti compatte non integrate; lampade fluorescenti compatte integrate a risparmio di energia; lampade a scarica ad alta intensità, ad alta o bassa pressione, escluse lampade ad incandescenza e ad alogeni);
 
-  Apparecchi di illuminazione (ossia lampadari, plafoniere, ecc.).
 
La normativa individua 5 raggruppamenti di rifiuti hi-tech nei quali vengono smistati a seconda della loro tipologia e in base alle tecnologie necessarie al loro corretto trattamento. I corpi per l’illuminazione pubblica rientrano nel Raggruppamento R5. I processi di riciclo e trattamento dei rifiuti di apparecchiature di illuminazione consentono di recuperare quantitativi considerevoli di materiali pari a circa il 90% dell'intero prodotto, pensando così a una loro successiva reintroduzione nel mercato. In particolare, si pensi al vetro che costituisce al momento il materiale con le maggiori potenzialità commerciali. Dai diversi RAEE è possibile ottenere anche ferro, alluminio, rame e plastiche.
 
I professionisti installatori che operano nel nostro comune possono conferire tutte le vecchie lampade appena sostituite presso i centri di raccolta presenti oramai in modo capillare su tutto il territorio nazionale mentre le plafoniere e i circuiti elettronici presso l’ecocentro del Cerro.
 
Ma forse non tutti lo sanno e così c’è qualcuno che riempie il primo cassonetto che trova.
 
Renato Bagnoli









Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu