● - DIFFERENZIATA OBBLIGATORIA IN TUTT’ITALIA TRANNE CHE A TUSCANIA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - DIFFERENZIATA OBBLIGATORIA IN TUTT’ITALIA TRANNE CHE A TUSCANIA

Pubblicato da in Dal Web ·
 
Nel comune, dopo l'iniziale sperimentazione introdotta nel 2002, il servizio è stato abbandonato e sono tuttora in funzione i cassonetti.
 
Tutti i comuni italiani sono obbligati per legge ad effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti. Ciò comporta che, da una parte, essi debbano attuare una gestione che privilegi l’efficacia, l’efficienza e l’economicità del servizio (ad esempio con la raccolta porta a porta), dall’altro che gli abitanti ovviamente collaborino alla raccolta, effettuando la divisione a monte secondo le tipologie dei rifiuti ed il conseguente esatto conferimento.
 
La legge, la numero 152 del 2006, è in vigore da oltre 13 anni in tutta Italia tranne che a Tuscania, dove ancora sembra essere sconosciuta agli amministratori.
 
Nella ridente cittadina d’arte e di cultura, è ancora in vigore la raccolta con i cassonetti stradali, quella che oramai sembra appartenere ad un’epoca preistorica nell’immaginario collettivo.
 
Un metodo dunque, in spregio assoluto della prescrizione normativa che stabilisce:
 
b”1. Fatto salvo quanto previsto al comma 1-bis, in ogni ambito territoriale ottimale, se costituito, ovvero in ogni comune deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti:
 
     
  1. a)      almeno il trentacinque per cento entro il 31 dicembre 2006;
  2.  
  3. b)      almeno il quarantacinque per cento entro il 31 dicembre 2008;
  4.  
  5. c)      almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012.”
 
Una situazione a dir poco paradossale visto che, invece, nel 2002 il servizio era partito con tutti i crismi, addirittura con il “porta a porta”, una rivoluzione per l’epoca.
 
A distanza di qualche tempo però, l’esperimento si  è bloccato, riportando il paese indietro nel tempo.
 
Ora la “nuova” amministrazione ha promesso il tanto agognato cambiamento, con l’avvio della differenziata a partire da settembre.
 
I cittadini si interrogano però, viste le precedenti vane promesse, a quale anno ci si riferisca.
 



4 commenti
Voto medio: 143.0/5
Andrea
2019-07-24 23:09:43
Riparliamone a settembre.
Se non parte sta differenziata faremo un articolo, adesso mi sembra che tocca scrivere per forza di cose qualcosa!!
Vero che siamo all'età della pietra ma l'Amministrazione ha detto settembre?...
...Aspettiamo e vediamo (e speriamo)
Mago Merlino
2019-07-25 08:17:08
A Settembre succederà un Quarantotto o arriverà Lancillotto!
#poracciannoe
2019-07-25 14:20:09
Qualcuno dice che la differenziata inizierà a settembre? Ma come si fa a dire certe cose? Non c'è nemmeno un progetto. Mica sono cioccolatini. Ci vuole del tempo sperando che non si copi male. Si bonifica il vecchio scarico dell'Olivo? Ma prima vogliamo bonificare l'accesso alla discarica della Pineta? Che per andarci si impolvera tutta la Macchina? Ma come li fate i progetti? Secondo come vi svegliate? Un po' di buon senso.
Andrea
2019-07-27 17:32:14
Poracciannoe, ma mo pure le macchine inpolverate? Su via!!!
Se laverà!!
Piuttosto pensamo che un camion non riesce a passare dietro ai cassoni. Perché il passaggio è stretto e non consente al furgone di fare la curva ed uscire.
Fenomeno quell"ingegnere! !!
Pensamo alle cose serie no alla macchina che si impolvera!!!

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu