● - GIORNATA DI UN VILLANO IN DIALETTO TUSCANESE. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - GIORNATA DI UN VILLANO IN DIALETTO TUSCANESE.

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
(da “Tuscania non c’è più” di Pericle Scriboni)
(le immagini sono soltanto indicative)
 
Gigge e Marcello, salutavano l'alba sonanno le campane del domo a martello, mentre le Moniche de clausura, festosamente risponnevano con le loro campanelle, le quale sembravano dire: «Co le codichelle... co le codichelle...». Così, 'ncominclava a Tuscania la giornata d'un villano, cinquantanne fa.
 
Alzatose dal letto 'ndove la su donna ancora sarnacava, se ‘nfilò le mutanne lunghe de pelosetto, poe le carzone de fustagno, se mise le scarpe grosse onte co' l'ossogna, tirò e legò le curiole e ce fece la cappiola. Messa l’acqua drento la catinozza se dette 'na sciacquata al muso, che s'era 'nsaponato, col sapone fatto a casa. Annò dillà, ne la cucina c’adera buia, prese la peretta, e appicciò la luce c’adera a forfèt.
 
Sopra al tavolino ciadera ancora ‘l quartaroncello, benché fusse digiuno ce s'attaccò e fece na ‘ngozzata de quella torcitura che 'ncominciava a sape’ de cercone.
 
Spalancò le scure de la finestra, pe veda come s’adera arzato 'I sole e quanno vidde che stava spunta e nu spunta da dietro le Cimine, ne un cielo tutto turchino, decise de fà 'na scappata lassù, 'nde quella lingua de terra a Piandemola.
 
Aperse la mesa, prese mezza pagnotta e levò dal culetto la mollica, ce fregò drento le broccole ansalata avanzate a cena. Tajò un pezzo de budelluzzo che pendolava sotto 'I camino e mise tutto drento la musarola. Staccò dal muro ’I roncio, se lo mise nella cintura de le carzone, s'enfilò la giacchetta de fustagno cadera sporca de verderame, prese l'incerata se la mise a tracolla, levò il catarcione, arzò 'I saliscenne e scappò da casa. «Te pie ’ncorpo Pe’, 'ndo vae così abbonora?». Così, lo salutò 'n’antro, che annava a beverà 'I mulo a le sette cannelle.
 
Quanno Peppe fu mellì al leone, 'nboccò la strada vecchia che porta a la Moletta, che benché  fusse piena de scavarozze, scorcia un frego pe’ annà a Piandemola.
 
Quanno arrivò mellì, 'ndade’ la strettora de S. Angelo, dove ciadé la funtaneìla del Priore, dato che quell'acqua ade’ diuretica e bona, ciannò a empi’ la barlozzetta che s'adera portato.
 
Ntramente aveva preso la pettata dopo la cartiera, fece 'no sguillone, che dineguarde nu se chiappa a ‘na ginestrara, rotolanno annava a fini da piede rompennose l’osso del collo. Arrivo’ ne la su’ terra che ‘I sole adera ngià arto, tanto che lue sudava e la camicia de pelosetto, le brache de fustagno, s'appiccicaveno tutte.
 
Ne la su terra s'era fatto 'na capanna de scopia e drento, pe’ corcasse, ciaveva 'na rapazzola. Posate le poche struffaje che s'adera portato, levatose la giacchetta e buttato 'l cappello sopra la rapazzola, prese la vanga e annò tra le filare.
 
Ciadera quarche cacchio penzolante, ce metteva 'na canna pe tenello ritto, sinnò, lo rompeva e lo nciancicava. Vangava sudanno, quanno ‘ntese sona mezzogiorno dalla campana del domo. Fattose 'I segno de la Croce, prese la furcina de sorbo, ce appiccò 'l callarello, sotto con du’ sciormente, accennette 'I foco.
 
Quanno l'acqua ’ncominciò a fa le buscighe, buttò drento al callarello ‘na patata vestita, du’ pummidorette, 'na lupa, ‘na manciata de crescione, un peperoncino rosso e fece l’acquacotta. Affettò 'l pane nel piatto burino, ce scolò sopra quanto aveva cotto, l’acconnì co’ l'oio fatto co l'ulive bastarde e messose a seda sopra un bozzo, cadera sotto la ficona, dette de piccio a quella roba co le mano, come si gnente fusse.
 
Vicino, un ramo de persico tanto pieno da piegasse, pareva che je volesse offrì  la frutta, lui corse 'na persica, se la strufinò ne le corsone, dato ch’adera spiccicarella, je buttò il peo, e ne fece 'n boccone. S'attaccò alla barlozzetta, ristorannose co’ l’acqua del Priore.
 
Quanno se sdraiò ne la rapazzola, la panza je ribbrullicava e se sentiva abbottato, tanto che je toccò allentasse la cintura. S'addormì sarnacanno come un re. S'arisvegliò cadereno le quattro, fece 'no sbadiglio, da fa fuggì le galline che razzolavano 'ntorno. Presa la zappa se mise a rinsacchià, ammazzò quarche bacarozzo, levò un po’ de gramigna.
 
Quanno 'I sole laggiù, verso la marina 'ncominclava a diventà rosso, riccotinava le su robbe e ripiava la strada de casa. Dato che pe la strada che faceva ciadera quarche fossetto, scattava tra le sasse pe’ chiappà quarehe grancio e 'ndo c’ereno, cojeva un po' de pisciallette pe falle ansalata. Fatta la pettate che dal ponte vecchio porta a la funtana del Leone, mellì, se dava 'na sciacquata.
 
Sotto l'arco de la porta, de S. Leonardo, cadera vicino all'orto de Frangilò e ce stava de casa la Menne, se dava 'na sgrullata, pe’ n'entra al paese come un pendolo. Passanno davante la bottega del Fabbretto, dove Gigge sbadacchiava un ferro arroventato sull'incudine, mentre Arcangelo girava la forgia, se ‘nformava chi avesse messo cannella, pe’ annasse a fà 'na foietta dopo cena. A casa, la moie co le fie lo stavono aspettanno e giunto lue, se mettevono a cena. Magnavono ’na ringa, 'npezzo de budelluzzo, du forchettate de pisclallette, quarche mosciarella cotta ne la paletta sopra la bracia e se cuccavono due o tre bicchiere de torcitura.
 
Poe lue usciva, pe' anna’ co' l’amiche all’osteria del Prignolo, ‘ndove magnanno le seme de zucca salate, bevve tre foiette. Quanno rincasò a notte, non trovava più manco ‘l buco della serratura, tanto che je toccò scenna a la moie, co le capelle sciorte, drento 'na camicia bianca de musolo, cadera lunga come quella de Meo. Se lo prese 'nbraccetto, salì con lue a fatica la scalinata, lo portò 'n camera e a fatica lo corcò sopra l’arto matarazzo de foia, lo gnudò, se lo rimirò un pochetto, poe lo baciò, che già sarnacava.
 
La donna se fece un giro pe la casa, a veda se le fie dormivono, quanno se fu sincerata, riannò 'n camera. Mannò un bacio a la Madonna da capo al letto e facennose la Croce pregò! Te ringrazio Gesù de stà giornata, le fie fammele cresce bene e ‘sto poro stroncicone, fammolo stà bene. Spense la luce e vicino al su omo fini la giornata.
Pericle Scriboni
 



4 commenti
giuseppe Tommasi
2022-05-06 15:13:58
Pericle. un toscanese fino al midollo!! Grande!
Lamberto Di Francesco
2022-05-07 11:11:50
Stupendo. Nemmeno Gnanone avrebbe scritto così. C'è l'ambiente, ci sono le persone, c'è il vivere d'ogni giorno, le case, le terre, i lavori, il vestire, il modo di lavorare, gli attrezzi del vivere quotidiano, la fede vera, la famiglia. Commuove le membra ed il cuore. Grande Tuscania, grandi le persone, la storia, l'arte. Grande l'amore. Grazie a chi conserva la vita vera. Necessario trovare un "luogo" ove conservare ogni sospiro che sappia di Tuscania.
Valeria
2022-05-21 16:21:20
Gigi, " Melli" esattamente vorrebbe dire :li?
Luigi Pica
2022-05-21 20:35:49
Valeria, "mellì" significa semplicemente "in quel posto" (qualsiasi, senza fantasticare cattivi pensieri).

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu