● – ITALIA NOSTRA: “NO AL MEGAPARCO EOLICO A TUSCANIA SENZA SE E SENZA MA” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● – ITALIA NOSTRA: “NO AL MEGAPARCO EOLICO A TUSCANIA SENZA SE E SENZA MA”

Pubblicato da in Dal Web ·
Ebe Giacometti (Italia Nostra): "Una tale mostruosità non può
diventare il simbolo della campagna viterbese".
 

Tuscania – La ricostruzione del parco eolico tra Montebello e Poggio Martino
 
Per Italia Nostra il megaparco eolico di Tuscania è da respingere senza se e senza ma. La visione degli atti tecnici del progetto ci ha lasciato senza parole. Come si può pensare di circondare letteralmente di altissime torri un gioiello quale la cittadina della Tuscia?
 
Va precisato inoltre che le pale, alte 250 metri, svetterebbero su colline anche più basse andando a rappresentare dei nuovi picchi nell’orizzonte del paesaggio incontaminato e vincolato della Tuscia e dando vita, di fatto, ad un nuovo assetto.
 
Per questo motivo, Italia Nostra anzitutto invita l’ente locale competente per territorio ad esprimere il proprio diniego ad un simile progetto nelle osservazioni alla Via. In seconda analisi, l’associazione si rivolgerà a tutti gli enti competenti, in primis il Mibact, e presenterà le proprie osservazioni.
 
Una tale mostruosità non può diventare il simbolo della campagna viterbese.
 
Ebe Giacometti
Presidente nazionale Italia Nostra



2 commenti
Voto medio: 120.0/5
madmax
2020-08-26 15:07:30
Vai con l'eolico ci sono terreni Abbandonati che non rendono niente.io da tuscanese dico vai con l'eolico bisogna andare avanti non guardare sempre indietro,energia pulita senza inquinare.devono parlare i cittadini di tuscania che ci vivono se ci sono benefici per lavoro,meno tasse e magari minor costo dell'energia mettiamo le pale pure sul Colle di San Pietro con i proventi almeno restauriamo e teniamo aperte le chiese.Vai con l'eolico e il fotovoltaico che non inquinano.
Merlo
2020-08-29 14:27:29
Interpellate Sgarbi!

Articoli recenti
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu