• - PIAZZA VITTORIO VENETO: NEANCHE LA MADONNINA E’ RIUSCITA A FARE IL MIRACOLO. di Renato Bagnoli. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - PIAZZA VITTORIO VENETO: NEANCHE LA MADONNINA E’ RIUSCITA A FARE IL MIRACOLO. di Renato Bagnoli.

Pubblicato da in Renato Bagnoli ·

 
A Tuscania c’è un piccolo spazio verde che potrebbe essere un angolo di paradiso. Un giardino pubblico accanto al giardino della signora Perugini. http://www.toscanella.it/blog_2014_b/blog/?id=cg4n355i
 
Piazza Vittorio Veneto è uno dei pochi luoghi verdi della città che, se curato, potrebbe essere un piccolo gioiello, un angolo di pace dove trascorrere qualche ora in tranquillità leggendo un bel libro, chiacchierare all’ombra degli alberi o godere dello scorrere dell’acqua che riempie la fontana dedicata a Maria, madre di Dio.
 
Da qualche anno, però, questo giardino sembra essere stato dimenticato da tutti, non gode delle attenzioni di nessuno e tantomeno dei nostri amministratori. La vasca della fontana è vuota, presenta danni ed è piena di rifiuti; le quattro panchine sono sporche degli escrementi di volatili e sono distrutte dalla ruggine e le aiuole piene di deiezioni solide canine.
 
Non mi sembra il miglior modo per onorare la madre di Dio.
 
Anche nel luglio dello scorso anno alcuni cittadini si sono lamentati delle pessime condizioni di alcune zone della città e tra queste c’era anche piazza Vittorio Veneto, ma oggi la situazione è ancora la stessa.
 
 
Neanche la “Madonnina”, lì presente, è riuscita a fare il miracolo.
 
Non mi sembra che sia il caso di vantarsi per avere tanti soldi in tasca e andare in giro con i buchi nelle scarpe. Forse è il caso di cominciare a mettere mano agli utili di bilancio!

Ecco altre foto dello stato in cui si trova piazza Vittorio Veneto:
 






 



4 commenti
Voto medio: 140.0/5
Luciano
2019-02-15 21:13:16
Dai che mo vincete e sistemate tutto voi
Gabriele
2019-02-16 00:14:44
Visto che t’annoi comincia a pulirlo almeno passi il tempo invece di scrivere tutte queste cazzate
Renato Bagnoli
2019-02-16 15:23:42
Non riesco a capire come possa scrivere che mi annoio, considerato che sono preso continuamente da molte questioni che interessano il decoro della città.
Per quanto riguarda ciò che scrivo non ci faccia troppo caso visto che per lei il decoro e la pulizia della città sono cazzate. Ognuno a casa propria è libero di intendere la pulizia, l’igiene e la decenza come meglio crede, quindi non mi permetto di fare apprezzamenti circa gli ambienti in cui vive, ma per quanto riguarda gli spazi comuni ho il dovere e il diritto di dire come la penso.
Apprezzo moltissimo il suo consiglio e non perché non abbia niente di meglio da fare quanto invece ritengo corretto che ognuno possa e debba dare il proprio contributo per cercare di migliorare le condizioni del luogo in cui risiede.
Forse non lo sa ma ormai sono un “povero vecchio” ultrasessantenne pieno di acciacchi, affetto da una grave forma di artrosi e lombo sciatalgia che non mi consentono tutti i movimenti; soffro anche di una forma leggera di arteriosclerosi galoppante.
Capirà che non posso fare tutto il lavoro da solo.
Per dare una bella sistemata alla piazza sarebbe necessario avere una funzionalità completa nei movimenti siccome è indispensabile doversi inginocchiare, piegare a 90° e scopare perfettamente le aiuole e i vialetti.
Pertanto le chiederei gentilmente di potermi aiutare nelle prime due attività visto che mi sembra particolarmente portato, mentre per la terza potrebbe chiedere a sua sorella (?), se disponibile!.

Resto in attesa di un suo cortese riscontro
mark
2019-02-16 17:41:58
@Renato Bagnoli: continui così sig. BAGNOLI...alle persone per bene e che hanno a cuore il paese,queste sue segnalazioni fanno solo ch piacere...nel senso che ci piace che qualcun ocerchi di attirare l attenzione di chi di dovere su certe cose....certo che non avrá bisogno del mio incitamento,ma la esorto a continuare nella sua azione,facendo spallucce su certi commenti ,e mi suonano sfaccoatamente di parte.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu