• - ISTERIA, NERVOSISMO E FAKE NEWS LA RICETTA DI CHI AMMINISTRA TUSCANIA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - ISTERIA, NERVOSISMO E FAKE NEWS LA RICETTA DI CHI AMMINISTRA TUSCANIA

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
 
Che la Giunta Bartolacci fosse in palese difficoltà negli ultimi mesi, viste le indagini e gli “errori” evidenti che hanno contraddistinto questi ormai 4 anni di “amministrazione”, era assai chiaro. Che la difficoltà si trasformasse in puro isterismo e nervosismo non ce lo saremmo aspettato da chi dovrebbe gestire un paese e non certo un torneo di calcetto. Nelle ultime settimane, infatti, abbiamo visto la compagine di maggioranza, prima elevare a guru del proprio pensiero personaggetti ambigui e senza alcuna credibilità politica, poi a diffondere per il paese fake-news con il solo fine di fare quella classica “caciara” che serve a nascondere colpe e colpevoli. Ci riferiamo in particolare al modo in cui si sta tentando di screditare la nostra azione di controllo delle regole e accomunare diverse realtà associative tra loro, per mettere l’una contro l’altra o tutte contro coloro che “creerebbero solo problemi”.
 
Eh si perché come potete vedere in questo screenshot preso dall’organo ufficiale della Lista “Obiettivo Comune”, le azioni di indagine delle forze dell’ordine e di quelle forze politiche che sono per i valori di legalità e trasparenza, sono viste come la causa che ha portato a far pagare alla Tuscania Volley le utenze.
 
Chiariamo immediatamente una cosa: la politica del M5S è volta a promuovere lo sport di base, con particolare attenzione alla funzione sociale, educativa e di inclusione. Siamo per il sostegno delle varie realtà associazionistiche (specie di volontariato) e per un percorso di sviluppo del terzo settore. Per quanto riguarda gli impianti sportivi, così come tutto il patrimonio comunale, siamo per delle regole chiare per tutti: bandi pubblici per l'affidamento degli impianti, trasparenza nella gestione, responsabilità diretta del gestore, controllo dell’ente locale ed indirizzo politico per aiutare i soggetti svantaggiati.
 
Accomunare la pallavolo di Tuscania alla questione sotto indagine è a dir poco fuori luogo e crediamo debba scandalizzare i vari soggetti coinvolti. Il Sindaco Bartolacci dovrebbe sapere che la convenzione in vigore per la Tuscania Volley ha sempre previsto il pagamento delle utenze a carico della società sportiva della Volley. E la società sportiva ha sempre adempiuto ai propri obblighi a quanto ci risulta. Cosa ben diversa rispetto alla finta convenzione pubblicata e totalmente diversa da quella effettivamente firmata e vigente fino all’annullamento in autotutela da parte del Comune. Ma anche in questo caso, il problema non è di una società sportiva che, avendo firmato una convenzione che accollava al Comune le utenze, si è adoperata in tal senso tutelando il proprio operato. Il vero problema e per noi assai più grave è che il Comune di Tuscania non ha per nulla tutelato i propri interessi ed addirittura ha messo in atto 2 differenti convenzioni che hanno generato un danno economico nei confronti di tutti i tuscanesi.
 
Chi amministra Tuscania commette errori su errori e si lamenta di chi questi errori li fa notare o li evita. La Giunta Bartolacci dovrebbe ringraziare il M5S che grazie alla nostra azione ha bloccato un inequivocabile danno erariale per le casse comunali (sono loro stessi a metterlo nero su bianco). La verità sarà accertata nelle sedi opportune, indipendentemente dai proclami dell’Amministrazione Bartolacci, che in palese difficoltà cerca di raccontare balle e screditare chi da anni con sacrifici controlla la gestione pubblica, con il solo fine di tutelare gli unici proprietari del Comune di Tuscania: i tuscanesi.
 
 



8 commenti
Voto medio: 180.0/5
claudio celenza
2018-02-27 19:05:48
nessun commento me meraviglio ma che dire ?
Gigipica
2018-02-27 19:42:17
In un articolo recentemente pubblicato dal Corriere di VT, Sandro Cappelli ha affermato:

“Abbiamo sempre pagato le bollette energetiche – afferma Sandro Cappelli del Tuscania Volley – come stabilito dalla convenzione che abbiamo stipulato con il comune per la gestione del palazzetto dello sport dell’ Olivo. L’ultima bolletta che abbiamo ricevuto dall’ Enel risultava a zero. Nessun importo da pagare.”.

Mi domando: anche il Tuscania Volley addestra dei ragazzi come la Fulgur Tuscania, come mai questa differenza di trattamento? Forse sarebbe opportuno che anche il presidente della Fulgur facesse la sua dichiarazione.
Tigre
2018-02-27 19:58:44
Per la cronaca puntualizziamo fotovoltaico ce da fine 2015 dunque ultima bolletta pagata è di quel periodo. Però basta con questa storia oramai è stomacosa.
carlo
2018-02-27 20:27:38
Nulla da aggiungere a questo comunicato che riassume perfettamente la questione. Ben dette le parole di Luigi Pica...certo mi sarei aspettato una presa di posizione anche dal Tuscania Volley visto che le chiacchiere che stavano mettendo in giro li voleva accomunare alla società sportiva dell'assessore....c'è ancora tempo per dire qualcosa....
Nel frattempo grazie a chi fa valere i nostri diritti di cittadini che pagano le tasse!
Gigipica
2018-02-27 20:52:21
@Tigre:
Non capisco che cosa ci sia di tanto stomacoso nel conoscere la verità, specialmente se questa verità coinvolge i cittadini che pagano onestamente le tasse.
Tigre
2018-02-27 21:16:37
Argomento affrontato mille volte sempre le stesse cose si capisce che qualcuno vuole.discreditare qualcuno e basta. La Volley aveva una convenzione più vecchia il calcio dopo. La volley nella convenzione doveva pagare enel il calcio ha una convenzione che la doveva pagare comune. Allora? Sta di fatto che contro calcio, indovinate perché?, giù giudizi di parte in modo a dir poco ridicolo per la volley invece tutto ok e guai a chi dice qualcosa. Mi sembra molto chiara la situazione e le intenzioni di tanti. Ecco perché stomacosa, infatti spero che basta con commenti che da anni sono sempre gli stessi e di parte. La gente deve sapere? Allora caro Giggi la consideri Popolino visto che saranno 1000 volte che tu ed altri dite sempre le stesse cose. Veramente basta con questa storia nel 2019 andremo alle urne e si cambierà per il bene di tutti. Ultima.cosa quando si scrivono articoli bisogna essere lineari in tutto e non scrivere la frase " pagato le bollette poi mi è arrivata zero" vero ma da quando? Dal 2015 allora di cosa vogliamo parlare? Prego tutti di non commentare più su questo argomento che sembra L unico problema del nostro paese. Vi prego.
gianni
2018-02-27 23:54:52
Stomacoso lo sarà per chi ha fatto la doppia convenzione a quanto mi dicono...
Gigipica
2018-02-28 21:53:25
Caro Tigre,
perché non se ne deve parlare…?? Siamo solo all’inizio di questo rapporto tra il comune e una società sportiva privata, dopo tanti sospetti, qualcosa si muove... perché non si deve fare chiarezza...?? Che paura c’è di conoscere la verità...??
Sembra che le società sportive che usano le strutture dell’Olivo, “facciano beneficienza” con il loro lavoro. E invece NO. Fanno pagare ai loro tesserati una quota. O no…?? Quante società dedicate allo sport ci sono a Tuscania...?? Tante.
Sport non è solo calcio e pallavolo, può essere anche essere “scuola di ballo” o “corso di burraco”, calcio e pallavolo non sono gli “eletti”.
Una struttura pubblica appartiene ai cittadini, non a questa o quella società che va per la grande….
Se la diamo in mano ad un privato, deve pagare l’affitto e le utenze e a sua volta si fa pagare da chi usufruisce di queste strutture. Questo in testa vi ci entra…??
Se le società hanno qualcosa da contestare, facciano un incontro pubblico invitando Comune, società, e cittadini che pagano le tasse, se i cittadini avremo torto, ce ne faremo una ragione.
Io non voglio pagare per una Fulgur o per una Tuscania Volley, perché non mi interessa né calcio, né pallavolo, magari mi interessa la scuola di ballo sudamericano, con le mie tasse finanzio chi voglio.
Si continuerà a parlare di Fulgur e di gestione impianti, fintantoché affiliati della Fulgur, ma anche altolocati, continueranno ad insultare Luigi Pica attraverso i Social Network.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu