La parola a Dario Mencagli


Vai ai contenuti

Mar - Primavera ed elezioni

2009

1-CONSIGLIO COMUNALE GIOVANI
Il Comune di Tuscania ha deciso di istituire il consiglio comunale dei giovani. Lo ha fatto un Commissario straordinario, Francesco Tarricone.
Stavo parlando della cosa col sindaco Cappelli, lo scorso anno. Mi aveva invitato a dirlo alla giunta comunale, riunita al Comune. Un assessore aveva risposto che, secondo una loro indagine, ai giovani la cosa non interessava. Non fu fatto niente.
Adesso abbiamo una delibera. Chi andrà ad amministrare potrà far fare le elezioni oppure no. Potrà consultare il consiglio dei giovani (oppure no). Potrà seguire i suggerimenti dei giovani (oppure no). La legge dice che il parere dei giovani, sulle questioni che li riguardano, è obbligatorio ma non vincolante.
Il programma condiviso, in 10 punti, proposto nel luglio scorso, finora non ha avuto risposte. Speriamo che questo progetto del consiglio dei giovani, dopo molti anni di attesa, entri nei programmi (ma soprattutto nella pratica) delle varie liste che concorreranno.

2-PD: Elezioni primarie di coalizione
Si faranno le primarie di coalizione. Entro il 27 marzo, chi vuole candidarsi, deve presentare domanda sottoscritta da 20 persone (non è
specificato se tesserate o no). Per votare i candidati che si presenteranno, chi va a votare dovrà sottoscrivere il programma del PD.
Le votazioni sono previste per il 19 aprile.
E' una novità, dalle nostre parti.
C'è chi dice che, in piccoli centri, dove la gente si conosce personalmente, potrebbe moltiplicare le divisioni. Oltre al problema di sempre, che è quello delle clientele. C'era al tempo degli antichi e c'è ancora adesso. Chi dice:"Se tu concorri ti dò il voto: a un altro no" ed è di un altro partito, andrà a firmare il programma del PD?

Primarie di coalizione. Non sembra che ci siano, finora, accordi o candidati di altre forze politiche.
Quindi per avere una coalizione bisognerà aspettare dopo il 19 aprile.
Un tempo un po' stretto, prima della presentazione delle liste.

3-Le elezioni ed io
Ho detto, fin dal luglio 2008, che pensavo di candidarmi a sindaco.
Reazione: qualche articolo sui giornali e nient'altro. A dicembre non si parla
ancora di cosa fare per le elezioni.
Ripeto, su giornali e volantini, la mia intenzione. Diventa pubblica
la proposta di Toscanella (Luigi Pica e Giancarlo Guerra). La proposta esclude
candidature di chi sia già stato eletto al Comune e quindi, con Toscanella, sono fuori gioco. Perché candidarmi a sindaco? Non basta fare l'assessore, mi si chiede? La risposta è molto semplice. Penso che amministrare Tuscania, soprattutto nelle condizioni attuali, richieda un impegno a tempo pieno, la mobilitazione e la partecipazione di tutta la gente di Tuscania Facendo il sindaco, posso lasciare il mio lavoro, in quanto il sindaco è pagato per un impegno a tempo pieno. L'assessore è pagato per un impegno parziale. Una soluzione trovata spesso dalla politica è quella di dare altri incarichi retribuiti, nel settore pubblico o parastatale. Ma significa anche che il tempo disponibile sarà parziale.
Che fare, adesso?
Trovare 20 firme, candidarsi alle primarie, chiedere ai propri 339 elettori di firmare il programma PD e votare per me il 19 aprile? Ma se i miei voti sono di opinione e non di appartenenza politica o personale?
Oppure aspettare i risultati delle primarie del 19 aprile e poi discutere il da farsi con il prescelto del PD?

4-La LISTA Toscanella ha presentato pubblicamente il suo programma, al Parco di Tor di Lavello. Ha parlato Giancarlo Guerra, chiedendo suggerimenti e proposte. E' stato indicato come referente di collegamento Pierangelo Santi, detto Pitone, e il suo ufficio Internet, in via Piansano. Diverse le domande su chi sono i candidati. Attualmente Toscanella sta raccogliendo adesioni, che verranno pubblicate in seguito.

Home Page | 2008 | 2009 | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu