● - LE LUMACHE CHIAPPATE ‘NDE LE MESE CO’ LA ERRE IN UNA POESIA DE GANASSA. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - LE LUMACHE CHIAPPATE ‘NDE LE MESE CO’ LA ERRE IN UNA POESIA DE GANASSA.

Pubblicato da in Ganassa ·
Doppo ‘na primavera malandrina,
‘n’ state e autunno state siccitose,
e spero che nun dure ‘sta manfrina,
che le danne ha ‘ngia fatto a tante cose,
perché alle piante ha gelato ‘gnì frutto,   
e della terra ‘l raccoltto ha distrutto.

Pre che quarche  grosso nuvolone   
mo lo vedemo apparì da levante,
facenno pure più de ’n acquazzone,  
e de ferlenghe se trovono tante,
spettamo le gallette e l’ordinarie,
quelle vengono si variono l’arie,

La cicorietta adé scappata fore,
ch’è tanto bona come pe’seconno;
se pole cojja quanno sete fore,
che ‘n’erba così bona  nun ce n’è al monno,
io la strascino col pommidoretto,
quanno a magnalla doppo me ce metto.

Si le purcine nun hanno buttato,
è perché vònno l’arie quelle adatte;
e quarche pratarello s’è trovato
e le lumache che ad un certo tratto,
io l’ho chiappate pe’ ‘na magnatella,
benché se dice che ‘n’è ‘na cosa bella:

l’afferma un detto, che tutte citamo,   
che ‘n sanno da chiappà ‘nde quelle mese
che ci hanno l’erre, quanno le nomamo.
Ogge però io l’ho chiappate e prese
e meno male che ce so’ persone
che su ‘sta cosa ne fanno questione,

e pure si ci ce hanno l’ova internamente
come ‘l caviale è come lo storione,  
le magnono ben cotte e bene al dente.   
Dateme  retta a me  so’ tanto bone:
adesso che so’ grasse e so’  ‘mpallate,
voe sentirete ‘l gusto, se magnate.

Luciano Laici
Tuscania 31.10.2021




Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu