● - TROPPI ASSEMBRAMENTI, MINI ZONE ROSSE A TUSCANIA. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - TROPPI ASSEMBRAMENTI, MINI ZONE ROSSE A TUSCANIA.

Pubblicato da in Dal Web ·
Fonte: Tusciaweb.eu
 
Coronavirus - Ordinanza del sindaco Fabio Bartolacci -
Per i trasgressori sanzioni fino a mille euro.
 
Coronavirus, a Tuscania scattano le mini zone rosse. La decisione è stata presa dal sindaco Fabio Bartolacci perché “nelle ore pomeridiane, serali e notturne si registra la presenza di numerosi adolescenti e ragazzi con situazioni di aggregazione e assembramento e con rischio e fonte di contagio”. Il tutto, sottolinea il primo cittadino, “nonostante le limitazioni nazionali”.
 
L’ordinanza parla chiaro: da ieri, lunedì 26 ottobre, dalle 16 alle 24 di tutti i giorni (poi scatta il coprifuoco regionale) chiuse:
 
-        via della Torretta,
 
-        via Poggio Barone,
 
-        via del Turco,
 
-        piazza Vittorio Veneto,
 
-        largo Padre Alceste Piergiovanni  (largo della Rosa).
 
“È fatto salvo – sottolinea Bartolacci – l’accesso e il deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.
 
Una misura, questa del sindaco, “di natura precauzionale tesa a prevenire una possibile potenziale trasmissione del virus, evitando ogni forma di assembramento nei luoghi pubblici”. Per i trasgressori sono previste sanzioni dai 400 ai mille euro.
 
“I ragazzi – dice Bartolacci – hanno bisogno di socializzare, ma noi abbiamo il dovere di fare i controlli e di cercare di evitare che si creino situazioni di pericolo”.
 
Il Coronavirus intanto continua a contagiare anche a Tuscania. Ieri la Asl ha comunicato altri quattro casi. Ma c’è pure un guarito: il titolare del bar Centrale. “Luigi Rinaldi – annuncia Bartolacci -, il primo a essere contagiato, ha superato questo difficile momento senza tanti problemi”.

 



3 commenti
Voto medio: 130.0/5
madmax
2020-10-27 14:30:22
Ma perché il sindaco invece di occuparsi dei ragazzi che non rischiano quasi niente per il virus non si interessa di vedere come sta funzionando l assistenza sanitaria domiciliare?e non si occupa dell 'assistenza domiciliare di chi è malato o sta in quarantena? Troppo facile fare lockdown e divieti. che facciamo rifermiamo tutto per 8 o 10 mesi fino alla prossima estate poi che mangiamo i dpcm? Inoltre forse il sindaco non sa che i minorenni non sono perseguibili né penalmente né amministrativamente se non per reati gravi contro la persona? Infatti le infrazioni con i ciclomotori vengono contestate ai genitori o proprietari dei mezzi poiché responsabili della circolazione dei veicoli. In Italia esistono ancora le leggi non è stata sospesa la costituzione.
Fausto
2020-10-28 17:34:11
Il Sindaco non sa neanche che le persone positive al test non sono contagiati. Il termine è assolutamente improprio e diffonde disinformazione e panico. Il termine "Contagium Vivum Fluidum", cioè contagio vivo e fluido fu utilizzato per la prima volta nel 1809, da allora si applica ad un contagiato evidente, vivo che trasmette ad altri un virus. Quindi presenta evidenti sintomi di tale patologia. Mi fa specie che a dire queste cose debba essere io che non faccio il medico. Che si informi prima ed usi, per il ruolo che ricopre termini corretti e non impropri.
madmax
2020-10-28 19:21:53
Comunque l importante è fare la piscina, invece di fare un ambulatorio con attrezzature per diagnosi urgenti senza andare al pronto soccorso di Viterbo e aspettare 5,10 ore se va bene se no pure 24 ore per avere una diagnosi. L importante è la piscina. Acquisteranno pure i droni per correre dietro ai ragazzini. Poi si meravigliano perché la gente protesta se le persone avessero visto un minimo di organizzazione. Dicono di fare il vaccino antinfluenzale ed è quasi impossibile farlo, chiudono ristoranti e bar e poi fanno viaggiare i pendolari stipati come animali, e sperate di non andare al pronto soccorso di belcolle perché vi lasciano su una barella per giorni se la raccontate e non solo adesso che c'è il covid. Poi si meravigliano che la gente si ribella.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu