• - I GIUDICI SFRATTANO I 21 CANI RIMASTI AL “RIFUGIO SPERANZA”. di Veronica Ruggiero - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - I GIUDICI SFRATTANO I 21 CANI RIMASTI AL “RIFUGIO SPERANZA”. di Veronica Ruggiero

Pubblicato da in Corriere di Viterbo ·


Da Corriere di Viterbo del 31/08/2018:
 
Il tribunale ha deciso che il Rifugio Speranza dovrà lasciare libero il terreno sul quale è nato.
 
Una lunga battaglia legale che ha condannato il comune a pagare 10 mila euro a titolo di occupazione dello stesso e a lasciare libero il terreno di proprietà privata. Una sentenza che non lascia dubbi sul da farsi, mentre ne rimangono molti a proposito del futuro del canile stesso.
 
Nato nell’estate del ’95 il Rifugio Speranza, su iniziativa di alcuni volontari per dare un rifugio ai randagi della zona, oggi ospita 21 cani ed è sotto sequestro amministrativo. Inizialmente sovvenzionato dai volontari, amanti degli amici a 4 zampe, dopo varie battaglie nel 2010 la struttura viene posta sotto sequestro amministrativo in seguito ad un controllo dei NAS, con la prescrizione di movimentazione dei 54 cani allora presenti in uscita ma non in entrata, oltre ad essere destinataria di una sanzione amministrativa.
 
Il rifugio passa dunque sotto la responsabilità di Teresa Tosi, precedentemente volontaria che aveva da lungo tempo prestato servizio presso la struttura, mentre l’amministrazione Natali decide di fare un bando per la costruzione di un nuovo canile comunale. Nel 2014 finalmente iniziano i lavori, per i quali l’amministrazione aveva chiesto due mutui, ma pochi mesi dopo l’attuale amministrazione Bartolacci blocca immediatamente la costruzione, mandando anche 24 mila euro di contributo regionale in perenzione.
 
“Secondo quanto sentenziato il terreno deve essere immediatamente lasciato libero da cose, animali e persone – spiega il sindaco Fabio Bartolacci – avendo questa pendenza dal 2008 non abbiamo voluto investire soldi nella costruzione del canile. Secondo i calcoli ci sarebbero voluti 250 mila euro per costruire una struttura a norma, ho preferito investire quei soldi in lavori pubblici, strade, ristrutturazione della scuola ed altro. I cani mi costano 70 mila euro l’anno, verso al rifugio un contributo di 2,20 euro a cane al giorno, come in ogni altro canile della provincia. Siamo più interessati a spendere per i cittadini che per i cani, se qualche privato vorrà investire nella costruzione di un canile non siamo contrari, ma non investiremo soldi pubblici”.
 
Secondo quanto è stato possibile apprendere infatti ci sarebbe un’offerta privata da parte di un’amante degli animali per la realizzazione del rifugio. “Il rifugio versa in condizioni fatiscenti, pochi giorni fa in seguito al mal tempo sono cadute delle piante –spiega Teresa Tosi – ho dovuto fare un’assicurazione per la paura che succeda qualcosa. Una persona ha dato la sua disponibilità economica per la realizzazione del canile, naturalmente anche il comune dovrebbe fare la sua parte”.
 
Veronica Ruggiero



3 commenti
Voto medio: 135.0/5
madmax
2018-09-02 15:12:36
Chi ama i cani se li deve mantenere senza gravare sugli altri.uno stato serio spende i soldi pet i servizi ai cittadini non agli animali randagi.una volta c'era l accalappiacani che girava e eliminava i cani randagi ho lasciati in giro senza che si potesse risalire al padrone si dovrebbe ripristinare.
Cuban
2018-09-04 15:47:48
Sono in sintonia con il Sindaco Bartolacci e in perfetto accordo con madmax i soldi si devono spendere per i cittadini non per i cani, se uno li ama li puo accudire con i propri soldi senza chiedere niente a chi non è interessato. D'altra parte ci sono tantissime persone che li amano e vorrebbero curare e mantenere, che mettessero i soldi per il canile e spendessero i loro soldi per il cibo e le medicine, sono sicuro che sarebbero contenti di farlo.
Lupus
2018-09-10 12:23:46
Madmax e Cuban non hanno perso occasione per dimostrare la propria ignoranza. E Cuban nell'affermare certe stupidaggini tira dentro anche il Sindaco, attribuendogli la volontà di non rispettare le leggi dello Stato.
Per questi due sempliciotti e per quanti non lo sapessero, le leggi italiane OBBLIGANO i Sindaci a farsi carico dei cani che girano randagi nel loro territorio.
Questo obbligo si traduce in una serie di adempimenti (cattura, inserimento del chip, alloggio dell'animale, cure, alimentazione, pulizia, etc etc).
Questo ha dei costi che si aggirano intorno ai €3 al giorno.
Quindi ogni Sindaco deve accollarsi certi oneri.
Capito? DEVE e non può scegliere o raccontare fesserie!
La sola scelta delle Amministrazioni è quella di pagare la retta ad un canile che si trova presso altri comuni oppure averne uno nel proprio territorio.
Se si mettono i cani a Viterbo (per esempio) si paga il corrispettivo al canile di Viterbo. Ma se invece si ha un canile nel proprio comune, si gestisce la cosa in proprio, dando anche lavoro a diverse persone, oltre che agevolando la pratica delle adozioni e conseguentemente riducendo il numero dei cani alloggiati nel canile ed i relativi costi.

Non so chi si nasconda dietro quei due nomi di fantasia, ma sicuramente si tratta di persone per nulla informate e ossequiose verso l'Amministrazione Bartolacci.
Restate pure inginocchiati alla corte dei vostri idoli, ma almeno cercate di informarvi ed evitate di fare figure da fessi!

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu