● - “BASTA SAGRE, FESTE, E MANIFESTAZIONI”. di Renato Bagnoli. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - “BASTA SAGRE, FESTE, E MANIFESTAZIONI”. di Renato Bagnoli.

Pubblicato da in Renato Bagnoli ·
Dopo lo sfogo del capo della Protezione Civile Siciliana che lo scorso anno aveva dichiarato: Basta fare servizi nelle feste di paese, controllare il traffico, assistere a gare ciclistiche o sportive e banchetti vari, la Protezione civile deve assistere la popolazione nelle emergenze, non svolgere attività che poco c’entrano con la sua missione” sembra che ormai chi vive a pieno il mondo della protezione civile si stia sempre più rendendo conto della situazione drammatica. “Sindaci incapaci schiavi del voto e della loro ottusità che mescolano politica e volontariato di protezione civile! Sagre, Funerali, Amicizie. Cose assurde che stanno distruggendo una macchina che tutto il mondo ci invidiava. Il responsabile?. La Politica! Che sia locale o nazionale il male della Protezione Civile è la politica!”.
 
Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile con la circolare n. 45427 del 6 agosto 2018 ha finalmente posto definitivamente la parola fine all’utilizzo di Volontari di Protezione Civile in Sagre, Manifestazioni e altre attività sportivo-ricreative.
 
La circolare stabilisce che il Volontariato organizzato di protezione civile può essere impiegato esclusivamente per svolgere attività di natura organizzativa e di assistenza alla popolazione e non deve interferire con i servizi di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.
 
L’intervento dei volontari della protezione civile nelle pubbliche manifestazioni a parere del Dipartimento si può espletare anche in ambiti non riconducibili a scenari tipici di protezione civile solo ove l’associazione ne consenta l’impiego nel proprio statuto.
 
 
L’organizzazione di volontariato in tale ipotesi non interviene in qualità di struttura operativa del servizio nazionale di protezione civile dunque è libera di inviare il proprio personale se lo consente lo statuto. Ma senza impiego di loghi e stemmi di protezione civile.
 
Resta totalmente precluso al volontariato anche in questo caso svolgere servizi di viabilità e regolazione del traffico veicolare. E i volontari della protezione civile non possono neppure occuparsi delle altre attività di controllo del territorio come il servizio di controllo accessi, i servizi di vigilanza ed osservazione, la protezione delle aree interessate dall’evento e l’adozione di impedimenti fisici al transito dei veicoli con interdizione dei percorsi di accesso.
 
Probabilmente la circolare del Capo Dipartimento inviata a tutti i sindaci forse a Tuscania non è mai arrivata visto che si continua a vedere personale del Gruppo Comunale della Protezione Civile impiegato in sagre, feste e manifestazioni.
 

 



11 commenti
Voto medio: 1113.0/5
Renato
2019-07-08 10:48:17
@obiettivo comune perchè non mi spieghi di quale idiozia sto parlando?

Ogni volta dici che scrivo idiozie senza mai specificare in cosa consisterebbero.
Quando mancano gli argomenti usi sempre la tattica delle offese gratuite ... o cerchi di mettermi contro coloro che invece intendo tutelare, ma con me non attacca.

E' tempo perso. Come già ebbi modo di scrivere è come voler scolpire i tuoi escrementi: è impossibile a farsi, non da nessuna soddisfazione ma soprattutto puzza.

Mi sono solo limitato, come sempre, a riportare ciò che vedo allegando foto e documenti.
Perchè non lo vai a dire al Capo del Dipartimento della Protezione Civile che scrive idiozie?
Hai forse la Coda di paglia?

Se c'è qualcuno che offende il Gruppo di Protezione civile Comunale non sono certamente io ma colui/coloro che li impiegano contravvenendo alle disposizioni emanate proprio a tutela loro e della loro immagine.

Un cordiale saluto
Gigipica
2019-07-08 11:00:36
Credo che chi scrive su Obiettivo Comune 2.0 e continua a dare dell'idiota a Bagnoli e di conseguenza anche a me, MOLTO PROBABILMENTE NON HA LETTO L'ARTICOLO, oppure ha letto solo il titolo altrimenti si sarebbe accorto che c'è una circolare del Consiglio dei Ministri che dice chiaramente come deve essere impiegata la Protezione Civile.

Per chi scrive su 2.0: si dice TUSCANESI non TUSCANIESI come per gli abitanti di Siena si dice SENESI e non SIENESI. Studia.
Renato bagnoli
2019-07-08 11:27:09
@obiettivo comune come dici tu:
".... questa volta l'idiozia riguarda l'utilizzo del gruppo di ProCiv per il quale, il Bagnoli, ha pubblicato una nota che fa una serie di disquisizioni sull'utilizzo di questa importante struttura organizzativa, Avere affermato tali idiozie è un'offesa per il gruppo di ProCiv...."

Ti informo che le disquisizioni non sono mie ma sono quelle del Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, riportate nella circolare che vieta ai comuni di impiegare personale che si qualifica e porta insegne della della Protezione Civile in attività che non li riguarda, al fine di tutelare la loro immagine.

Prima di scrivere cazzate, cerca di capire ciò che leggi, poi informati e se necessario spara sentenze.

Ti stai preoccupando del fatto che, forse, ora non potrai impiegarli per la Notte Bianca?
Baldo
2019-07-08 13:12:28
Tuscaniesi è più elegante.

Le persone perbenino hanno detto sempre Tuscaniese mentre i cafoni " Tuscaneseeeee" !!

Siccome, adesso, semo tutti furbi e rifiniti possiamo dire in coro TUSCANIESE.

Poi quando la puzza di latrina proveniente dall'impianto della monnezza riavvolgerà la ridente cittadina ogni TUSCANIESE potrà dirsi soddisfatto di cotanta furbizia.


Giuseppe Catalini
2019-07-08 14:38:47
Non ho mai letto organi di partito, e quella pagina fb la possiamo assumere al Secolo d'Italia, o all'Unità.
Se voglio sapere cosa fa l"Ammimistrazione comunale consulto.il suo.sito ufficiale.
Un paio di volte ho controllato quella pagina e solo perché un.amico mi aveva informato che ero stato citato. Verificate le sciocchezze e risposto in modo chiarificatore, non ho poi dato alcun peso a ciò che anonimi scrivevano a nome della lista ed ai truculenti commenti zeppi di sciocchezze e falsità.
Io ho altro da fare.
Qui leggo che gli stessi anonimi amministratori della pagina definiscono "idiozie" le circolari del dipartimento protezione civile.
Se codesti anonimi hanno il coraggio che scrivano al capo della prociv, oppure tacciano ed evitino di fare ulteriori brutte figure.
Stefano
2019-07-08 14:57:44
Sig. Luigi Pica, non serve studiare quando, come Lei, si può fare il copia/incolla dal sito del prof. Giontella (Faccio un esempio; Siena in latino è Sena –ae ; l’aggettivo è Senensis, da cui Senese (e non Sienese!!)). Questo non toglie che siamo Tuscanesi. La cultura viene fornita dalla scuola e dai libri, non da Google. La saluto e Le auguro ogni bene.
Renato Bagnoli
2019-07-08 16:00:11
@2.0: Se davvero codesto comune ha cosi' a cuore e tutela a spada tratta, non si sa bene da chi e da cosa, i volontari del Gruppo di Protezione Civile si è chiesto come mai costoro non sono mai e poi mai voluti passare sotto il suo controllo?
Ci sarà un motivo?

Fatti una domanda e datti una risposta.
Gigi Pica
2019-07-08 16:00:46
Caro "signor" Stefano, lei è un ignorante, nel senso che "ignora" che il prof. non ha un sito proprio, ma è ospite di Toscanella.

Inoltre ci si può acculturare anche tramite internet e lei è un ignorante informatico.

Oltretutto è anche maleducato perché cita il mio nome senza qualificarsi. In gergo, si chiama VIGLIACCHERIA. La saluto cordialmente.
Renato
2019-07-09 12:01:19
@O. Salvatori: i due rappresentanti del Gruppo di ProCiv potevano benissimo partecipare in rappresentanza del Gruppo.

Il mio articolo intendeva chiarire il fatto che con la divisa della ProCiv non possono partecipare, a qualsiasi titolo, a feste, sagre e manifestazioni locali.
Se vogliono possono farlo a titolo personale e senza indossare il logo della Protezione Civile.

Ho usato quella foto perché ultima in ordine di tempo ma ne ho altre della festa del cavolfiore, di Sant'Antonio, della processione della Madonna, della fiera dove alcuni voltantari in uniforme e con logo non erano di rappresentanza.

Nessuno ce l' ha con i volontari di ProCiv e al contrario invece si chiede che non vengano sminuiti i loro compiti e tutelata la loro immagine.
lucia
2019-07-11 15:53:57
In caso di organizzazione di eventi per i quale è prevista un'affluenza maggiore di persone, dovrebbe venir richiesta a carico degli organizzatori, la presenza del personale di supporto volontariato: civile, sanitario, sicurezza etc, viene messo per prevenzione nell'eventualità ce ne sia bisogno e tutti dovrebbero essere in contatto con una centrale operativa.
Renato
2019-07-11 18:52:17
Quello che dice la sig.ra Lucia è vero ma riguarda solo le attivita' disciplinate dalla direttiva del 2012 del Presidente del Consiglio dei Ministri che le definisce a "rilevante impatto locale".
Si tratta di specifiche attività di protezione civile nelle quali l'intervento del volontariato risponde alle regole che si applicano nei casi di emergenza.
A quanto mi risulta i nostri volontari sono abilitati al solo concorso negli spegnimenti boschivi che niente hanno a che vedere con feste, sagre e manifestazioni.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu