● - LA FESTA DEL CORPUS DOMINE. di Luciano Laici. - Succede a Tuscania - Toscanella

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - LA FESTA DEL CORPUS DOMINE. di Luciano Laici.

Pubblicato da in Ganassa ·
La festa come a tutte noe è palese
c’è a giugno, quanno se matura ‘l grano,
la gente fa ‘nfiorate piano piano
in piazze, vie e sagrate del paese.
Ma le giovine forse non lo sanno
quel che se procurava per quell’anno.
 
Doppo che  l’ostia lì pasata c’era    
tra le gente avveniva una sortita,
e se po’ dì che ce fosse ‘na sfida
d’annà a riccòjja quella fronda vera
del bossolo, che poe a casa portata
era con devozione collocata
 
sotto de un Crocefisso o sagra icona,
dicennno ‘na preghiera oppure frase,
a ciò le case non fussero invase
da temporale o cosa non bona:
“Santa Barbara, che seè Benedetta,
tu sarvice da fulmine e saetta!”

Ora non ci sono più ragazzi e donne che vanno nei campi a cogliere i fiori rossi del papavero o il fiore giallo della cresta di gallo, ma solo segatura e fiori fatti con carta. E non si trovano più gli ambiti rametti di bossolo che andavano letteralmente a ruba dopo passato il Vescovo con l’ostia consacrata, rametti che portati a casa venivano sistemati a penzoloni nel chiodo che di solito sorreggeva una icona sacra. Si credeva che tale ramoscello proteggesse dal maltempo o da altri danni.   
 
Tuscania 19.06.2022
Luciano Laici
 
         
 



1 commento
Lamberto Di Francesco
2022-06-25 16:27:08
Alcuni gesti del tempo passato potevano significare fede e devozione o superstizione. La superstizione, però, non era nel gesto, ma nel cuore di chi compiva il gesto. Penso si debba riflettere su questo ogni volta che compiendo gesti si giudica o si viene giudicati superficialmente. Di gesti ne abbiamo necessità perché siamo fatti "de ciccia". Sempre grande Luciano ... e Toscanella.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu