• - ‘L PIGNO DE LE FRATE - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - ‘L PIGNO DE LE FRATE

Pubblicato da in Ganassa ·
‘L PIGNO DE LE FRATE. In una poesia di Luciano Laici.
 
Lì dietro alle Cerquette c’era un pigno,
chiamato per appunto de le frate,
perché da loro lì come ‘no scrigno
se coltivava pe’ fà le magnate;
il pigno ch’era sì spropositato
da un ciclone fu un dì sdiradicato.
 
Il sindaco Nicola Salvatori,
pe’ che ricordallo quell’avvenimento,
lo ripiantò coll’amministratori
in modo dico d’avvicendamento,
e lastra affisse ad un muro vicino (1
che ancora lì s’ammira per benino.
 
Du’ segone saldaron le Moretti
pe’ poe segallo pel trasporto,
ed un palchetto con assi perfetti (2
messo ce fu  pe’ lavoracce a corto:
e Peppe Onori, detto ‘l Marchiciano,
fu tra quelle che ce la misero le mano.
 
Ecco perché ‘l sito Pigno se chiama,
cosa che certo tutte nun sapranno,
e la lastra, che quel fatto richiama,
l’ ho citata per chi Tuscania l’ama,
perché, scordando le fatte trascorse,
avremo l’avvenire pare in forse.  
 
 
1)   Questa è la targa in marmo è affissa al muro esterno della casa del fu palafreniere Iacopo Roverelli che è sita dietro al museo nazionale di Tuscania: 27.03.1949, L’amministrazione Social/Comunista in questo dì volle in un col popolo far sorgere la novella pianta per perpetrare nei secoli la vetusta tradizione popolare la dove il vecchio pino per ottocento anni vide e cantò dall’alto fasti e nefasti, gioie e dolori di Tuscania antica
 
 
   O VECCHIO PINO ANCORA  FRA LA TUA CHIOMA
     IL VENTO CANTI AI POPOLI ASPETTANTI
     GIUSTIZIA E LIBERTA’!!!
 
 
Il sindaco Nicola Salvatori                    (B. Gessi)
            Segretario A.  Micio
 
B.   F. Sartori, G. Iacobi, G. Palombella, P.Astolfi, G. Ciccioli D, Brizi
 
 
2)   Il fatto mi è stato raccontato dal fu Onori Giuseppe detto il Marchiciano. Io a quel tempo avevo cinque anni. Lo stesso mi disse che fu approntato un palco alquanto alto, tanto era grosso il tronco, per consentire a quattro operai di lavorare comodamente in special modo per tirare i manici di legno del segone con due operai per lato.
 
Tuscania 28.08.2022 - Luciano Laici
 



Nessun commento

Articoli recenti
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu