La parola a Dario Mencagli


Vai ai contenuti

Ago - Lettera aperta al commissario prefettizio dott. Francesco Tarricone

2008

Riflessioni sul bene comune di Tuscania.

Caro commissario,

passando a Viterbo, ho visto un sacco di negozi chiusi. Stando a Tuscania e non vendendo chiusure così notevoli, mi sono detto che, probabilmente, i tuscanesi vanno meno in ferie; oppure le fanno a Tuscania.
D'estate, nella società industriale e dei servizi, molte attività si fermano.
A Tuscania, quando ancora la maggioranza della gente viveva di agricoltura, l'estate era un tempo di superlavoro.
Le feste dei Santi Martiri arrivavano come una liberazione, dopo 40 giorni almeno di mietitura e trebbiatura!
Ho pensato di mettere giù qualche breve riflessione
(1), che riguarda il "bene comune" di Tuscania, e farne una lettera aperta al commissario prefettizio Francesco Tarricone, visto che siamo rimasti senza amministrazione comunale eletta e le prossime elezioni ci saranno solo nel giugno 2009.
Il commissario prefettizio è un funzionario mandato dal prefetto di Viterbo. Il prefetto dipende dal ministro degli Interni (Maroni). Mentre un sindaco cade solo per sfiducia dei consiglieri o per qualche reato commesso, il commissario può essere revocato dal prefetto e dal ministro degli Interni.
Cosa si può fare, nell'attesa di nuove elezioni?
"Non ci sono i soldi!!", dicono spesso gli amministratori, anche prima che tu dica qualcosa.
Vediamo se c'è qualcosa "a costo zero".

  • 1. "La libertà è partecipazione!" dice una canzone di Giorgio Gaber. La democrazia è partecipazione. Molta gente non si interessa, ha smesso di interessarsi, non partecipa, perché non ha informazioni, perché vede che le decisioni sono prese da altri, che stanno altrove. Il nostro Comune ha un sito Internet. Abbiamo il portale Toscanella (lavoro prezioso e volontario di Luigi Pica). C'è TeleTuscania36 (opera lodevole di Tommasino del Sante). Ci sono i siti TusciaWeb e Maremmaoggi. Ci sono corrispondenti locali dei vari giornali del viterbese. Ci sono bacheche per manifesti ovunque. Molte persone chiedono informazioni sulla situazione delle casse comunali. Abbiamo un vice-commissario chiamato apposta per seguire le faccende del bilancio comunale. Sarebbe bello (e senza costi aggiuntivi) rendere pubbliche tutte queste notizie, e chiedere interventi (anche in pubbliche riunioni) sul come fare per migliorare la gestione.


  • 2. Il consiglio comunale dei Giovani (con guadagno di 10.000,00 euro). Per quello degli adulti (crollato dopo 2 anni) dovremo aspettare il giugno 2009. Quello dei Giovani (elettori: quelli che hanno da 14 a 25 anni) viene eletto di solito in Ottobre. In provincia di Viterbo solo 13 comuni su 65 lo hanno eletto. Se perdiamo lottobre 2008, dovremo andare ad ottobre 2009. In più, la regione Lazio dà 10.000,00 euro ai comuni che lo costituiscono. In più i giovani imparano ad interessarsi del "bene comune". E' sperabile che abbia maggiore durata di quello degli adulti
  • 3. Consiglio comunale dei ragazzi (età da 8 a 13 anni).


Ricordo che negli anni '90 fu fatto un solenne consiglio comunale in S.Pietro, presentato dal consigliere Ansuini, con l'appoggio dell'UNICEF, presenti vari comuni, oltre Tuscania.
Non ha mai avuto seguito.
Sarebbe un'iniziativa interessante, in collaborazione con le scuole, che da quest'anno (elementari e medie) saranno riunite a Tuscania in un unico istituto comprensivo.
Ma di questo consiglio dei ragazzi (elezione e funzionamento) di certo l'UNICEF provinciale può dare più informazioni di me.
Penso che tre riflessioni possano bastare.
Buon mese di agosto e un saluto cordiale.

Tuscania 12 agosto 2008 (dario mencagli)

(1) Riflessioni, non consigli.

Dice un proverbio che non vale la pena dare consigli. La ragione? I saggi non ne hanno bisogno; gli sciocchi non li ascoltano!


Home Page | 2008 | 2009 | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu