● - ALDOBRANDINO DA TOSCANELLA: DOMENICANO “VIR INTELLIGENS ET PRAEDICATOR EXIMIUS” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - ALDOBRANDINO DA TOSCANELLA: DOMENICANO “VIR INTELLIGENS ET PRAEDICATOR EXIMIUS”

Pubblicato da in Blog Toscanella ·

 
Tra il 1200 ed il 1300, oltre ai Francescani ed agli Agostiniani, Toscanella vide fiorire anche un grande domenicano:  Aldobrandino, il quale scelse di seguire Domenico di Guzmàn , fondatore dell’Ordine dei Predicatori che istruivano il popolo nella fede e nei sani costumi, dopo aver studiato profondamente.
 
Andavano vestiti di tunica e scapolare con cappuccio bianchi e cappa nera . I domenicani come i francescani fondarono la loro religiosità nella fiducia incrollabile nella bontà della creazione, per cui ogni dono di Dio è buono.
 
Tommaso d’Aquino, uno dei più grandi domenicani, approfondì ancor più la filosofia e la teologia dell’Ordine e dimorò anche a Viterbo, dove c’era un centro  molto importante di studi di filosofia naturale e di teologia.
 
Il tuscanese Aldobrandino  entrò nell’Ordine nella provincia romana e negli ultimi anni del 1200 fu lettore, cioè docente incaricato di leggere ed interpretare gli autori nelle scuole e nelle università e un grande professore.
 
Insegnò nel 1287 a Pisa, nel 1288-1289 a Pistoia, nel 1291-1292 a Siena e nel 1292-1293 a Viterbo. Visse fino al 1314. Fu anche uno dei più importanti diffusori del tomismo: le teorie di San Tommaso relative all’accordo duraturo tra fede e ragione per ricostruire l’unità del sapere.
 
La filosofia prepara razionalmente il terreno sul quale si deve fondare la ricerca della teologia. San Tommaso fece rivivere l’antico pensiero filosofico nello spirito nuovo del Cristianesimo. Aldobrandino, che  era stato allievo di San Tommaso nella permanenza a Viterbo dell’aquinate, fu un omileta, cioè compose discorsi sacri, omelie ed istruzioni catechistiche come i sermonari o trattati: De sanctis, De tempore, Scala fidei, Decalogi, Expositio orationis  dominicae, De paenitentia, De peccatis, De domo spirituali che inizia con “domus mea domus orationis vocabitur” tratto dal versetto 13 del ventunesimo capitolo del Vangelo di Matteo, la stessa frase che leggiamo in alto sopra l’altare principale nella Concattedrale di San Giacomo Apostolo Maggiore a Tuscania.  
 
Aldobrandino seguì la vocazione nell’Ordine domenicano e, essendo di Toscanella, era vissuto nel ricordo del magistero e della missione di San Francesco. Nella sua opera  “ Summa exemplorum” espose che San Francesco era simile a Cristo nel desiderio della povertà, della benevolenza e della virtù,  per il decoro della rettitudine, per l’abbondanza della pienezza, per l’eccellenza della profondità; San Francesco fu conformato dal segno divino, rinvigorito dal divino aiuto, elevato con il divino mezzo;  come Cristo si mostrò vicino ad una fonte d’acqua viva,mutò l’acqua in vino,benedì e donò il pane, riportò al verdeun ciliegio secco che produsse frutti, liberò le pecore e i buoi dalla malattia, predicò agli uccelli, guarì le persone da varie infermità, salvò persone annegate nel mare, nei laghi e nei fiumi, resuscitò donne e uomini defunti, tormentò e sconfisse in molte maniere i demoni come è chiaro in molti miracoli.
 
La sua carne, per essere consumata dai molti digiuni e dalle afflizioni, nella morte rifulse con molto splendore.  Aldobrandino fu un dotto predicatore ed approfondì le opere del classici greci Platone ed Aristotele, del filosofo romano Severino Boezio e del teologo e filosofo cattolico Ugo da San Vittore, commentato da San Bonaventura da Bagnoregio.



6 commenti
Voto medio: 160.0/5
simonetta
2018-10-24 21:31:22
confermo, sono sempre interessantissimi questi articoli. complimenti.
Baldo
2018-10-25 12:30:30
Ma Aldobrandino concorre per il commmune il prossimo anno ?
Baldo
2018-10-26 16:43:38
Certo che 275 eurini (ho la casa piccola) per l'acqua che non è neanche potabile fanno riflettere.

Siccome a tuscania dubitiamo dell'arsenico e parteggiamo per il baccalà anche Aldombrandino da bravo Tomista avrebbe ritenuto razionale credere nell'acqua avvelenata con la rivelazione di fede nel pesce essicato.

Ma che tazzo ho detto ? Ho detto cose coerenti con il dibbbbattito pubblico tuscanese.


p.s.
comunque io Aldombrandino lo voterei : per la regggggioooneeeeeee.........
Cencio
2018-10-28 16:15:49
Baldo e per il commmuneeeee chi voteresti?
Baldo
2018-10-28 18:02:17
Io Aldombrandino lo vedo benone sia alla Reegggiuone che al Commmune.

Alla Regggiuone perchè certamente farebbe arrivare tante finanziamente: per sviluppà lo sviluppo del territorio (con scappellamento a destra implicito).

Al commmune invece, Aldombrandino lo vorrei votare per farmi fare un parcheggio tutto mio.

Un parcheggio personale e trasportabile : in pratica un cartello con scritto “Riservato a Baldo” in modo da spostarlo insieme alla mia macchina e metterlo a piacere. Anche al centro della sagrà del baccccaaaaaallaaaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!!!!!


Cencio
2018-10-28 19:32:54
Sei forte Baldo se ti canditi te do il voto

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu