● - LA DISCARICA DELL’OLIVO TRASFORMATA IN “OASI DI PACE” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2017


Zodiac  


Citazione spirituale

LIBRERIADELSANTO.IT

 LIBRERIADELSANTO.IT
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - LA DISCARICA DELL’OLIVO TRASFORMATA IN “OASI DI PACE”

Pubblicato da in Blog Toscanella ·

 
La discarica dell’Olivo, grazie all’arte di arrangiarsi, del dipendente comunale incaricato da qualche settimana di gestire il conferimento dei rifiuti è stata trasformata in “Oasi di Pace”. Così l’ha voluta chiamare l’artefice di questa trasformazione.

 
Niente di rivoluzionario, niente a che vedere con una moderna isola ecologica, eppure i semplici accorgimenti messi in atto contribuiscono ad agevolare il corretto utilizzo degli “scarrabili” ove vengono riposti i rifiuti riciclabili. Per evitare che i rifiuti vengano respinti al mittente dai centri di raccolta è stata meglio organizzata la differenziazione aumentando il numero dei contenitori. I diversi tipi di rifiuto sono stati segnalati con appositi cartelli scritti a mano a caratteri cubitali.

 
Per agevolare lo scarico dei rifiuti, come nella scenografia di un palcoscenico teatrale, sono state approntate delle scalette, tali da permettere di raggiungere comodamente l’altezza troppo elevata da terra dei grandi cassoni di lamiera. All’ingresso della discarica è stata affissa, sempre in modo artigianale, una dettagliata segnaletica verticale che permette all’utente di capire a colpo d’occhio dove deporre i diversi rifiuti riciclabili.
 
L’area è stata bonificata dai rifiuti non compatibili, come i residui delle lavorazioni edili, sono state raccolte tutte le cartacce ed altri rifiuti non degradabili che imbrattavano l’intero perimetro della recinzione. Sono stati potati gli alberi e le siepi. Dopo questi lavori la discarica, che pure va bonificata nella parte sottoposta a sequestro e chiusa il prima possibile, appare se non altro meno oscena.

 
L’ Oasi di Pace viene utilizzata da una piccola minoranza di cittadini, da anni sempre le stesse persone, che non si vogliono arrendere all’impossibilità di effettuare la raccolta differenziata. Il comune spende tanti soldi per mantenere aperta in queste condizioni la discarica dell’Olivo.

 
Con la riorganizzazione, scaturita dalla buona volontà e l’arte di arrangiarsi dell’attuale operatore, viene scongiurato il ritorno indietro dei rifiuti non correttamente differenziati, una negativa conseguenza che si è verificata più volte. Il costo dei trasporti dei rifiuti riciclabili agli impianti ove vengono recuperate le materie prime, come ferro, alluminio, vetro, carta e legno, rappresenta una voce importante del servizio di raccolta dei rifiuti.

 
Quando partirà la raccolta differenziata entrerà in funzione la nuova isola ecologica del Pratino i cui lavori sono stati da tempo ultimati.




14 commenti
Voto medio: 1143.0/5
Lupus
2017-11-27 18:53:51
Peccato però che i materiali che vengono conferiti nei centri appositi, dovrebbero essere selezionati in base a precise disposizioni.

Ogni raccolta differenziata viene organizzata a seconda di come poi i materiali vengono recuperati. In alcune zone per esempio il tetrapak viene raccolto con la plastica, mentre in altre con la carta. Il polistirolo viene raccolto con la plastica ma anche a parte. I tappi delle bottiglie di plastica (che non sono tutte dello stesso tipo di materiale!) spesso devono essere separati dalla bottiglia.
E così via.
Quindi risulta chiaro che prima di raccogliere i materiali in modo differente, occorre sensibilizzare ed informare i cittadini sulle modalità che dovrebbero essere rispettate.
Questa informazione non può essere lasciata alla buona volontà di un operatore, che potrebbe anche interpretare le procedure in modo personale e (in buona fede) creare situazioni non proprio corrette.

Nei paesi civili l'iniziativa dei singoli operatori può agevolare le azioni, ma non certo sostituirsi al vuoto di un'Amministrazione che chiacchiera di raccolta differenziata, ma che ancora non mette in atto niente, limitandosi ad approvare progetti scopiazzati e ridicoli.
Renato
2017-11-27 21:59:47
E' possibile mettere sul cancello d'ingresso un solo cartello che indichi chiaramente i giorni e gli orari di apertura dell'Oasi della Pace? Grazie.

E, invece, dell'Oasi Infernale che si trova sparsa su tutta l'area verde che circonda il polisportivo nessuno ha niente da dire? L'Assessore all'Ambiente ne sa niente?
E dell'obolo dei 5 euro?
Checco
2017-11-28 05:29:57
Renato che so le 5 euri?
Louis
2017-11-28 09:28:15
Un chiarimento che non è mai venuto da nessuna amministrazione è quello che riguarda i rifiuti raccolti grazie alla buona volontà di "una piccola minoranza di cittadini": sono una risorsa o rappresentano un costo magari maggiore rispetto all'indifferenziata?
Mark
2017-11-28 09:46:14
Non vorrei essere ripetitivo...in quanto ho giá scritto più volte di questo problema....ma chi ha un giardino....le eventuali potature di siepe , dove vanno conferite. A questa mia domanda nessuno defli interpellati mi ha saputo mai rispondere....se non dicendomi:"BRUCIALI."come se io abitassi in campagna e da solo....
Renato
2017-11-28 15:33:40
@Mark: potresti prendere esempio da chi ci amministra e buttarli al polisportivo dell'Olivo. E' una immensa discarica a cielo aperto, e ci sono pure tonnellate di rifiuti speciali. Secondo te quando si dovranno smaltire chi pagherà e come?
Renato
2017-11-28 15:39:56
@Mark: se hai ancora un poco di pazienza tra breve si potrà portare il tutto alla centrale di compostaggio che è prossima alla'apertura!
Renato
2017-11-28 22:32:12
Ritengo di dover chiarire meglio il mio pensiero quando ho scritto: "potresti prendere esempio da chi ci amministra e buttarli al polisportivo". Chiaramente non voglio dire che gli amministratori buttano le loro potature al polisportivo, ma siccome ho segnalato più di una volta le pessime condizioni del verde attorno all'impianto senza che siano mai stati presi provvedimenti sarebbe come approvare lo sversamento continuo di tonnellate di materiali diversi, immondizia compresa. Tanto è dovuto al fine di non offendere nessuno.
madmax
2017-11-29 01:11:55
Scusate ma qualcuno sa dove si possono buttare le pile esauste e gli oli alimentari?
Renato
2017-11-29 11:33:09
@Madmax: io porterei il tutto in comune. Per le pile c'è un raccoglitore in via dei 1000. Per gli olio alimentari ci sono 4 contenitori nuovi di zecca forniti dalla Provincia che marciscono al polisportivo dell'Olivo.
claudio celenza
2017-11-29 16:24:35
sono andato a vedere di persona bellissimo lavoro e pulizia non è da tutti avere 1 discarica così bravo e complementi al dipendente del comune (rispondo a tutti su questo commento ma nome e cognome a me non mi piace commentare a chi usa nomi di fantasia solo per fare commenti
a vanvera ) buona sera a tutti CLAUDIO CELENZA
Gigi Pica
2017-11-29 19:08:27
Caro Claudio Celenza... adesso penso che abbiamo fatto pace e per sigillare questa pace manca solo un caffe' (chi lo paga.. lo paga) pero'..... pero'...
Mi sono andato a rileggere tutti i commenti e nessuno se l'e' presa con il dipendente che credo abbia fatto un buon lavoro, le critiche sono per la maniera di amministrare e per una raccolta differenziata e un ecocentro che non parte.... a che serve rinnovare la discarica dell'Olivo se l'Ecocentro del Pratino sta per partire...??? Non ha senso... poi come dice Renato... c'e' una raccolta rifiuti all'interno del Polisportivo che ricordo e' gestito dalla Fulgur, presidente Giovanni Sposetti, presidente onorario Leopoldo Liberati nonche' vicesindaco e assessore anche allo Sport.
Nessuno ha condannato il dipendente. Rileggi.
Renato
2017-11-29 20:21:08
@Claudio Celenza: perché pensi che ci sia qualcuno che disprezza il lavoro di un dipendente comunale che ha fatto una cosa encomiabile? Forse hai frainteso.
claudio celenza
2017-11-30 09:43:57
Caro Giggi il caffè lo pago io domani al mercato verso le ore 10 se non hai impegni ,che poi di deve dire 1 cosa in privato ciao buona giornata

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu