● - IN ALTO MARE. di Renato Bagnoli - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IN ALTO MARE. di Renato Bagnoli

Pubblicato da in R. Bagnoli ·

 
In Italia nel corso del 2020 è cresciuta l’insistenza verso la nuova tecnologia 5g e, a tutela della salute dei nostri concittadini e dell’ambiente non la massima autorità sanitaria cittadina, che non firmò un’ordinanza ad hoc, ma la Giunta comunale in data 21 gennaio 2021 con delibera n.6,
 

 
stabilì, “nelle more dell’adozione del “REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E SERVIZI INTEGRATIVI”di non concedere alcun sito di proprietà comunale, né supporti esistenti né aree comunali per l’insediamento di impianti di telefonia mobile, di non autorizzare lavori di adeguamento degli impianti esistenti o installazione di nuovi impianti su siti di proprietà comunale e/o privata, nuovi o in co-siting, sino alla fine del mese di agosto”.
 

 
Contestualmente si “demandava ai Responsabili della IV e V Area, la redazione ed approvazione del Regolamento Comunale degli Impianti per la Telefonia Mobile e servizi integrativi al fine di dotare l’Ente di adeguati supporti inerenti la soluzione e gestione di ogni criticità”.
 
Come spesso accade, i nostri amministratori decisero di far predisporre un regolamento per la telefonia mobile senza convocare la Consulta e la Commissione Ambiente, i Comuni limitrofi e le società di comunicazione circa l’individuazione delle aree pubbliche che si intendono indicare per future e possibili ubicazioni di antenne di qualsiasi tecnologia.
 
Una decisione che indica quale sia il livello di trasparenza dei nostri amministratori e il grado di coinvolgimento dei cittadini nelle decisioni importanti che riguardano la comunità.
 
Una delibera come quella in parola, che stabilisce la sospensione e l’attivazione di nuovi impianti sino al 31 agosto, quando dovrebbe essere approvato un apposito regolamento, quali risultati avrà sortito?
 
Non si è mai riunita la Commissione, ne la Consulta Ambiente.
 
Mancano pochissimi giorni al 31 agosto e all’orizzonte ancora non si vede neanche uno schizzo, una bozza di regolamento da sottoporre alla Commissione e forse, bontà loro, alla Consulta.
 
Tutela della salute pubblica e dell’ambiente? Sono solo chiacchiere.
 
E intanto anche il regolamento è fermo con le 4 frecce accese.
 
Comunque manca ancora qualche giorno e tutto è possibile.
 
Ma io non ci credo.
 
 
Navighiamo già da un po'
Bene o male non lo so…
E ci ritroviamo in alto mare…
 
In alto mare….
 
(L. Bertè)
 
 
Renato Bagnoli



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu