● - È CAOS COVID A TUSCANIA: CONSIGLIERE TROVATO POSITIVO, PER IL SINDACO E LA GIUNTA SOLO DUE GIORNI DI QUARANTENA. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - È CAOS COVID A TUSCANIA: CONSIGLIERE TROVATO POSITIVO, PER IL SINDACO E LA GIUNTA SOLO DUE GIORNI DI QUARANTENA.

Pubblicato da in Dal Web ·
 
Un consigliere di Tuscania è stato trovato positivo al tampone, il sindaco e la Asl stabiliscono una singolare linea guida che, forse, va in contrasto con una recente nota della stessa Azienda. Ed i cittadini si scatenano sui social: “Non è giusto”.
 
Il dottor Giuseppe Cimarello da Montefiascone, con sua personale nota vergata il 22/03/2021, informava tutti i medici di Medicina Generale che le varianti del SarsCov-2 stanno ormai imperversando e pertanto, in ossequio alle superiori disposizioni dettate dalla Circolare 3787 (31/01/21) del superiore Ministero della Salute, lestamente recepite dalla Regione Lazio: tutti i nuovi casi positivi saranno considerati subito varianti, con conseguente modifica di quarantena ovvero isolamento. Si passa infatti da 10 a 14 giorni, con tampone molecolare a fine periodo.
 
Orbene, tutti sanno che l’Italia è costituita da Regioni, Province, Comuni. Nella nostra Tuscia c’è il Comune di Tuscania, dove il sindaco Fabio Bartolacci ha annunciato la positivitá di un consigliere. Quest’ultimo ha avuto contatti col sindaco ed altri mercoledì scorso, quando è stato presentato il progetto di ristrutturazione della piscina comunale. Esiste un video per la circostanza, della durata di circa 20 minuti, dal quale ognuno può farsi un’opinione sull’effettivo rispetto – o meno – delle norme anti-contagio in quella cerimonia. Bartolacci ed i suoi, dal canto loro, riferiscono che le suddette sono state rispettate scrupolosamente.
 
Il sindaco, inoltre, riferisce di aver interloquito col dottor Chiatti (veterinario, ma pur sempre Capo Dipartimento di Prevenzione alla ASL Viterbo), col quale sarebbe stata condivisa l’opportunitá di fare il tampone molecolare lunedì, ovviamente alla controversa Genetica Molecolare di Belcolle. Ma non solo: i due avrebbero anche deciso di “evitare contatti con persone estranee in questi 2 giorni” e di “mettersi in una sorta di quarantena cautelativa” fino a lunedì, ovvero oggi.
 
In pratica la circolare richiamata, la 3787, viene messa sotto alle scarpe: vanno identificati subito e con ricerca retrospettiva dei contatti del caso fino a 14 giorni prima della comparsa dei sintomi o dell’evidenza del tampone positivo, sia i contatti stretti – ad alto rischio – che quelli a basso rischio e va eseguito il prima possibile il tampone molecolare, ripetendolo al 14esimo giorno di quarantena.
 
Insomma, un vero e proprio caos “normato” da comportamenti quantomeno discutibili. Nel frattempo scoppiano le polemiche sui social, soprattutto nei commenti sotto al video pubblicato da Bartolacci. Qualcuno si chiede se il sindaco e chi fará il tampone lunedì sono considerati contatti stretti, qualcun altro se gli stessi non si sono per caso trovati in ambiente chiuso col caso COVID-19 positivo per almeno 15 minuti quel giorno o in quelli subito precedenti ed, infine, qualcuno domanda perché non sia stato disposto il canonico periodo di isolamento.
 
Indipendentemente da quanto il Laboratorio dirà lunedì, la situazione poteva sicuramente essere gestita diversamente.



Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu