● - L’IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO APRE I CANCELLI, LA TASSA SULL’IMMONDIZIA A TUSCANIA DIMINUIRÀ? (Video) - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - L’IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO APRE I CANCELLI, LA TASSA SULL’IMMONDIZIA A TUSCANIA DIMINUIRÀ? (Video)

Pubblicato da in Dal Web ·

 
Fonte: Tusciaweb.eu
 
di Giuseppe Ferlicca
 
Dentro la struttura che dalla prossima settimana entra in funzione.
 
L’impianto di compostaggio a Tuscania apre i cancelli. La tanto discussa struttura la prossima settimana entrerà in funzione.
 
Nel frattempo, l’azienda stamani ha voluto far fare un giro perlustrativo ai cittadini per capire il funzionamento. Probabilmente anche per esorcizzare i dubbi sull’impatto che qualcuno teme possa avere sul territorio.
 
Una cinquantina i presenti, ci sono anche il sindaco Fabio Bartolacci e il prefetto Giovanni Bruno.
 
La struttura partirà in due momenti. Da lunedì il compostaggio, mentre la parte del biogas per la produzione d’energia elettrica sarà avviata fra un paio di mesi.
 
“Voglio rassicurare – spiega Bartolacci – che sono state installate centraline codificando le emissioni per questo tipo di impianto. Saranno effettuati controlli a sorpresa, grazie a un’intesa col Politecnico di Torino, impiegando laureati del prestigioso istituto. Fa parte della convenzione e le verifiche a sorpresa saranno a carico della società”.

 
La struttura con una capacità di 7mila megawatt annui e 50mila tonnellate annui di forsu trattati, ha propri sistemi per contenere gli odori all’interno dei capannoni. Nelle intenzioni dell’azienda è pubblicare le analisi periodiche online, magari sul sito del comune.
 
“Un altro aspetto di cui ci stiamo occupando – continua Bartolacci – è la viabilità. Evitare che ci sia il passaggio dei mezzi all’interno della città di Tuscania.
 
Ho avuto i nominativi dei tre vettori incaricati, ai quali ho chiesto di evitare il passaggio all’interno del comune e hanno tutti acconsentito, evitando l’attraversamento delle strade provinciali che passano dal paese. Dieci chilometri in più a loro non creano problemi”.

 
Nell’impianto, per Bartolacci i centri della Tuscia devono avere precedenza nel conferimento. “Preferiamo che siano loro a portare la frazione organica. Poi, siccome la struttura ha una potenzialità maggiore rispetto a quanto possono tutti i comuni viterbesi, l’approvvigionamento l’azienda lo fa dove lo ritiene più giusto”.
 
C’è già richiesta per il materiale prodotto, il compost. “Coldiretti, qualora sia della qualità prevista, ne ha chiesto l’utilizzo, con l’acquisto a un centesimo a tonnellata, prezzo che l’impresa ha accettato”.
 
La prefettura si è occupata di un altro aspetto: “Abbiamo preteso dall’impresa – sottolinea Giovanni Bruno – la sottoscrizione di un patto della legalità antimafia, affinché tutto il materiale conferito da fuori provincia non avesse alcuni tipo di problema”.
 
L’energia elettrica prodotta, capacità un megawatt l’ora, sarà utilizzata dallo stesso impianto e la parte residua immessa sulla rete nazionale.
 
 
Tuscania avrà una compensazione per ospitare l’impianto, un beneficio economico che si dovrebbe aggirare sui 300mila euro, una parte per abbattere la tariffa, un’altra per investimenti nel settore ambiente, come la realizzazione d’aree naturali o bonifiche.
 
Il tour all’interno dell’impianto in località Fontanile delle donne è partito dal punto in cui arriveranno i rifiuti, passando attraverso le varie fasi, della durata di settimane, fino a quando non si arriva alla parte finale, quando il rifiuto diventa a tutti gli effetti compost e se risponde ai criteri richiesti può essere venduto.
 
Giuseppe Ferlicca
 
 
.



7 commenti
Voto medio: 170.0/5
Renato Bagnoli
2019-07-22 22:01:08
Se le spese per i controlli a sorpresa saranno a carico del "controllato", probabilmente sarà la solita commedia all'italiana dove il controllato si controlla da sè.
Chi garantisce che l'energia prodotta non supererà 1 megawatt/h? Sempre il controllato?
Anche la storiella del beneficio economico che dovrebbe andare ad abbattere la tariffa per l'umido (che non differenziamo) a vantaggio di chi andrà? Ancora del controllato fai da te?
Ahiahiaiaiai!
mark
2019-07-23 13:57:55
...infatti....è come un'inchiesta che ho visto alcuni giorni fa. Le aziende che sono bio, pagano i soggetti che dovrebbero controllare affinchè gli rilascino l' attestazione biologica dei loro prodotti....quando però capita che riscontrino(pochissimi casi)delle irregolarità...quindi non possono più lasciare il prescritto bollino, le aziende li cacciano e si rivolgono ad altri,magari più elastici nei controlli...Anche qui, i soggetti controllori dovrebbero esseri scelti dall'amministrazione...poi magari le fatture per le spese sostenute di detti controlli spediti ad "ASIA"...altrimenti andrebbe a farsi benedire l' imparzialità e la sorpresa dei controlli.
madmax
2019-07-23 15:13:53
Ma il piano antincendio ed evacuazione delle zone circostanti in caso di incendio è stato redatto ? Sarebbe opportuno che il Comune individuasse il raggio di pericolo e avvisasse per iscritto i cittadini interessati del rischio incendio e rischio diossina o altro in caso di incendi o esplosioni e le misure di sicurezza da adottare .se ci vuole la maschera antigas arrivassero almeno.Il piano di emergenza è stato redatto e dove lo si può leggere?
Asfalto sospetto
2019-07-24 19:22:14
Stesa di asfalto spesso come non mai dalla rotonda a via Tarquinia e verso l'impianto , liscio per evitare scissoni e togliere le buche sempre ignorate . Saranno contenti i balneari che passeranno comodamente per Tuscania , tanto i camion destinati al fontanile sappiamo che gireranno alla larga da Tuscania e chissà se gli altri paesi sono stati messi al corrente.
Baldo
2019-07-25 13:13:45
Asfalto sospetto lo sai che non ci avevo pensato ?

Visto i lavori ero un po’ perplesso ed ho pensato “ … numble .. numble .. certo che questi lavori si fanno d’estate quando il traffico è al massimo … numble … “ ora invece tu m’illumini d’ immenso !

Preparano l’accoglienza per i Comuni che fanno la differenziata, quelli che hanno scelto Tuscania per riporla. Immagino che quando hanno cercato il comune dove portarla devono avere avuto un’illuminazione e pensato “ .. numble … numble .. dove il piatto tipico è il baccalà la monnezza dovemo portà … numble …”


p.s.
Ho fatto un sogno, ho sognato una grande puzza ed uno che mi agita sotto il muso un certificato e mi grida “ non è puzza perché i valori sono a norma sei tu che sei gravidoooooo ….”
Asfalto sospetto
2019-07-26 00:11:42
Grazie Baldo contento di averti illuminato..........chiedeva .. è vero Eccellenza che i camion non passeranno da Tuscania? Eccellenza rispondeva , certo che no , ho fatto l'ordinanza! Poi è seguito il rinfresco ....e l'asfalto liscio .. Essere trattati da scemi da questo di turno è proprio da alloccchi . Chissà quanti benefici per Tuscania
Renato
2019-07-27 10:13:15
Proprio stamane intorno alle 9:30 mentre uscivo dal supermercato in via Tarquinia è passato un camion che ha lasciato un "fresco odore di fogna" che ha ristorato tutti i passanti e residenti con le finestre aperte per il caldo.

E' un peccato che la maggior parte di questi (forse) sia stata fermata dall'ordinanza(!).

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu