● - BARTOLACCI: “IL NUMERO DELLE MONACHE POSITIVE SICURAMENTE CRESCERÀ” . - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - BARTOLACCI: “IL NUMERO DELLE MONACHE POSITIVE SICURAMENTE CRESCERÀ” .

Pubblicato da in Dal Web ·

 
Fonte: TusciaWeb.eu
 
Tuscania - Coronavirus - Dopo che venti sono risultate contagiate, oggi si attendono altri tamponi - In tutto nel monastero ce ne sono 70 - Il sindaco: "Chi ha avuto contatti ce lo dica e si metta in quarantena" - Preoccupazione per una religiosa di 90 anni colpita dal virus.
 
“Il numero delle monache positive sicuramente crescerà”. Il sindaco di Tuscania Fabio Bartolacci non nasconde preoccupazione. Ieri, 20 religiose del monastero San Paolo sono risultate positive al Covid, ma potrebbero essercene di più. Sono attesi altri risultati dei tamponi di massa a cui si sono sottoposte.
 
La Asl, come da protocollo, ha avviato tutte le misure necessarie per il contenimento del virus all’interno della struttura, isolando le suore positive nelle loro stanze, dove dovranno anche mangiare, avviando la sanificazione e impedendo l’accesso al personale esterno.
 
“Oggi – dice Bartolacci – aspettiamo gli esiti dei test fatti dalla Asl perché le suore in tutto sono settanta. Se il virus restasse nelle mura del monastero, che è di clausura, ci sarebbe la preoccupazione per le nostre suore e non anche per altre persone esterne.
 
Stiamo comunque chiedendo a chiunque avesse avuto contatti con loro in questi ultimi giorni di farcelo sapere e stiamo cercando di ricostruirli anche con le monache. Inoltre vogliamo capire quando c’è stata l’ultima messa e quanta gente c’era, anche se la chiesa è molto piccola e i fedeli esterni sono molto limitati”.
 
La suore, tutto sommato, stanno bene. “Alcune hanno dei sintomi altre no. Tra loro, purtroppo, ce n’è anche una di 90 anni che è una di quelle storiche che da tantissimo è presente nella struttura e purtroppo anche lei è risultata contagiata. Sapendo come opera il virus e quanto è aggressivo sulle persone anziane, siamo preoccupati per quanto poi possa fare lo stesso anche coi più giovani”.
 
Sulla genesi del contagio, Bartolacci prova a fare delle ipotesi: “qualcuno lo ha portato dentro e, a parer mio, è arrivato attraverso le suore di Bagnoregio che collaborano e, a volte, vengono a fare attività con le nostre monache. Tant’è vero, come ho detto anche qualche giorno fa, il primo contagiato che ci ha allarmato è stato proprio un concittadino che assiste le suore e che ha avuto contatti con una di Bagnoregio“.
 
La lista dei positivi potrebbe dunque allungarsi. “E’ difficile contenere i contagi e anche all’interno della struttura c’è tutto un problema da seguire e monitorare, anche se le suore sono in quarantena e quelle contagiate isolate da quelle che non lo sono. Il numero – conclude il primo cittadino – sicuramente crescerà”.



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu