● - MERCOLEDI' 2 GIUGNO –PASSEGGIATA NELLE GOLE DEL BIEDANO CON ANNA RITA PROPERZI - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - MERCOLEDI' 2 GIUGNO –PASSEGGIATA NELLE GOLE DEL BIEDANO CON ANNA RITA PROPERZI

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·
MERCOLEDI' 2 GIUGNO - Le gole del Biedano, da Barbarano a Blera, seguendo la via dell’acqua
 
Si torna nel suggestivo percorso ad anello che da Barbarano Romano condurrà a Blera, seguendo la via dell’acqua lungo i valloni e le mole del fiume Biedano. Gran parte del percorso si svolge all’interno del Parco Regionale Marturanum, e si tornerà a Barbarano attraverso il tracciato della vecchia ferrovia Civitavecchia – Orte. Tanta natura di cui godere e tanta storia da scoprire in un cammino che congiunge due deliziosi paesi.
 
Il territorio è caratterizzato dall’alternarsi di pianori, radure a pascolo, forre profonde e rupi spettacolari, testimonianza dell’intensa attività vulcanica del complesso Cimino e Vicano. I fiumi che scorrono nelle profonde valli hanno sempre un fascino speciale. Si seguirà la via del Biedano percorrendo le sue gole, ricche di mole e mulini, testimonianza di antiche coltivazioni e del lavoro sapiente dei nostri antenati. I colori dei laghetti formati dalle antiche dighe sono splendidi e la vegetazione è rigogliosa. Un susseguirsi di boschi resi quasi impenetrabili da un’intricata vegetazione e intervallati cascate e laghetti, un percorso ricco di continue sorprese.
 
Dal comodo parcheggio di Via A. Diaz, a ridosso delle mura medievali di Barbarano Romano, attraversando Porta Romana che con la torre contraddistingue l’entrata del delizioso borgo si proseguirà attraverso Porta Canale fino a raggiungere il fosso sottostante e le prime mole per arrivare alla terza una delle più scenografiche, dove il salto del torrente forma un laghetto.
 
Dalla parte opposta del fiume Biedano, attraversando la terza mola si potrà percorrere un suggestivo cunicolo scavato nel tufo per lo scorrimento delle acque raccolte attraverso lo sbarramento. Alcune aperture formatesi nel tempo si affacciano sul letto del fiume concedendo uno scorcio che merita assolutamente di essere ammirato.
 
Proseguendo vi attenderanno  guadi, altre mole, fino ad arrivare al suggestivo ponte romano sulla via Clodia, detto anche Ponte del Diavolo, con tre arcate. Sosta per ammirarlo guardando verso l’alto il moderno ponte di Blera, inaugurato nel 1937, progettato dall’ingegnere Giulio KRALL. Fu tra i primi in Italia ad introdurre l’uso di strutture sottili ed il ponte di Blera, elegante nella sua sobrietà, ne è un esempio. Dopo una pausa per un buon caffè si riprenderà il cammino
 
Il ritorno sarà per un sentiero che ci condurrà fino alla vecchia ferrovia Civitavecchia – Capranica, risalente al periodo fascista (1929) e dismessa nel 1961,  fino quasi a Barbarano, che si raggiungerà scendendo ancora al fosso dove si chiuderà l’anello
 
INFORMAZIONI E DETTAGLI 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione Professionale RC attiva.
 
Contatti anche tramite whatsapp e canale telegram https://t.me/lepasseggiatediannarita o tramite mail annaritaproperzi@gmail.com;
 
COSTO ESCURSIONE: 15,00 euro a persona; gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni; ridotto a 10€ fino a 16 anni.
 
APPUNTAMENTO: 2 giugno alle ore 9.30 a Barbarano Romano davanti a Porta Romana; parcheggio consigliato P.zza Diaz a ridosso delle mura della città. Link coordinate google del luogo di appuntamento https://goo.gl/maps/xr5biCgQz6KcUEdp9
 
CARATTERISTICHE DEL PERCORSO: Percorso ad anello di 11 km, difficoltà T/E (turistica ed escursionistica); 250 metri di dislivello a scendere e salire; si svolge nella forra del Biedano, sono previsti due guadi molto facili. Fine escursione 16/16.30.
 
PRANZO: al sacco, 1 litro e mezzo di acqua a testa.
 
ABBIGLIAMENTO: importante indossare scarpe da trekking o con suola antiscivolo, abbigliamento adeguato alle condizioni meteo (è consigliabile portare un capo impermeabile, anche un kway), cappellino per il sole. I bastoncini sono consigliati, per chi è abituato ad usarli. Una buona scorta d’acqua, kit anti-Covid-19 (mascherina e gel igienizzante
 
GIUGNO/LUGLIO 2021 - TUSCANIA E LA LAVANDA
 
Tenetevi pronti a fine giugno e nel mese di luglio ci aspetta la lavanda fiorita.
Sapete perché a Tuscania è iniziata la coltivazione della lavanda e le attività legate a questa bellissima pianta aromatica? Ve lo racconterò nelle mie passeggiate!
Come ogni anno da ormai più di dieci anni anche questa estate, rispettando le norme del distanziamento sociale, si tornerà ad ammirare la bellezza dei luoghi storici di Tuscania e dei suoi campi fioriti e curati come giardini dalle aziende produttrici. Seguendo la tradizione dei monaci cistercensi, venuti dalla Francia molte aziende iniziarono la coltivazione della lavandula officinalis e del lavandino grosso.
A breve vi invierò il calendario con le date delle passeggiate tutte diverse tra loro.
Non serve quindi andare fino in Provenza per ammirare la meraviglia di interi campi di lavanda in fiore! E nemmeno per immergersi nella varietà infinita di prodotti che nascono da questa pianta: creme, profumi, saponi, distillati, oli essenziali, miele, e mille altri ancora, tutti da scoprire!

 Anna Rita Properzi
Guida Turistica abilitata dalla Regione Lazio
Guida Ambientale Escursionistica
Iscritta al Registro Italiano Aigae n. LA390
Lingue straniere: inglese e francese
Tel. 333 4912669; e-mail: annaritaproperzi@gmail.com




Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu