● - TUSCIA SUD: I CACCIATORI SELETTORI POTRANNO ABBATTERE FINO A 428 CINGHIALI, 163 NEL DISTRETTO CHE COMPRENDE TUSCANIA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - TUSCIA SUD: I CACCIATORI SELETTORI POTRANNO ABBATTERE FINO A 428 CINGHIALI, 163 NEL DISTRETTO CHE COMPRENDE TUSCANIA

Pubblicato da in Dal Web ·
Approvato dalla Regione il piano di prelievo presentato dall'Atc VT2. Rischio peste suina, ecco le raccomandazioni
 
Approvata dalla Regione Lazio la ''Proposta di prelievo in selezione della specie cinghiale per il periodo 1° settembre 2021- 30 settembre 2022'' presentata dall’Atc VT2 ''Tuscia Sud''.
 
I cacciatori selettori potranno abbattere fino a un massimo di 428 capi, così suddivisi: 87 cinghiali nel distretto VT2.5 (comuni di Soriano nel Cimino, Bassano in Teverina, Orte, Vasanello, Vignanello, Vallerano, Canepina, Carbognano, Caprarola); 163 nel distretto VT2.6 (Monteromano, Tuscania, Tarquinia); 82 nel distretto VT2.7 (Vetralla, Villa San Giovanni, Blera, Ronciglione, Barbarano Romano, Capranica, Sutri, Vejano, Oriolo Romano, Bassano Romano); 96 nel distretto VT2.8 (Gallese, Corchiano, Fabrica di Roma, Civita Castellana, Castel Sant’Elia, Faleria, Calcata, Nepi, Monterosi).
 
E’ quanto prevede la determinazione del 14 settembre firmata del direttore della direzione regionale Agricoltura, Promozione della filiera e della cultura del cibo, Caccia e pesca. L’istanza era pervenuta alla Regione il 3 agosto. Mentre l’Ispra (l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) aveva espresso il proprio parere favorevole all’attuazione del Pano di prelievo in una nota del 12 agosto.
 
Tra le proprie disposizioni, la Regione ricorda che ''il prelievo in selezione è consentito nella sola forma da appostamento'', secondo orari stabili dalla legge. E ancora, che ''il prelievo di selezione è consentito soltanto ai cacciatori iscritti all’Albo regionale dei cacciatori di selezione''; ''la giornata di caccia e i capi abbattuti vanno segnati sul tesserino regionale per il prelievo di selezione''; ''il cacciatore di selezione è tenuto ad applicare all’orecchio sinistro del capo abbattuto l’apposita fascetta datario numerata fornita dall’ATC, prima di procedere allo spostamento del capo stesso dal punto di abbattimento''.


 
Infine, una raccomandazione, ''visto il sempre più elevato rischio di introduzione del virus della Peste Suina Africana nel nostro Paese, si consiglia di mantenere l’attenzione dimostrata in relazione a possibilità di trovare cinghiali morti (anche a seguito di incidente stradale) ovvero abbattuti ma che mostravano ante mortem comportamenti anomali di qualsiasi tipo, così da segnalarli alle competenti autorità (guardie venatorie, Polizia provinciale, Carabinieri Forestali, servizi veterinari delle Ausl localmente competenti). Si raccomanda altresì di segnalare il ritrovamento di carcasse parzialmente predate (lo stato di infezione aumenta la probabilità di predazione) o putrefatte, in quanto il virus sopravvive alla completa decomposizione dell’ospite rendendo quindi sempre possibile una diagnosi di laboratorio''.
 
L’Atc, entro 45 giorni dalla chiusura della caccia di selezione, dovrà rendicontare all’Area Decentrata Agricoltura competente i risultati del piano di gestione.
 



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu