• - II COMUNE GELA LE ASPETTATIVE “NIENTE SOLDI, IL CANILE NON SI FA” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - II COMUNE GELA LE ASPETTATIVE “NIENTE SOLDI, IL CANILE NON SI FA”

Pubblicato da in Corriere di Viterbo ·
Dal Corriere di Viterbo del 15 mrzo  2019 - Di Veronica Ruggiero
 
I fondi della Cassa depositi e prestiti sono stati utilizzati per altre opere pubbliche.
 
Il sindaco Fabio Bartolacci ha chiuso la vicenda del "Rifugio Speranza" con una risposta netta ad un'interrogazione presentata dal consigliere Fabio Rossi.
 
Dopo anni di incertezze, promesse e speranze, il primo cittadino ha espresso un netto diniego, prima in sede di consiglio comunale e poi per iscritto, alla possibilità di costruire, come da iniziale progetto, il canile comunale.
 
Solo pochi mesi, fa durante un incontro con Daniele D'annibale, vice responsabile del Nucleo operativo del Movimento animalista, il partito fondato e presieduto dall'onorevole Michela Vittoria Brambilla, al quale erano presenti anche alcuni assessori delia giunta comunale tuscanese, l'amministrazione aveva invece promesso che la realizzazione del nuovo ricovero per amici a quattro zampe sarebbe stata una certezza e che sarebbero state prese tutte le misure necessarie per snellire le pratiche burocratiche per raggiungere il risultato.
 
Un obiettivo che già l’amministrazione Natali, otto anni fa, aveva cercato di raggiungere, attraverso la predisposizione di un progetto, di una variante urbanistica, degli atti necessari alla realizzazione dello stesso, del conferimento di un appalto e addirittura dell'inizio lavori. Lavori poi bloccati a pochi giorni dall’insediamento di Bartolacci.
 
"Relativamente alla gestione del problema randagismo da lei sollevato nell'interrogazione del 29 aprile 2017- si legge nella risposta al consigliere Rossi da parte del primo cittadino - non è intenzione di questa amministrazione comunale utilizzare i fondi della Cassa Depositi e Prestiti per la realizzazione del canile comunale. Tali finanziamenti sono stati in parte utilizzati per la realizzazione di opere ritenute più importanti per la comunità di Tuscania".
 
Bartolacci, nella nota, chiarisce che è sempre stata convinzione degli amministratori che il canile debba essere costruito attraverso l’impiego di fondi privati e non sul terreno comunale come da variante, visto il lascito che una cittadina tuscanese avrebbe devoluto alla costruzione della struttura.
 
Il sindaco evidenzia ancora: “Considerando che il ‘Rifugio Speranza' ha già avuto lo sfratto dal proprietario del terreno sul quale è situato e rimane sotto sequestro amministrativo, nonostante attraverso il costante impegno dei volontari abbia promosso più di 300 adozioni, è ormai chiaro non vi sia futuro per questa struttura e i suoi ospiti".
 
Dopo unni di incertezze, tira e molla, promesse e dietro front, con questa comunicazione del sindaco, che non lascia spazio a ripensamenti, per il canile comunale la partita sembra sia essere chiusa per sempre.

Veronica Ruggero



9 commenti
Voto medio: 190.0/5
Gigi Pica
2019-03-15 17:45:18
IO SONO SEMPRE DELL'IDEA DI UNA BELLA MANIFESTAZIONE FACENDO UNA PASSEGGIATA CON I NOSTRI AMICI AL GUINZAGLIO A PIAZZA DEL COMUNE, NEL PIENO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE, SE SERVE, CHIAMIAMO LA BRAMBILLA CHE BENE O MALE FA NOTIZIA... CI VENGO PURE IO..... MI FACCIO PRESTARE IL CANE DA QUALCUNO....
Caos
2019-03-15 19:54:34
Ma perché questa amministrazione i cani li uccide? No per capire Giggi una manifestazione è giusta non perché non si fa il canile ma se non si fa la lotta al randagismo. Questa amministrazione la fa? Porta i cani in altri canili oltre che a Rifugio Speranza? Spende dei soldi per tenere i cani? Se non fa queste cose sono d'accordo con te ed anche io manifesto tanto ho 2 cani.
Fausto
2019-03-15 22:07:56
Esatto Caos! Questa Amministrazione non ha mai fatto lotta al randagismo visto che delega a privati la gestione che guadagna per ogni retta che incassa. Solo i volontari di Tuscania hanno nel tempo portato all'adozione di centinaia di cani che altrimenti sarebbero finite nelle spese del Comune.
Caos
2019-03-16 07:56:53
Non sviamo il discorso per favore. Nei canili sia privati che pubblici c'è l'obbligo delle adozioni. Dobbiamo tutti ringraziare le persone che con passione si dedicano ai cani specie i nostri compaesani. Spero e credo infatti che Rifugio Speranza sia una associazione Onlus sennò di cosa stiamo parlando? Ma sono certo che sia così infatti solo con l'associazionismo si è mossi dallo spirito di passione senza altri fini. A parte ciò a me sembra che il Comune eroghi svariati soldi per i canili e loro fanno il loro dovere con le adozioni. Dunque fatemi capire dove è il problema. COmune e Rifugio fanno la loro parte. Bravi
Fausto
2019-03-16 13:53:03
Il Comune continuando a portare decine e decine di cani a Viterbo non fa la sua parte! Capisciamme!!!
madmax
2019-03-17 15:07:27
Ma con tutti i problemi che abbiamo a Tuscania e in Italia con un debito pubblico che rischia il collasso, dobbiamo pure mantenere i cani randagi? Quando fate le manifestazioni spiegate pure quanto costa in tasse a ogni cittadino un canile o avete paura.
ultimo
2019-03-18 14:07:20
Chissà se l'emissario della Brambilla ha saputo di questa notizia, dopo la granitica frase pronunciata: "IL CANILE SI FARA', PAROLA DI SINDACO" ma si sa..... promesse da marinaio.
Renato
2019-03-18 14:38:06
Verso la metà degli anni 90 il settimanale satirico Cuore pubblicava un articolo dal titolo " Vuoi aiutare lo Stato? Uccidi un pensionato".
Oggi invece sembra esserci qualcuno che pensa di "aiutare lo Stato lasciando al suo destino ogni cane abbandonato".
La differenza tra una persona intelligente ed un imbecille è che il primo può sempre fare l'imbecille mentre il contrario è impossibile.
massimiliano
2019-03-18 15:25:27
@madmax, ha ragione quando scrive : "con tutti i problemi che ci sono a Tuscania..."ma in questi cinque anni questa amministrazione ha provato a risolverli? No! Allora mi domando: è meglio mantenere un canile che viene gestito da persone oneste o pagare le tasse per gli stipendi e benefit, di amministratori che hanno ulteriormente peggiorato Tuscania...senza dimenticare che in questa maggioranza ci sono sindaco e un assessore che sono ancora sotto inchiesta da ben cinque anni. Che bella figura eh...ma ci sono ancora i soliti ingenui (per non dire altro) che hanno il coraggio di difenderli (per i favori ricevuti in questi anni) e sopratutto il coraggio di dare loro un'altra possibilità di amministrare per altri cinque anni...altro che indagine archiviata dopo un anno. Leggete bene l'articolo di pochi giorni fa, e prima di parlare e sopratutto votare (maggio) pensate a quello che fate mettendo la x nel posto sbagliato...mai vista un amministrazione che ha portato tanta vergogna a Tuscania

http://www.tusciaweb.eu/2019/03/guarda-mi-chiamato-capitano-massimo-cuneo/

https://corrierediviterbo.corr.it/news/tuscania/680547/le-intercettazioni-che-hanno-incastrato-il-comandante-cuneo.html

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu