● – LA FANTOMATICA LETTERA ANONIMA, ECCOLA. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● – LA FANTOMATICA LETTERA ANONIMA, ECCOLA.

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
Ricevo questa lettera con preghiera di pubblicazione nel mio blog, con la speranza che questa questione termini per il bene di tutti. luigi pica.
-------
Gentile Toscanella, visti tutti gli indugi e contrattempi che si sono sollevati , al fine di concludere questa antipatica vicenda  che ha suscitato e suscita vivide  e sommesse polemiche,  mi sento  in dovere inviare il testo   della fantomatica lettera, affinché tutti, leggendola, finalmente possano avere chiara e trasparente la questione tanto discussa  e trarre le proprie autonome  considerazioni.
--------
Tuscania, 19 Settembre 2020
 
Alla Dirigente dell’Istituto Ildovaldo Ridolfi
Dott.ssa Paola Adami
 
 
Al Sindaco del Comune di Tuscania
Fabio Bartolacci
 
E p. c.
Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio
Ufficio X Ambito Territoriale di Viterbo
via del Paradiso, 4 01100 Viterbo
 
E p.c. Al Prefetto di Viterbo
dott. Giovanni Bruno
Piazza del Plebiscito, 8 01100 Viterbo
 
 
Oggetto: osservazioni e riflessioni riguardo la situazione della scuola primaria Ildovaldo Ridolfi, sita in Tuscania (VT), viale Trieste 2.
 
Buongiorno a tutti,
 
con grande dispiacere, corre l'obbligo ai sottoscritti genitori degli alunni della Scuola Primaria Ildovaldo Ridolfi, sita in Tuscania (VT), viale Trieste 2, segnalare il profondo disappunto riguardo il subito ritardo della riapertura scolastica per questo anno.
 
Un rammarico suscitato non tanto da un semplice slittamento di pochi giorni della riapertura, ma in generale, da un profondo senso di scarsa considerazione attribuita a questa importante occasione di efficienza e prontezza sociale quale deve essere la riapertura all'insegnamento e, più nello specifico, la percezione più fastidiosa che gli alunni di questa scuola appartenessero ad una scuola di secondo rango tali da poter attendere passivamente la loro ripresa scolastica.
 
Tutto sopra esposto emergeva da sporadiche comunicazioni formali o carpite da chat e siti di informazione, evidenziando, anche in questa, poca trasparenza e chiarezza di intenti, l'indifferenza e sottostima della nostra scuola.
 
Infatti, si riusciva a venire a conoscenza che:
 
     
  • il      giorno martedì 8 settembre era stato convocato il Consiglio d’Istituto e      ad oggi, 19 settembre, non veniva ancora pubblicato il verbale di seduta;      pur essendo previsto di legge un tempo entro il quale pubblicare il      verbale, in un momento delicato come l’emergenza Covid-19, sarebbe stato      auspicabile poterlo visionare, per dar modo ai genitori di comprendere le      difficoltà organizzative per la riapertura;
  •  
  • il      giorno 10 Settembre u.s. apprendevano dalla pagina di informazioni di      Tusciaweb che alcuni Dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi delle      scuole della provincia di Viterbo, alla data del 8/09 u.s., chiedevano il      rinvio dell'apertura delle scuole motivando in maniera perentoria la      mancanza di requisiti igienico-strutturali nelle stesse;
  •  
  • il      giorno venerdì 11 Settembre venivano a conoscenza, attraverso un video      postato dal Sindaco del Comune di Tuscania sul canale Facebook, della      posticipazione dell’apertura della scuola per il giorno 24 settembre, in      cui veniva ribadita la mancanza di requisiti igienico sanitari e di      sicurezza della stessa. Successivamente l'Ordinanza di pari oggetto veniva      pubblicata sull'albo pretorio del Comune (Ordinanza n.91/20 del      11/09/2020);
  •  
  • il      14 Settembre u.s., tuttavia, alcune delle scuole dell'Istituto      Omnicomprensivo F.lli Agosti, cui fa capo codesto Dirigente, hanno avuto      regolare apertura, degnamente regolamentata attraverso la stesura del      “Piano per la ripartenza” redatto proprio dallo stesso Dirigente, il quale      aveva anche l'incarico di reggente per il nostro Istituto, con riconferma      dal 1 settembre. Il Piano per la ripartenza è stato ampiamente divulgato      sul sito della scuola dell'Istituto Omnicomprensivo F.lli Agosti in modo      trasparente, tempestivo e preventivo;       
  •  
  • in      modo concitato e con piena disorganizzazione, senza nessun Atto formale,      il lunedì sera del 14 settembre venivano invitate le associazioni di      volontariato di questo Comune per dar sostegno al personale della scuola      per la messa in sicurezza e riordino della stessa, secondo le norme anti      Covid-19; l'indomani all'invito si presentavano su base volontaria      componenti delle diverse associazioni, che hanno lasciato trapelare che      l'incontro non aveva potuto esitare in nessuna azione concreta per      accertata indisponibilità di segnaletica, procedure per la sanificazione e      di quant'altro necessario che, prodigalmente, al contrario, veniva      riportato nel su citato “Piano per la ripartenza” elaborato da codesto      Dirigente per le scuole di sua competenza;
  •  
  • soltanto il giorno 19 Settembre u.s. Codesto      Dirigente, attraverso una “Lettera informativa a tutti i genitori per      l'avvio del nuovo anno scolastico” sul sito dell'Istituto Ildovaldo      Ridolfi , pubblicava una sorta di giustificazioni del rinvio dell'apertura      della scuola attribuendola a ritardi di comunicazioni istituzionali,      giorni delle ferie estive dell’ultima settimana d’agosto che si sono      sommati alla prima decade di settembre periodo delicato per organici,      assegnazione di nuovo personale, riorganizzazione del nuovo anno      scolastico, riconferma della reggenza.
 
Per quanto sopra, riteniamo sia legittimo il dispiacere lamentato in tutta questa vicenda, senza il sentore del suo mormorio non si sarebbero avute ancora ad oggi sommarie, affrettate spiegazioni.
 
Non si può non restare colpiti e delusi di fronte all'incoerente modo di agire per la riapertura delle scuole, tra quanto attuato nell'Istituto Omnicomprensivo F.lli Agosti e nella scuola di Tuscania, la quale sembrerebbe essere stata volontariamente relegata a figlia di un Dio minore in fatto di diritti allo studio ed alla sicurezza, in relazione alle indicazioni del Governo per le modalità di riapertura: riesce difficile accettare perché le direttive del Governo siano state recepite ed attuate in tempi diversi tra i due plessi scolastici e che gli stessi abbiano avuto esigenze diverse per le ferie estive, assegnazione di nuovo personale, riorganizzazione del nuovo anno scolastico.
 
Non si può non restare colpiti e delusi di come una scuola che in data 11 Settembre u.s., dichiarata non conforme per i requisiti igienico sanitari e di sicurezza a seguito di un sopralluogo dei locali effettuato dal Sindaco del Comune di Tuscania, possa trasformarsi in soli 5 giorni in una struttura idonea, quindi in un tempo estremamente breve e ricavabile anche prima del 14 settembre, fatte salve ferie, riassegnazioni del personale, e qualunque altro impegno improrogabile di ordine amministrativo, di cui anche la scuola ne dovrebbe far parte fondamentale.
 
Non si può non essere sconcertati di fronte ad un frettoloso e goffo ricorso di affidare a volontari la messa in sicurezza di una struttura, sottovalutando la prima regola di sicurezza, lasciando entrare di fatto estranei nella scuola, esponendo la stessa (tende comprese) e il personale a possibile contaminazione/diffusione del Covid-19, a Tuscania, in contrasto alle disposizioni del protocollo d'intesa del MI, per l'Istituto Omnicomprensivo F.lli Agosti come doviziosamente indicato nel Piano per la ripartenza emanato;
 
Non si può non restare colpiti e delusi di fronte al profuso impegno quotidiano tra scuola e comune per la riapertura della scuola, che non ha conosciuto pause né limiti di orario, quando solo il ricorso alle nostre Associazioni di volontariato, di cui ne andiamo più che mai fieri oggi, ha reso possibile la ripartenza che sarebbe dovuta essere attuata in primis dal personale preposto, sia Comunale che scolastico.
 
Tutto sopra non ha l'intenzione di cercare colpevoli, tanto meno di voler recriminare il breve ritardo della riapertura della scuola, bensì la diffusa mancata trasparenza delle problematiche che potevano essere risolte ed affrontate con largo anticipo con le stesse associazioni di volontariato e con Noi genitori firmatari che da sempre partecipiamo alle difficoltà manifestate negli anni dalla scuola, ritenuta punto cruciale e fondamentale per la perpetuazione del senso civile di una società.
 
Nel ringraziare della Vs cortese attenzione, vogliamo ben sperare che tutta la vicenda possa solo aiutare a far crescere quella fattiva collaborazione tra le parti coinvolte (Scuola, Amministrazione comunale e genitori) e preservare quel dignitoso riguardo che meritano, quali futuri componenti di questo tessuto sociale, i nostri amati figli.
 
Alcuni Genitori della Scuola Primaria “Ildovaldo Ridolfi”
 



17 commenti
Voto medio: 1170.0/5
1 2
Baldo
2020-10-08 12:40:22
In provincia di Viterbo solo alcune scuole hanno tardato l'apertura.

La maggioranza delle scuole della provincia di Viterbo hanno aperto regolarmente alla data prevista.

Sarebbe bello che qualcuno spiegasse le ragioni al popolo sottostante (e pagante).
TRASPARENZA
2020-10-08 13:24:06
@Baldo: Popolo o suddito? La differenza è sostanziale.
Guardia del corpo
2020-10-08 16:45:06
Adesso faccio un invito a tutti i colleghi e in particolare alle guardie del corpo dei destinatari della lettera a trovare chi è e chi non è stato offensivo.
Renato Bagnoli
2020-10-08 16:55:58
La sensazione è una insufficiente comunicazione.

Non mi sembra poi così inverosimile e fantasiosa.
Cittadino
2020-10-08 20:55:05
Faccio un appello, basta polemiche e cerchiamo tutti di collaborare. In questo momento l'unità è la cosa più logica.
Renato Bagnoli
2020-10-09 09:28:14
Dopo aver diviso, si fa appello all'unità.
Sarebbe bastato non aver pubblicato la risposta alla lettera su obiettivo comune.
Giuseppe
2020-10-09 13:10:50
Sig. Bagnoli lo decide lei quello che si deve dire e pubblicare. Ha qualche carica, è stato eletto dal popolo? Ci illumini
GENITORE2
2020-10-09 14:46:43
Mo' che i fatti sono evidenti i difensori dell'indifendibile sventolano bandiera bianca.
Bisognerebbe prima ammettere l'incapacità dei soggetti causa di questa situazione mal gestita e sappiamo chi sono.
E poi collaborare con chi non accetta neanche critiche comprovate, diventa difficile.
Una domanda su quanto detto da Renato in merito alla segnaletica che non era disponibile il giorno 11 che doveva essere acquistata e posizionata in largo anticipo. Qualcuno sa da quale laboratorio degli elfi è uscita fuori dopo quella data?
TRASPARENZA
2020-10-09 15:05:29
La lettera (anonima) è chiara, i destinatari, lo sono un po' meno.
Cittadino, ma quale unità?
Renato
2020-10-09 15:27:28
@Genitore 2: non mi sembra di aver mai parlato di alcuna segnaletica, anche perché non ne so niente.
GENITORE2
2020-10-09 18:21:40
Renato ,uno dei motivi per cui le famose associazioni di volontari non hanno potuto dare il loro contributo prima del 14 è proprio la mancanza della segnaletica che poi abbiamo trovato "appiccicata per terra " nelle sede elettorale, frecce rosse e gialle, nastri , pallini , cartelloni di avviso e prescrizione....
GENITORE2
2020-10-09 18:53:34
Mi scuso per aver letto e interpretato male il tuo intervento in altro post su questo sito.
Renato Bagnoli
2020-10-09 19:18:38
Sig. "Giuseppe" la invito a leggere con più attenzione.
Non mi passa neanché per l'anticamera del cervello dire a chicchessia cosa deve dire o pubblicare, tantomeno all'amministratrice di obiettivo comune.
Dico solo che era ovvio che, pubblicare la risposta della DS senza rendere nota la lettera anonima visto che il sindaco era in indirizzo, avrebbe innescato tutta una serie di polemiche divisive. Poi vista la malparata si fa un appello all'unità?
Piuttosto, visto che sembra essere così vicina alla stanza del potere potrebbe ricordare al sindaco che da diversi giorni sto aspettando la sua risposta alla mia lettera firmata.
Grazie sig.ra Giuseppa
GARBATEZZA
2020-10-09 20:08:42
Tanto rumore per nulla. Una lettera garbata, che pone delle domande su delle inefficienze evidenti. Una lettera che ha ricevuto risposte offensive ingiustificate. Urge esame di coscienza, se c'è una coscienza.
#ILCAMPANARO
2020-10-09 20:18:41
A questo punto, aveva ragione Bagnoli che serviva ascoltare le due campane. Ma Bagnoli è un rompi che da' molto fastidio. Signor Bagnoli, non molli, lei è l'unica vera opposizione. Continui.
1 2

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu