● – OFFESE A MASSIMO CARALLA: “LO SPIRITO DEL NATALE RISIEDE NEL CERVELLO, MA C’È CHI NON CE L’HA!” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● – OFFESE A MASSIMO CARALLA: “LO SPIRITO DEL NATALE RISIEDE NEL CERVELLO, MA C’È CHI NON CE L’HA!”

Pubblicato da in Blog Toscanella ·

Il periodo natalizio non è forse meraviglioso?
 
Ogni cuore sembra addolcirsi e la bontà assume una posizione più importante nella nostra vita.  È un periodo in cui ci prendiamo più tempo per esprimere l’amore per la famiglia, i genitori, gli amici e il prossimo. Ci sentiamo pervasi da un sentimento di gioia diffuso come quello che ispirò Charles Dickens nel suo commovente Canto di Natale.
 
Lo Spirito del Natale esisterebbe davvero e, secondo alcuni studiosi, sarebbe presente in ogni essere umano e si troverebbe nel cervello. E’ un sentimento che, in teoria, ci dovrebbe rendere tutti più buoni. Anche i cattivi e i cinici, quelli che negano di esserne vittime, non sfuggono al famigerato fantasma di Dickens.
 
Qualche giorno fa ho ricevuto una e-mail del Comune che mi informava della convocazione del Consiglio Comunale prevista per lo scorso 22 dicembre, così allo scopo di potervi partecipare mi sono recato presso il Municipio con l’unico mezzo di cui dispongo e cioè la mia carrozzina elettrica, in quanto disabile. Ho provato ad utilizzare l’ascensore ma fuori servizio ormai da molti anni.
 
Sono stato avvicinato da tre consiglieri, da alcuni assessori che hanno cercato di risolvere il problema e dal sindaco che mi ha promesso che per il prossimo consiglio l’ascensore sarebbe stato reso operativo. Ad un certo punto mi sono sentito dire da uno dei presenti: “Sei venuto a rompere i co….ni! Torna a casa!” per poi, immediatamente dopo aver percepito il mio disappunto, aggiungere “…stavo solo scherzando!”.
 
Mi dispiace per costui perché se è vero che a me manca la coordinazione agli arti superiori e che sono affetto da una grave forma di paraplegia a quelli inferiori è altrettanto vero che a lui mancano due organi vitali molto importanti come il cervello e il cuore.
 
Personalmente penso che dietro questa cattiveria si nascondano una profonda frustrazione, una insoddisfazione personale e una malcelata maleducazione. Una persona che abusa della sua posizione e condizione fisica per proiettare su persone indifese per la malattia, le sue frustrazioni e stress è una persona che, invece di lottare contro i lati negativi della propria vita e sforzarsi di cambiarli, preferisce cercare di scoraggiare gli altri e portarli al suo stesso livello.
 
Ma io non mi sono abbassato al suo livello anche se non nego che mi sarebbe piaciuto essermi potuto alzare dalla carrozzina, dargli del maleducato e prenderlo a calci nel fondoschiena. Prendere a male parole o trattare male una persona, e per di più un disabile, non è nemmeno qualificabile come comportamento di un essere umano. L’offesa a una persona con disabilità fisica o mentale non solo offende quest’ultima, ma anche tutte le altre persone che si trovano nelle stesse condizioni.
 
Questa è una piccola storia di ordinaria inciviltà e viltà umana, un fatto di così basso spessore che però mi auguro possa far nascere qualcosa di positivo come aumentare il rispetto nei confronti di tutti e un maggior riguardo delle persone disabili.
 
Per avvicinare tra loro tutti gli esseri umani sarebbero sufficienti quasi sempre poche semplici cose: un poco di empatia, tanto rispetto, la capacità di chiedere scusa e un sorriso ricambiato.
 
Basterebbe poco, davvero.
 
 
Tanti sinceri Auguri a tutti,  anche a quel “signore”.
 Massimo Caralla
 



19 commenti
Voto medio: 1193.7/5
1 2
dario mencagli
2018-12-26 10:32:27
Grazie per questa lettera molto bella.
E tanti auguri!
dario mencagli
Gigipica
2018-12-26 10:47:20
Tutta la mia solidarietà al caro amico Massimo per i comportamenti di certe persone che forse non hanno nemmeno l'umiltà di chiedere scusa, non ero presente, ma forse erano presenti molti membri del consiglio comunale che avrebbero dovuto dare il benservito a questo "signore". Vergogna.
Francesco
2018-12-26 10:49:43
Non ci sono parole per poter commentare l’accaduto!
Dico solo che certa gente non merita, non solo di occupare un posto pubblico come ad esempio quello di consigliere o altri, ma nemmeno di essere considerato alla stregua di un essere umano.
Altro che senza cervello!!
anna rita
2018-12-26 11:25:36
Che vergogna!!!! Proprio a Massimo che è discreto e non da' mai fastidio a nessuno!!! Io avrei messo anche il nome e cognome!!!! Tanti auguri Massimo!!!!
Giuseppe Catalini
2018-12-26 11:41:00
Un racconto pacato di una vicenda che dovrebbe far ribellare un intero paese.
Mentre nei bar e sui social molti si dedicano a disquisizioni futili, di questi fatti si parla con noncuranza.
Un paese che tratta in modo distratto questi temi non può dirsi civile!
Olmo
2018-12-26 12:40:34
Fuori il nome così vediamo quanti voti prende a maggio
Renato Bagnoli
2018-12-26 13:11:28
Tutta la mia stima e comprensione a Massimo che con le sue piccole battaglie da voce a quelle persone che si trovano nella sua stessa condizione e che spesso devono subire in silenzio i soprusi dei cosiddetti normodotati.
Grazie anche a Gigi che, con il suo blog, fa da cassa di risonanza.
Gigipica
2018-12-26 14:45:21
@Marco: la tua mail è falsa, come sei falso tu che difendi questa maggioranza che ha poca sensibilità nei confronti dei più sfortunati e non te ne frega niente dei problemi di una persona che soffre quotidianamente, magari sei quello che ti sei permesso di offendere Massimo. Vigliacco. Metti nome e cognome come faccio io, Renato Bagnoli, Dario Mencagli e altri che sono persone a me note. La storia non finisce qui. Diglielo ai tuoi amici.
Gigipica
2018-12-26 15:12:41
marco1990@libero.it: Ognuno provi a mandare una mail a questo indirizzo, si chiama Marco (?) e difende questa maggioranza che dovrebbe prendere le distanze da soggetti come questi che non possono che danneggiarli, ma la maggioranza tace su tutto, sui disabili (non risolve i problemi). La minoranza si occupi più seriamente del problema dei disabili con azioni più concrete. Non lascerò solo Massimo al quale sono legato da un'amicizia ventennale. Ci risentiamo.
Renato Bagnoli
2018-12-26 15:52:53
Non mi sembra che Massimo avesse fatto riferimento ad una persona in particolare quanto invece intendesse stigmatizzare un pessimo comportamento.
Perché il fantomatico sig. Marco ha pensato subito ad un rappresentante di maggioranza? Non dovremmo cercare il colpevole ma riflettere sul suo atteggiamento nei confronti di un ragazzo che si fa ben volere da tutti.
Renato Bagnoli
2018-12-26 15:59:23
Gigi perché non ci mostri il commento del sig. Marco?
Cosi ognuno potrà farsi un'idea e vedere quanti altri Scrooge ci sono tra noi.
Baldo
2018-12-26 16:21:52
Non dobbiamo stupirci perché li conosciamo.
Fausto
2018-12-26 17:15:53
Che questa amministrazione non avesse a cuore il tema delle disabilità è ormai noto a tutti!
Ricordate quando quella mamma non potè far entrare il figlio a scuola?
Oppure ricordate quando per far spazio alle giostre furono eliminati dei posti parcheggio riservati ai disabili a cui si interessarono i consiglieri Rossi e Save?
Ricordate le numerose segnalazioni di Caralla su questo blog?
Ricordate la mozione presentata dal M5S quasi un anno fa e che questa maggioranza ha evitato a votare arrivando fino a fuggire dal consiglio comunale per poi votarla dopo 10 mesi perdendo pure i fondi del 2018?
Ricordate? Bene...non dimenticate!
Cencio
2018-12-26 17:42:58
Signor Giuseppe Catalini posso condividere in parte il suo commento, certo la persona che ha pronunciato quella frase offensiva nei confronti di Massimo Caralla ha fatto uno sbaglio grossissimo, però a mio parere caro signor Giuseppe Catalini non si può fare tutta u'erba un fascio, per una persona che ha dichiarato quello che ha dichiarato, a mio parere lei non può dichiarare che Tuscania non è un paese civile, per me lei con quello che ha dichiarato è una offesa a tutti i tuscanesi, io sono tuscanese dalla nascita e sinceramente mi sento un po offeso dalla sua dichiarazione, le chiedo signor Giuseppe Catalini io non la conosco ma è di Tuscania lei?
Felice prochilo
2018-12-26 18:49:00
Complimenti Massimo per la tua toccante lettera. Hai dimostrato di essere un signore; speriamo che il nuovo anno i problemi dei disabili verranno presi più in considerazione da chi di dovere. Ti auguro un bellissimo anno nuovo: auguri
1 2

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu