● - VISITA DELLA FIGLIA DI OTELLO TESTAGUZZA, L'INGEGNERE CHE HA RICOSTRUITO TUSCANIA DOPO IL TERREMOTO DEL 1971. di Stefano Mattei. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - VISITA DELLA FIGLIA DI OTELLO TESTAGUZZA, L'INGEGNERE CHE HA RICOSTRUITO TUSCANIA DOPO IL TERREMOTO DEL 1971. di Stefano Mattei.

Pubblicato da in Corriere di Viterbo ·

 
Fonte: Corriere di Viterbo
 
La visita di Alessandra Testaguzza, un avvocato che vive a Ginevra, a differenza dei tanti turisti che in questi giorni si aggirano tra le vie di Tuscania, ha un’importanza simbolica ed emotiva particolare, in quanto è la figlia di Otello Testaguzza, l’ingegnere che dopo il terribile terremoto del 1971 ha guidato la difficilissima ricostruzione del paese nel suo momento più oscuro.
 
“Passeggiando al Parco Torre di Lavello a quasi 50 anni dal terribile sisma- racconta Alessandra- mi sono ritrovata a fare i conti con i ricordi di allora. Ero una bambina di appena 8 anni quando, nel 1972, mi ritrovai a cambiare città, scuole, amicizie, allorché dovemmo raggiungere mio padre, già operativo a Viterbo da un anno”.


 
L’opera di Otello Testaguzza, scomparso nel novembre del 2009, è andata ben oltre il semplice compito di un funzionario. Percorrendo i tempi, con una scelta coraggiosa ha deciso di immaginare la ricostruzione dell’urbe storica come appariva nei documenti del catasto Gregoriano e tornando al passato, negli anni in cui la maggior parte degli abitati viveva nelle campagne, o nelle baracche, ha riedificato completamente dalle macerie quella che oggi è considerata uno delle più belle cittadine del centro Italia.
 
“Ricordo i tanti sacrifici fatti allora- continua la figlia- le assenze diurne e notturne di un uomo che si dedicò completamente alla rinascita di Tuscania, con l’intento preciso e fortemente voluto di non stravolgerne l’essenza antica, di migliorarla, di ridare presto un tetto a chi aveva perduto tutto quel che aveva, ma anche quello di creare dentro le mura, un luogo che potesse rappresentarla e che potesse essere fruito dalla popolazione.  L’intento era chiaro e deciso, ma le difficoltà furono enormi e soltanto la caparbietà e l’amore per l’arte e la cultura, spronarono e motivarono le grandi battaglie che mio padre si trovò costretto a combattere, contro le istituzioni, la burocrazia, la politica, alcuni colleghi, gli stessi abitanti, che non erano disposti a rendergli il compito facile non comprendendo pienamente la visione che lui aveva non solo per il presente, ma anche per il futuro della città”.
 
Questi suoi sforzi, descritti anche nel libro “Pietra su Pietra”, hanno permesso all’”ingegnere di ferro” di restare per sempre nella memoria dei cittadini. Le celebrazioni e la targa in suo onore sono solo piccoli doverosi omaggi al lavoro di un professionista, ma la sua autentica eredità sono le case, le strade, le piazze e soprattutto l’incanto di quello che per tutti i tuscanesi è semplicemente “il parco”.
 



4 commenti
Voto medio: 145.0/5
Giuliano venturini
2020-08-26 15:02:01
Non vi sono parole per esprimere un ringraziamento e un apprezzamento per la ricostruzione di quel capolavoro che è Tuscania.
Baldo
2020-08-29 17:50:25
Tuscania salvata nonostante i Tuscaniesi i quali poi avuto il regalo ne fanno un luna park invivibile.
Davide Scarpulla
2020-09-03 11:21:59
Ho il piacere di possedere una piccola casa a Tuscania, ma devo dire che l'amministrazione attuale ce la mette tutta per farla sparire dalle rotte turistiche
lucia
2020-09-03 12:47:17
Ottimo servizo a ricordo di una persona che ha tolto molto tempo della vita privata, personale per un servizio che ha reso Tuscania una perla della provincia di Viterbo. Magari con una collaborazione di uomini capaci, sarebbe riuscito a dare più spazio alla famiglia.
Grazie

Articoli recenti
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu