Passeggiate Anna Rita - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● – FINE SETTIMANA (27-28 FEB) CON ESCURSIONE TURISTICO/CULTURALE CON ANNA RITA PROPERZI

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·
SABATO 27 FEBBRAIO 2021 - PARCO MARTURANUM TRA NECROPOLI RUPESTRI E FORRE VULCANICHE

 
Riprendiamo il nostro programma tra i parchi più belli del Lazio, con l’escursione tra natura ed archeologia, alla scoperta del Parco Marturanum e del delizioso borgo di Barbarano Romano.
 
La potenza visiva e la bellezza di questo itinerario sono difficili da descrivere a parole. Camminando lungo i sentieri, ne potrete scoprire tutte le caratteristiche, immersi in una natura selvaggia e spettacolare.
 
Secondo gli archeologi, nessuna necropoli etrusca presenta una varietà e ricchezza di tipi sepolcrali come quest’area. Molte tombe risalenti all’ VII secolo a.C., sorgono sui fianchi di una rupe tufacea occupata da un insediamento stabile già durante l’età del Bronzo. Ma è durante il VI secolo a.C. che la città di Marturanum conobbe il massimo splendore, favorita dalla posizione naturalmente fortificata sulla via che da Cerveteri conduceva a Orvieto, fino a diventare l’avamposto della potente Tarquinia verso Roma.
 
Le antiche e suggestive tombe sul pianoro del Caiolo sono il Tumulo della Cuccumella, del Caiolo e le splendide tombe dei Carri e dei Letti proprio nella parte più alta della rupe che si affaccia sulla forra. Tra le tombe monumentali  troviamo quella della Regina, con la facciata alta dieci metri, mentre la tomba del Cervo presenta sopra una gradinata laterale un singolare bassorilievo che rappresenta la lotta tra un cervo e un lupo, scelto dal parco come logo stilizzato dell’area protetta.  Poi seguendo il sentiero che scende nel vallone s’incontrano via via le altre, a partire dalle tombe dette Palazzine ed ancora la Tomba Rosi, la Tomba Costa ed il monumentale Tumulo Cima.
 
Quest’area protetta è caratterizzata da una grande varietà di ambienti naturali  tipici delle valli fluviali vulcaniche chiamate forre, scavate nel tufo dai torrenti e dei panoramici pianori, in parte ricoperti da boschi di querce e pascoli. Tra i luoghi più ricchi di vita del Parco Marturanum, troviamo senza dubbio i corsi d’acqua che ospitano una grande quantità di anfibi.
 
Su un’altra altura di roccia tufacea sorge l’abitato di San Giuliano, con la piccola chiesa medievale omonima, anch’essa in tufo, oltrepassando la quale si giunge ad un punto panoramico affacciato sul sottostante vallone e a poca distanza uno spettacolare bagno di epoca romana. Quasi mille anni di storia nella necropoli etrusca di San Giuliano.
 
Al termine dell’escursione faremo tappa anche nel caratteristico borgo di Barbarano Romano, per una passeggiata che permetterà di ammirare la sua struttura a spina di pesce con i vicoli e le case medievali in tufo e le caratteristiche scale a profferlo. Alla fine del pianoro tufaceo uno splendido affaccio sul profondo vallone del fiume Biedano.
 
INFORMAZIONI E DETTAGLI 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae (anche whatsapp) o tramite mail annaritaproperzi@gmail.com;
 
COSTO ESCURSIONE: 15,00 euro a persona; gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni
 
CARATTERISTICHE PERCORSO: Il percorso di tipo E (escursionistico) è lungo circa 8 Km con un dislivello di circa 150 m; presenza di piccoli torrenti facilmente attraversabili; il percorso è adatto a chiunque sia abituato a camminare.
 
APPUNTAMENTO: sabato 27 febbraio ore 09:45 presso l’area attrezzata e punto ristoro del Caiolo, strada comunale delle Quercete – Località Caiolo. Al momento della prenotazione sarà comunicato il luogo di incontro con posizione google. Fine escursione ore 16.
 
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: posti limitati nel rispetto delle norme anticovid19. Al momento della prenotazione verranno fornite tutte le informazioni riguardo i DPI e il rispetto delle norme comportamentali che si dovranno firmare per conoscenza.
 
PRANZO: al Sacco e almeno 1lt di acqua a testa
 
ABBIGLIAMENTO: adatto alla stagione invernale, capi comodi, giacca impermeabile, scarpe da trekking, consigliati i bastoncini da trekking, torcia per godere al meglio degli interni delle tombe.

 
DOMENICA 28 FEBBRAIO 2021 - VITORCHIANO IL BORGO SOSPESO E IL MONUMENTO NATURALE DI CORVIANO

 
Una suggestiva escursione alla scoperta del misterioso abitato rupestre di Corviano, dichiarato Monumento Naturale e situato nel territorio di Soriano nel Cimino. Si visiterà Vitorchiano, uno dei borghi medievali più ben conservati della Tuscia, sospeso su una alta rupe di peperino, con le numerose scale a profferlo che si affacciano sui vicoli, creando un sorprendente effetto caleidoscopico, degno di un dipinto di M.C Escher. Sotto la rupe fu girato il celebre film  “L’armata Brancaleone”, di Monicelli, che utilizzo come set alcuni tra i luoghi più belli della Tuscia.
 
La fascia dei boschi che scende dai monti Cimini alla valle del Tevere custodisce un grande numero di tesori archeologici. Nascosti nei fossi, avvolti dalla fittissima macchia, sigillati dall’interramento,  ignoti ai più, questi tesori hanno riposato per secoli, fino al giorno della loro riscoperta della quale sono stati protagonisti in molti: archeologi, amministratori, studenti universitari di beni culturali, gruppi di studiosi locali, cercatori individuali, speleologi e associazioni escursionistiche.
 
L’abitato medievale di Corviano è uno di questi tesori, tra i più cospicui. Il sito si trova, su un pianoro di peperino, tipico elemento del paesaggio della Tuscia, che, per le sue caratteristiche strategiche e per la sua facile difendibilità, è stato occupato fin dall’alto medioevo. Come tutti i villaggi importanti era dotato di un castello e di una chiesa. Ma le sue abitazioni erano invisibili, nascoste agli occhi ostili, scavate sottoterra, attrezzate nelle grotte, accessibili in gran parte soltanto dalle pareti rocciose grazie a pianerottoli e scale mobili. Tanto che nelle pergamene medievali i beni appartenenti al castrum di Corviano erano definiti semplicemente come “domos, criptas, casalina, canapinas, molendina”. Se oggi possiamo visitare Corviano e restarne attoniti è perché nell’ultimo quarto del secolo scorso è stato oggetto di scavi, rilievi, opere di messa in sicurezza.
 
Si partirà dal suggestivo abitato di Vitorchiano scendendo tra i pittoreschi scorci delle sue case abbarbicate  alla roccia. La prima parte del sentiero ci condurrà fino al fiume, che seguiremo per poterci muovere lungo un piacevole paesaggio di colline coltivate a nocciolo. Arriveremo all’ingresso di un’area protetta; qui un percorso ad anello ci porterà a visitare la rupe che caratterizza Corviano, dove sarà possibile visitare alcune grotte abitate in varie epoche, i ruderi di una chiesa medievale, una piccola necropoli con tombe antropomorfe o a logette e i ruderi del castello con un fossato ancora ben visibile, e ancora i resti di una mola medievale con cascata.
 
Il percorso ad anello ci riconduce al punto di partenza, tornando così a Vitorchiano. Riprenderemo le macchine per andare a vedere il famoso Moai di Vitorchiano, manufatto realizzato dagli artigiani Maori dell’isola di Pasqua, del quale vi racconterò la leggenda.
 
INFORMAZIONI E DETTAGLI 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae (anche tramite whatsapp e telegram) o tramite mail annaritaproperzi@gmail.com;
 
COSTO ESCURSIONE: 15,00 euro a persona; gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni
 
APPUNTAMENTO: previsto   alle ore 9.30 a Vitorchiano, Piazza Umberto I. Ampio parcheggio su Via della Teverina dopo il semaforo, in direzione Grotte Santo Stefano. Al momento della prenotazione sarà comunicato il luogo di incontro con posizione google. Fine escursione intorno alle ore 16.
 
CARATTERISTICHE DEL PERCORSO: Il percorso ad anello di circa 11 km, con 150 metri di dislivello a scendere e salire. Il percorso si svolge su strade di campagna sterrate ed in alcuni tratti fangose o di peperino che può risultare scivoloso.
 
PRANZO: al sacco, 1 litro di acqua a testa.
 
ABBIGLIAMENTO: importante indossare scarpe da trekking o con suola antiscivolo,  abbigliamento adeguato alle condizioni meteo (è consigliabile portare un capo impermeabile, anche un kway) e per chi è abituato ad usarli i bastoncini sono consigliati,  una buona scorta d’acqua,  kit anti-Covid-19 (mascherina e igienizzante).

 
Anna Rita Properzi
Guida Turistica abilitata dalla Regione Lazio
Guida Ambientale Escursionistica
Iscritta al Registro Italiano Aigae n. LA390
Lingue straniere: inglese e francese
Tel. 333 4912669; e-mail: annaritaproperzi@gmail.com
 
 



● - FINE SETTIMANA CON ANNA RITA PROPERZI: DA LATERA A MEZZANO SEGUENDO LA VIA DEI FARNESE

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● – FINE SETTIMANA CULTURALE/ESCURSIONISTICO CON ANNA RITA PROPERZI

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● - ANNA RITA PROPERZI: SI TORNA IN ESCURSIONE! - ANTICA CITTÀ DI MONTERANO E PARCO MARTURANUM

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● - DUE APPUNTAMENTI CON RISERVA DI DPCM: ANTICA CITTÀ DI MONTERANO E PARCO MARTURANUM. con Anna Rita Properzi.

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● – LE PROSSIME ESCURSIONI DI FEBBRAIO DI ANNA RITA PROPERZI, SALVO DPCM.

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● – DUE ITINERARI NATURALISTICI NEL FINE SETTIMANA CON ANNA RITA PROPERSI, ASPETTANDO IL DCPM

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● – LE PROSSIME ESCURSIONI CULTURALI DI ANNA RITA PROPERZI

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● - SABATO 19 E DOMENICA 20 DICEMBRE: SUL SENTIERO DEI CASTELLI E DELLE FIABE E NECROPOLI ETRUSCHE. Con Anna Rita Properzi.

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·

● – GIOVEDÌ 10, VENERDÌ 11 E DOMENICA 13 DICEMBRE – PASSEGGIATE TRA CULTURA E NATURA CON ANNA RITA PROPERZI.

Pubblicato da in Passeggiate Anna Rita ·
Successivo
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu