Lettera N - Toscanella - Vocabolario tuscanese

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettera N

Nazzica: Diverso da "trettica", indica qualcosa che nella sua sede naturale ci sta un po' largo.

Ncacalito: Tralasciato, trascurato, o dicesi di un pulcino di uccello che nonostante le cure non ha reazioni.

Ncamato: Avere dei problemi di gola e quindi di catarro.

Ncianfruja: insicuro nel parlare o commettere azioni. Paticcione.

Ndolito: Indolenzito.

Ndrondrone: Parola onomatopeicache indica una persona disordinata (Onomatopea = Figura di ritmo che indica la formazione di un vocabolo che imita il suono della cosa che significa; per lo più voci di animali o fenomeni della natura; per es. abbaiare, brusio ecc.).

Nfirzafiche: E' un termine usato per indicare una persona molto magra derivante dal bastoncino usato per infilzare i fichi per metterli in essiccazione.

Nfrattare: Stare dietro una fratta, e quindi dietro un cespuglio, nascondersi. Non necessariamente, ‘nfrattarsi significa stare dietro un cespuglio, il tuscanese lo usa anche per indicare qualcuno che, per sfuggire ad una situazione non gradita, non è presente, oppure si può ‘nfrattare con una ragazza o con un ragazzo.

Nfrociare: Intruppare, andare a sbattere.Frase: "iere ho 'nfrociato co' la machina". 

Ngazzurrito: Invaghito. Ma forse parola più incisiva, che intende dire che una persona “perde la testa” per qualcosa o qualcuno. Frase: “Caio s’è ingazzurrito de quella sguardolata, e nun c’è verso de fajelo capì”. 

Ngozzata: Dal verbo ingozzare, quindi ingoiare liquidi o solidi. Il tuscanese usa questo termine per indicare una bevuta di acqua o altro liquido e tenuta in bocca senza ingoiarlo.

Ngrengare: Spingere in maniera molto forte. Frase: “Ce s’è talmente ‘ngrengato… che l’ha rotto.” 

Nguattarella: Nascondino. Gioco dei ragazzi che, dopo una conta, incaricano una persona di cercare le altre dopo aver contato fino a determinate decine. Vince chi arriva prima a fare Tingoli (vedi) nel muro concordato.

Nicchia: In italiano ha il significato di un piccolo cunicolo ricavato nel muro o altro. Noi usiamo il termine anche per indicare una bestemmia. Frase: “Ha detto ‘na nichhia…. Che amomente, faceva casca’ la casa…!!” 

Npatassare: Imbrogliare, essere confuso. Frase: “lasseme sta’ ogge…. Che so’ ‘npatassato..!” 

Ntartajare: Significa tartagliare, cioè balbettare. si può dire anche 'nzagajare.

Ntruppone: Si chiama ‘ntruppone quella persona che, generalmente distratta,inciampa in ogni cosa che inontra.

Nzaccarato: Pieno di zaccara (vedi) e quindi sporco di fango.

Nzagaiare: Il tuscanese usa anche il termine “ntartajare” (dall’italiano “tartagliare”) che significa balbettare, pronunciare sillabe e frasi ripetutamente, forse per emozione o difetto. Non esiste il termine in italiano, nemmenostruppiato.

Nzeppire: Zeppo in italiano significa qualcosa che è pienissimo, quindi inzeppire significa spingere per farne entrare 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu