● - IN ITALIA SI CONTINUA A MORIRE DI DROGA. MA PERCHÉ A TUSCANIA NON SE NE PARLA PIÙ? - Succede a Tuscania - Toscanella - 2017


Zodiac  


Citazione spirituale

LIBRERIADELSANTO.IT

 LIBRERIADELSANTO.IT
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IN ITALIA SI CONTINUA A MORIRE DI DROGA. MA PERCHÉ A TUSCANIA NON SE NE PARLA PIÙ?

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
 

 
Ricevo questa riflessione che condivido pienamente e la pubblico nel mio blog, nella speranza che si ricominci a parlare di questa piaga nascosta... luigi pica.
 
Una serata per provare un brivido. L'euforia che ti fa staccare dalla realtà che, a volte, può essere dolorosa. Adele De Vincenzi, studentessa di Chiavari di 16 anni, è morta per una dose di Mdma, potente metanfetamina usata per confezionare le pasticche di ecstasy che può essere ingerito in polvere mescolata all'acqua. .......
 
Qualche anno fa, grazie ai ragazzi dell'Agesci, Giorgia Benusiglio, una ragazza che a 16 anni ha dovuto subire un trapianto di fegato per aver assunto mezza pastiglia di ecstasy, e Giampiero Ghidini, il quale ha visto morire suo figlio di 16 anni per assunzione di droga, hanno portato la loro testimonianza a Tuscania ai ragazzi delle scuole medie compresi i paese limitrofi, e delle superiori, nonché ai genitori che hanno voluto assistere agli incontri.
 
Sono state testimonianze forti, a detta dei ragazzi i quali nei giorni successivi hanno elaborato con i loro insegnanti quanto ascoltato. Un'iniziativa, organizzata esclusivamente su base volontaria, che avrebbe dovuto avere un seguito, vista l'importanza dell'argomento e l’estrema facilità con la quale i ragazzi, e non cadiamo nell'errore di pensare che il nostro paese ne sia esente solo perché piccolo e situato nel centro Italia, potrebbero trovarsi ad utilizzare sostanze altamente pericolose.
 
Un argomento, invece, del quale non se ne parla più, non si sono verificate altre iniziative informative, a nessun livello. Tuttalpiù si sussurra, questo sì, se ne parla alla stregua di qualsiasi altro pettegolezzo, ma non si agisce, e soprattutto non si informa. E’ un silenzio generalizzato, quasi omertoso, alla stregua del "tanto non riguarda mio figlio, mio figlio si sa divertire".
 
E nel frattempo, a soli 16 anni, si continua a morire. Tanto, si continua a sussurrare, non riguarda mio figlio.



3 commenti
Voto medio: 130.0/5
Indignato
2017-07-30 21:04:27
Noi abbiamo tanto da fare per le feste, i bar, che producono vandalismi da alcool, musica che non ti fa dormire e poi ci sono i delinquenti. La droga facciamo finta di non vederla.
Baldo
2017-07-31 11:21:24
Strano, nelle notti bianche non ho mai visto orde di strafatti che ululano alla luna orinando magistralmente in su la via.

Ma se è vero quello che dice l'articolo allora siamo alla moda ! Siamo quasi come in tv ! Molto bene.
Renato
2017-07-31 12:11:59
Sembra che nei dintorni di Tuscania sia arrivata l’”ayahuasca", che abbonda in tutta Europa e in Italia sfruttando la scarsa informazione che si ha sui suoi possibili, tragici, effetti. E' una potentissima bevanda allucinogena che contiene DMT, dimetiltriptamina, una sostanza classificata tra gli stupefacenti più pericolosi al mondo ma legale in alcuni paesi tra i quali il nostro.
Due sentenze della Cassazione, Sezione IV, 6 Ottobre 2005, n. 44229 e Sezione I, 16 Febbraio 2007, n. 19056, e una nota del Ministero della Salute, la n. 6895-44021, del 30 Dicembre 2010, hanno stabilito che la sostanza non può essere paragonata alle altre droghe vietate nel nostro paese in quanto non «può considerarsi sostanza drogante poiché derivata in maniera naturale da piante presenti in natura nella foresta amazzonica e non prodotta da elaborazione o sintesi umana volta a potenziarne gli effetti».
Le uniche armi di cui dispone una piccola comunità come la nostra contro l’uso delle droghe, illegali o legali che siano, sono l’informazione ai giovani, il controllo del territorio e pensare che non è solo un problema degli altri.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu