• - I REGOLAMENTI VANNO APPLICATI E NON MODIFICATI IN QUESTO MODO - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - I REGOLAMENTI VANNO APPLICATI E NON MODIFICATI IN QUESTO MODO

Pubblicato da in Renato Bagnoli ·
IL Regolamento di Polizia Urbana approvato nel 2002 all’art. 21 prevede che i cani possano entrare nei giardini pubblici.


 
Pochi mesi dopo essersi insediato il sindaco dichiarava, sul sito istituzionale del Comune, che era sua intenzione “creare gruppi di lavoro specializzati sul problema del randagismo e la gestione degli animali. Continuava spiegando che “era necessario far capire che chi possiede i cani debba rispettare le norme igieniche e della comune convivenza”.  E concludeva che “a breve sarebbe iniziata una attività di controllo”.


 
Dopo quasi due anni dalle dichiarazioni del sindaco il Consiglio Comunale, nel marzo del 2016, approva il Regolamento sul corretto possesso e conduzione dei cani.


 
Tale regolamento all’art. 9 prevede che i cani al guinzaglio possano entrare nei parchi e giardini comunali.


 
Lo stesso regolamento all’art. 25 stabilisce che entro la fine del mese di giugno 2016 il sindaco avrebbe creato il Nucleo Tutela Animali e provveduto a far formare il personale della Polizia Locale. A oggi ancora non si sa niente di questo nucleo.


 
Nonostante i regolamenti di Polizia urbana e quello sui cani che, all’epoca, consentivano l’ingresso ai giardini e al parco comunale, all’esterno degli stessi continuavano ad esserci i cartelli di divieto e gli agenti della P.L. invitavano i cittadini con cani ad uscire.
 
Il giorno 28 maggio 2016 chiedevo al Comune per quale motivo gli agenti della P.L. invitassero i cittadini con cani al guinzaglio ad uscire dai giardini e dal parco di Tor de Lavello.
 
Il successivo 29 giugno 2016 continuavo a chiedere spiegazioni e il 27 luglio mi veniva risposto che l’ingresso dei cani nei parchi era disciplinato dall’art. 9 del regolamento sul corretto possesso dei cani.  Articolo che prevede che questi possano entrare se condotti al guinzaglio.
 
A una domanda ovvia mi viene risposto con una altrettanto ovvia risposta!
 
Come a voler dire: “ cosa lo chiedi a fare basta leggere il regolamento!”.


Nei giorni seguenti mentre mi trovo al parco di Tor de Lavello vedo una signora anziana con due cagnolini e un giovane con un bellissimo cane al guinzaglio che vengono fatti uscire dal parco da due agenti della P.L.
 
Allora il 26 agosto 2016 scrivo al segretario comunale per avere chiarimenti.


 
Con mia grandissima sorpresa il giorno 2 settembre 2016, quindi una settimana dopo la mia richiesta, mi viene comunicato che dal giorno 28 luglio 2016, il giorno successivo alla lettera del comando della P.L. del 27 luglio che mi informava che i cani al guinzaglio potevano entrare nei parchi, questi ultimi non potevano più entrare ai giardini di viale Trieste e al parco di Torre di Lavello.
 
Pertanto a oggi NON ESISTE NESSUNA ORDINANZA CHE VIETA L’INGRESSO AL PARCO DELLA CASACCE.


 
MI ASTENGO DAL FORMULARE CRITICHE PERCHE’ RISCHIEREI UNA DENUNCIA.

Renato Bagnoli.



Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu