● - IL CALCE SCARPA* - Spiegato da Ganassa - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IL CALCE SCARPA* - Spiegato da Ganassa

Pubblicato da in Ganassa ·
Al nummero ch’è quattro de via Castello
c’è un angolo davero birichino,
perché l’ebbe creato un bel bordello;
infatti dirimpetto all’angolino
al quel tempo c’era   una trattoria,
che veramente adéra un’osteria.

Il gabbinetto lì dentro nun c’era   
e le cliente ch’erono attempate,
doppo bevuto for d’ogni maniera.
annavono in quel sito in più tornate,
creanno a chi passava all’insaputa  
‘na ripugnante ed oscena veduta.  

Perciò il patrone de quell’angoletto,
un carce scarpa fece fà al momento
in modo che chiunque in quel muretto
ce annasse a piscià doppo libbamento,
la facesse così in mezzo alla strada
e la mannasse dove vada vada.   

Così da quella via che è in salita,
ce fu cesaata quella brutta usanza,
‘na cosa che nun  era consentita,
de annà a votà d’ urgenza la su’ panza.
levanno ‘l rivoletto che per strada
copioso attraversava la contrada.
 
* In via del Castello, che è quella traversa, la prima a destra dopo il forno dei fratelli Lucchetti, al numero quattro c'è un Calce scarpa, che è non altrimenti che una muratura con materiale edilizio atta ad occludere uno spazio creato tra due angoli di muro, da qui nasce la poesia che pittura uno scorcio grazioso e curioso della città di Tuscania.
Luciano Laici - Tuscania li 07.11.2021



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu