• - LA PORTA DI POGGIO DELLA COMUNITA’ DI TOSCANELLA di Mauro Loreti. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - LA PORTA DI POGGIO DELLA COMUNITA’ DI TOSCANELLA di Mauro Loreti.

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
Ricevo dall’amico Mauro Loreti e pubblico nel mio blog:
 
Il 13 maggio 1770 nella Comunità di Toscanella i partecipanti del Consiglio Segreto parlarono del “riattamento” delle porte urbane. Il Segretario Luigi Danielli chiese di decidere sulla proposta e la perizia per” la rinnovazione delle porte di questa città e di far formare un disegno della porta di Poggio da uomo perito, per buono, pulito e di buon gusto”. La perizia viene presentata dai “Capi Mastri” Coccia ed Alisi.
 
Si passò subito dopo al Consiglio Generale ed il Consultore Giuseppe Ricci disse che il “riattamento” e la costruzione della nuova Porta di Poggio sembrava cosa molto necessaria altrimenti sarebbe andata in rovina perché nemmeno si poteva chiudere ed era “incapace” di poterci far entrare i carri carichi di fieno. 15 Consiglieri furono favorevole e 2 contrari. Il 26 dicembre 1770 era pronto il disegno della nuova Porta, preparato dall’Architetto Giuseppe Maria Antolini ed era ”di molta soddisfazione”  .
 
I Consiglieri chiesero all’Architetto di trovare i Maestri scalpellino e muratore e che fosse costruita con materiali “buoni e perfetti”, decisero anche di non mettere ad estinzione di candela questo lavoro per non affidarlo ad “artefici” poco esperti. Il 22 marzo 1772 si votò di nuovo nel Consiglio ed i 15 presenti furono favorevoli. Il 10 aprile 1772 si firmò il contratto della porta “da fare con pulizia, architettura e stabilità”.  

Uno degli “Artefici” fu Mastro Michele Tortolini scalpellino di Viterbo figlio del fu Giuliancarlo da Carmignano diocesi di Pistoia, “abitante però continuo domiciliato in Viterbo”, e l’opera sua col materiale venne a costare 140 scudi. S’impegnò a fare i trasporti dalla cava, i lavori di scalpellino e l’assistenza della posa in opera di tutte le pietre di nenfro, a fare “la targa delineata nel serraglio dell’Arco della Porta nel cui campo è scolpita l’impresa della Comunità di Toscanella”.

 
Il contratto redatto dal Segretario fu firmato da Michele Tortolini e dal Gonfaloniere Giacomo Tozzi alla presenza dei testimoni Don Secondiano Lucchetti  e Don Pietro Guerrini. Lo stesso giorno venne firmato il contratto con il Capo Mastro Domenico Coccia figlio di Giuseppe da Viterbo, muratore e stuccatore, al prezzo di scudi 95. Era previsto anche di murare in opera due colonnette avanti detta porta. Era compresa anche la demolizione delle mura ed “il cavo dei fondamenti”.  Venne redatto in casa di Giacomo Tozzi situata nella contrada di Poggio. Il 10 aprile 1774 visto che erano necessari nuovi lavori sia di scalpellino che di muratore, “per rendere perfezionato il lavoro della porta”, alla terza candela vinse la gara Domenico Coccia per scudi 88.

 
Il 22 settembre 1774 si firmò il contratto con Pietro Bianchi figlio del fu Girolamo da Visso diocesi  di Spoleto mastro falegname per “la rinnovazione delle tavole per la nuova porta con nuovi e perfetti legnami di castagno” al prezzo di scudi 88. Testimoni furono Francesco Quarantotto figlio di Nicola da Visso diocesi di Spoleto e Sante Canna fu Francesco di Montepulciano. il 10 settembre 1775 ci fu un’altra accensione di candele per altri lavori “con i frammenti dei legni secondo la perizia di Luca Ugolini falegname”. Vinse l’appalto Pietro Bianchi per scudi 59.
 
Lo stesso giorno secondo la perizia del fabbro Raimondo Belli lo stesso si aggiudicò per 30 scudi i lavori di sua competenza. Nella parte esterna della porta questa è l’iscrizione che ancora oggi possiamo leggere:” D.O.M. (Deo Optimo Maximo) AD MAIOREM COMODITATEM CIVITATIS TUSCANIA DENUO (per la seconda volta) PORTA HAEC ERECTA FUIT REGNANTE CLEMENTE XIV P. O. M. (Pontifice Optimo Maximo) A. DOMINI MDCCLXXIV”.
 
C’è ancora anche lo stemma della nostra Comunità e doveva esserci anche “l’arme grande del Santissimo Pontefice” forse tolto dai soldati francesi giunti a Toscanella col generale Kellermann  a sostegno della repubblica romana nel 1798 .
 
Lo stemma aveva il triregno delle tre virtù teologali e le chiavi, simboli del potere pontificio, e due braccia l’una vestita di saio francescano e l’altra nuda entrambe stigmatizzate, che sorreggevano insieme una croce latina. Il papa era un francescano ed il messaggio richiamava la fede cristiana sostenuta dalle braccia di san Francesco e del Cristo nel suo martirio. Nella parte interna doveva esserci la Gloria “ IHS”  tutto come da disegno dell’Architetto. Nel nostro archivio storico c’è il progetto con le firme dell’architetto, del Gonfaloniere, del Magistrato Alessandro Vasconi, dello scalpellino e del muratore. Il segretario iniziava i verbali “In Dei nomine Amen” ed ”implorato prius divino auxilio” e terminava  “Itas est”.
Mauro Loreti
 



6 commenti
Voto medio: 165.0/5
simonetta
2018-03-28 21:54:19
interessantissimo! spero che non resti l'unico articolo di questo tipo

Gigi Pica
2018-03-28 22:09:03
Grazie allo studio di Mauro Loreti.... abbiamo questo documento..... è questa la cultura che ci piace.. mi sento in dovere di ringraziare anche Marco Quarantotti che dedica il suo tempo al passato di Tuscania.
Poi, lasciatemelo dire, anche Toscanella che ha pubblicato molte cose del nostro passato senza aver mai avuto un riconoscimento da nessuno... Non fa niente lo faccio per amore della mia gente...
Gigi Pica
2018-03-28 22:28:09
Dimenticavo.... Insieme a Simonetta abbiamo "risuscitato" il Birollo e, anche se può far ridere.... anche questa è cultura... Grazie Simonetta e Marcello.
simonetta
2018-03-29 14:32:23
verissimo gigi pica, anche quella è cultura!
Caos
2018-03-29 17:22:22
Ottimo lavoro. Bravi
Lui
2018-04-03 19:29:43
Interessante l'articolo di Mauro, grazie.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu