● - NO A TALETE, PARTE LA RACCOLTA FIRME PER L’ACQUA PUBBLICA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - NO A TALETE, PARTE LA RACCOLTA FIRME PER L’ACQUA PUBBLICA

Pubblicato da in Dal Web ·

 
Fonte: TusciaWeb
 
Viterbo - Noi non ce la beviamo e altri comitati si mobilitano - Battisti: "Basta applicare la legge 5 per determinare la fine della società idrica"
 
“Per cancellare Talete basta applicare la legge”. Il comitato Noi non ce la beviamo porta avanti la sua battaglia per l’acqua pubblica e in sala conferenze della provincia, Bengasi Battisti indica una strada. In teoria semplice, eppure tortuosa.
 
“Basta applicare la legge 5 del 2014 – ricorda Battisti – approvata dal consiglio regionale all’unanimità”. Specifica in modo chiaro chi deve gestire la risorsa idrica: “Aziende speciali e consorzi di enti – osserva Carlo Mezzetti, avvocato – soggetti di diritto pubblico, non privato e che non perseguono fini di lucro”.


 
Ma la legge è rimasta lettera morta. “È previsto – ricorda Battisti che sia applicata solo dopo l’individuazione dei bacini idrografici. Doveva avvenire in un tempo massimo di sei mesi. Sono passati cinque anno e ancora nulla.
 
Di fatto si vanifica la legge che permetterebbe di cancellare Talete”.


 
Per arrivare all’obiettivo prefissato, Noi non ce la beviamo ha in programma iniziative. Intanto nei comuni: “Una delibera – spiega Paola Celletti – sulla ripubblicizzazione dell’acqua, da far approvare nei rispettivi consigli. Un atto politico forte. In alcuni comuni è già passato”.
 
Quindi, una petizione, una raccolta firme per dire no a Talete, sì alla gestione diretta dei comuni per l’acqua o tramite consorzi.
 
All’incontro, anche Massimo Erbetti, consigliere comunale M5s. “Talete perde 8 milioni di euro l’anno per condutture fatiscenti – spiega Erbetti – bisognerebbe investire in questo ambito, ma non lo si fa”.
 
Non succederà nemmeno quando arriveranno i 35 milioni di prestito richiesti dalla società idrica. “Venti milioni servono per pagare debiti, cinque saranno per necessità di cassa e solo 15 alla fine andranno a investimenti, seppure non si sa bene quali”.
 
Al microfono si avvicendano diversi comitati cittadini, interviene anche Chiara Frontini. La consigliera comunale Viterbo 2020 rilancia la battaglia dell’acqua pubblica, partendo da uno slogan di qualche anno fa: “L’acqua deve essere pubblica, potabile e partecipata”.
 



6 commenti
Voto medio: 163.0/5
#andiamoafirmare
2019-06-22 13:37:15
L'opposizione e le formazioni politiche si diano da fare per raccogliere le firme ed eventualmente organizzare una protesta.
#noiortolani
2019-06-22 18:55:05
Gira, gira il cetriolo dove va? Nel mazzo degli ortolani!
Romolo
2019-06-25 10:49:39
Sapete dove si va a firmare la Petizione che la firmo subito ?
lucia
2019-06-25 15:31:13
meglio una petizione on line
i costi, in comuni dove gestisce talete, sono quadruplicati: garantiscono poltrone e consulenti, si paga l'acqua anche se non si consuma perché furbamente hanno aumentato, senza richiesta dell'interessato, la quota minima, es: quota minima di gestione pubblica di un'attività 60 m cubi 45 euro annue, passaggio a talete: raddoppio della quota minima e 50/60 euro ogni 3 mesi.
lucia
2019-06-25 15:34:29
La Regione a marcia pd garantisce il commissariamento ai comuni non allineati, non garantisce il risultato del Referendum, bisognerà rivolgersi a non so quale ente superiore.
Giuseppe Catalini
2019-06-26 17:38:05
Sarebbe interessante capire cosa hanno fatto maggioranza e altre opposizioni negli ultimi anni, riguardo a questo problema.
A me risulta che il solo M5S si sia battuto per contrastare certe scelte della regione. Gli altri, a parte una certa quantità di chiacchiere, non hanno agito in modo chiaro ed incisivo.
E sarebbe anche interessante capire come si sentono quelli che hanno votato per questi amministratori, lo scorso mese di maggio. Anche se mascherati dietro ridicole coperture chiamate lista civica, tutti sapevano a quali forze politiche facevano riferimento.
Le lamentele di oggi mi sembrano credibili solo se fatte da chi ha votato altri, mentre per gli elettori degli attuali amministratori, sarebbe opportuno un esame di coscienza!

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu