● - TRA IL DIRE, IL PROMETTERE ED IL FARE C'E' DI MEZZO ... L'ERBA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - TRA IL DIRE, IL PROMETTERE ED IL FARE C'E' DI MEZZO ... L'ERBA

Pubblicato da in Blog Toscanella ·



Manca poco meno di un anno alle prossime elezioni comunali e dall’Amministrazione Bartolacci arrivano i primi segnali di una campagna elettorale che si preannuncia basata sui proclami e sull’auto-elogio.
Abbiamo iniziato a sentire e leggere le affermazioni sul bilancio comunale, che secondo il vicesindaco e la Giunta, mette a disposizione cifre considerevoli.Abbiamo obiettato e dimostrato che si tratta di cifre ottenute tagliando le spese per il sociale e cambiando nome ad alcune voci, per lasciare così nuovi debiti a chi verrà.

Chi vuole può andare a rispolverare il programma sottoposto al voto dei cittadini, quattro anni fa da parte della lista del Sindaco attuale. (Potete rileggerlo qui) Il nostro invito è di verificare se e quali delle promesse sono state mantenute.

 
Per facilitare l’analisi sottolineeremo le incongruenze più evidenti, al fine di poter tener viva in ognuno di noi, la memoria. Lo faremo con i mezzi più diretti e con documentazioni oggettive.
 
Iniziamo col parlare di decoro urbano, uno dei primi punti affrontati nel loro programma elettorale che, essendo stato messo in prima pagina, riteniamo sia stato considerato una delle loro priorità. Ricordiamo benissimo che venne girato e pubblicato sulla loro pagina Facebook un video-denuncia che evidenziava le condizioni in cui versavano le vie cittadine durante la precedente amministrazione.


 
Da allora sono passati ben 4 anni, in cui hanno amministrato in assoluta autonomia e senza confrontarsi con altri. Non hanno quindi scuse o responsabilità da addossare ad altri.
 
In questi giorni, a seguito delle dichiarazioni sulle risorse economiche di cui si vanta la maggioranza, e per analizzare se la situazione è cambiata veramente, abbiamo fatto un giro per il paese, muniti di macchina fotografica per documentare lo stato di Tuscania, e ora vi proponiamo quello che abbiamo registrato


 
Crediamo che ogni commento sia superfluo, limitandoci ad evidenziare che un paese che potrebbe essere il gioiello della Tuscia è invece abbandonato a sé stesso.
 
Non c’è un angolo curato, ovunque erbacce, ogni quartiere è in condizioni pessime, sia stradali che di decoro urbano: dal centro storico, lungo le mura, alle strade che sembrano quasi avere un prato, al Parco “delle Casacce” nel degrado più assoluto, fino ad arrivare alle due Basiliche romaniche che tanti ci invidiano e che sono meta di turisti ogni giorno. Anche lì, erbacce ovunque. Una tristezza assoluta! Ma che figura facciamo come tuscanesi? Quale tipo di accoglienza diamo? Dove stanno l’assessore al turismo e ai lavori pubblici e chiediamo loro cosa hanno fatto in tutti questi anni per migliorare l’immagine di Tuscania, perché noi non lo vediamo!  
 
Tante domande a cui rispondere ma che non trovano risposta. Una per tutte: se l’Assessore al bilancio e gli altri componenti della maggioranza, durante l’ultimo Consiglio comunale si vantavano di aver risanato il bilancio (ricordate anche il recente manifesto?), come mai se hanno tutti questi soldi a disposizione nemmeno l’erba tagliano e se lo fanno lo fanno a zone?  Al quartiere Gescal, per esempio, solo il viale centrale è curato, ma forse solo per via della processione. Ed il resto?  No comment!
 
Non possiamo più accettare che Tuscania venga maltrattata così. Per questo continueremo a vigilare sul loro operato e manterremo viva la memoria per far sì che i tuscanesi valutino sui fatti e non sui proclami, e alle prossime votazioni presentino il conto.
 



4 commenti
Voto medio: 145.0/5
Baldo
2018-06-12 21:27:48
L'occupazione del suolo pubblico, a Tuscania, è concessa in modo rigoroso.

Ai privati cui è concesso di occupare il suolo pubblico non sono consentiti abusi.

Un controllo costante verifica la legittimità dell'utilizzo delle concessioni.

I ricavi che derivano dalla concessione del suolo pubblico sono ingenti e giustificano l'uso privato dei beni pubblici.
franco
2018-06-13 13:15:44
mbe rileggendo il programma ce semo quasi
madmax
2018-06-13 15:58:51
Ma le pecore come a Roma?tanto non ce rivanno su se no stavolta scoppia la rivoluzione.
franco
2018-06-14 08:00:42
medmaxxe
ce rivanno, ce rivanno
e chi ce va sennò?

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu