La parola a Dario Mencagli


Vai ai contenuti

Apr - Primarie a Tuscania

2009

PRIMARIE A TUSCANIA
Qualche riflessione sulle primarie del PD a Tuscania. I motivi? Eccoli:
1-è la prima volta che si fanno a Tuscania
2-è la prima volta che votano giovani con meno di 18 anni
3-c’è stata una partecipazione interessante:
1039 votanti:
629 Serenella Pallottini (60,5%),
398 Pino Potestio (38,2)
12 schede nulle o bianche.

Mi interesso da sempre del sociale a Tuscania.(1)
Penso che, per la soluzione dei problemi di Tuscania, è fondamentale
la partecipazione della gente. Per questo, le primarie possono dare un
aiuto. Il MASCI (Movimento adulti scout), in collaborazione col
preside della facoltà di Sociologia, Mario Morcellini, qualche anno
fa, aveva promosso un’inchiesta sulla condizione dei giovani a
Tuscania. Il lavoro era stato preparato e presentato da una
studentessa, Elisa Ponziani.
Purtroppo la cosa non ha avuto (ancora?) seguito.

Consultando la lista degli elettori che si sono registrati al voto
(si tratta di un atto pubblico, e credo, di un elenco consultabile), è
possibile tirare fuori alcuni dati:
1-quanti donne e quanti uomini hanno votato? (Il sesso dei votanti
può aver influito sulla vittoria di una donna?E’ la prima volta a
Tuscania che una donna si candida a Sindaco)
2-quanti giovani con meno di 18 anni hanno votato?
3-come sono i vari gruppi di età? (Quali gruppi partecipano di più
alla vita politica?)

Altri dati si possono ottenere a Tuscania, in quanto piccolo centro
dove tutti si conoscono. Lo suggerisco al preside Mario Morcellini,
come argomento di una tesi su Tuscania, continuazione della
precedente, sui giovani, ma allargabile a tutta la società Tuscanese.
E’ una cosa che potrebbe fare anche lo stesso PDTuscania, dato che ha
già lanciato un questionario per conoscere meglio le opinioni dei
tuscanesi.
Con gli elenchi degli elettori che hanno votato (2) garantendo
l’anonimato, è possibile andare a chiedere altre informazioni:

1-Per chi hanno votato (una specie di exit-poll un po’ in ritardo)
2-Come hanno conosciuto il candidato da loro votato (elenco dei canali
di conoscenza..)
3-Perché lo hanno votato (lista delle motivazioni)
4-Le informazioni avute sono state sufficienti……….

Nel caso, per questioni di privacy, non si potesse avere l’elenco, i
ricercatori possono con facilità rintracciare un campione sufficiente
di persone da intervistare, domandando in giro: tutti si conoscono, in
tanti hanno visto i votanti e in tanti hanno voglia di essere
intervistati e dire la loro.

Qualche nota sulle modalità di svolgimento delle primarie:

1-durante le primarie non ci sono stati né incontri, né comizi, né
manifesti, né volantini, né articoli, né interviste a giornali, radio,
TV, Internet, per far conoscere ai tuscanesi i due candidati, i loro
programmi, le loro idee, le differenze tra loro. I tuscanesi hanno
avuto due nomi soltanto da votare.
2-sono state presentate come “primarie di coalizione”, ma, di fatto,
c’è stato solo il PD
3-era stato previsto che i votanti avrebbero firmato di accettare il
programma del PD, ma non è stato presentato nessun programma.

Tuscania 22.04.09 dario mencagli


(1) “La situazione religiosa a Tuscania dopo il terremoto del 1971”:
un’inchiesta fatta da me a Tuscania, con l’aiuto di parecchie persone,
che è stata la mia tesi di laurea in Sociologia, nel 1972.

(2)-Nota del 25.04.09.
Ho letto che ci sono stati problemi per la consultazione delle liste
dei votanti, richiesta da parte di Pino Potestio. Dato che tutti si
conoscono a Tuscania, tra gli elettori sono state riconosciute persone
appartenenti e militanti in schieramenti opposti al PD. Questo ha
fatto nascere il sospetto di manovre per inquinare la votazione. Il
direttivo PD ha dichiarato alla stampa che le liste dei votanti
saranno disponibili al più presto, nel rispetto della privacy


Home Page | 2008 | 2009 | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu