● - IL BUE CHE TORNÒ DA SOLO IN AZIENDA. di Pietro Borgi. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2021

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IL BUE CHE TORNÒ DA SOLO IN AZIENDA. di Pietro Borgi.

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
Ricevo da Pietro Borgi e pubblico volentieri  nel mio blog. luigi pica.
 
Tuscania anni 1950-1955.
 
Una storiella vera, tutta paesana.  Azienda agricola  sita in San Giuliano, proprietà degli ex conti Filippi -Balestra, anzi no, solo signori Filippi - Balestra, poiché i titoli nobiliari sono stati aboliti con la proclamazione della Repubblica Italiana nel 1948. Eh già, è storia, come nella nostra piazza Sant’Agostino a Tuscania non c’è più scritto  “Piazza Conte Enrico Pocci” ma semplicemente  “Piazza E. Pocci” .
 
Tornando alla storiella che voglio ricordare, se fosse veritiera sarebbe a dir poco curiosa, forse anche toccante (almeno per me che non credo quasi a niente, se non vedo …).
 
Quando l’Azienda  agricola, di cui sopra, disponeva di portare al macello le giovenche ed i vitelli, al mattatoio  di Tuscania sito allora negli spazi della chiesa di San Francesco, gli animali erano accompagnati da un bue o da una vacca, non ricordo bene ora il perché.
 
Una volta  si decise di macellare il mitico bue, perché era giunta ormai l’ora anche per lui di passare a miglior vita (nonché sulla tavola dei tuscanesi) dopo una lunga carriera di fedele accompagnatore dei propri simili … . Fu allora che accadde il curioso evento.  Dopo aver percorso il consueto tragitto obbligatorio per il bestiame da macello, fu forzato l’ingresso anche dell’animale accompagnatore che, incredibilmente, si arrestò e recalcitrò dinanzi ad ogni tentativo di forzare il suo ingresso al mattatoio. Se non ricordo male, non ci fu proprio verso di farlo passare.
 
Che la povera bestia avesse intùito? Che avesse intuìto il senso del suo ruolo? È il caso di dire, in avvenimenti incredibili come questi, che agli animali manchi la parola?
 
Qualcuno degli accompagnatori disse, forse lo stesso Bubi (Balestra) : “ Lasciatelo andare … “. E così fu, l’animale tornò in azienda come aveva fatto chissà quante altre volte e per chissà quanti anni, nella sua carriera di accompagnatore. Su ordine del proprietario dell’azienda lo lasciarono libero, libero di vivere ancora e di morire di vecchiaia nella sua terra natia, tra i verdi pascoli della grande proprietà agricola dove aveva vissuto e che, oggi, tra l’altro, non esiste più con il nome Filippi – Balestra ma con quello di S. M. O. M.  ( Sovrano Militare Ordine di Malta ) .
 
Perché ricordare questa storia che ho definito storiella?
 
Mi domando anch’io perché si sia annidata nella mia memoria … forse perché mi piace trovare un senso alle cose, anche assurde,  che ci circondano ed immaginare un legame impercettibile ed impossibile tra un vecchio bue che svolge le sue mansioni per l’uomo e quest’ultimo che è grato per il servizio reso dall’animale e che concede il privilegio della vecchiaia, così, in libertà, come una pensione meritata.
 
Ricordo l’episodio anche perché appartiene alla mia infanzia, indissolubilmente legata a questa azienda agricola, dove ho trascorso la mia gioventù un po’ bruciata, mai vissuta serenamente e spesso attraversata da esperienze negative.
 
Pietro Borgi



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu