● - SE QUESTI SONO I FATTI… MRS. PRESIDENT, GO HOME! a cura dei Consiglieri di minoranza. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - SE QUESTI SONO I FATTI… MRS. PRESIDENT, GO HOME! a cura dei Consiglieri di minoranza.

Pubblicato da in Insieme per Tuscania ·

Il diritto di informazione costituisce una delle libertà di manifestazione del pensiero e segna il grado di democrazia di un ordinamento giuridico.
 
L’accesso civico generalizzato agli atti amministrativi, detenuti dalle pubbliche amministrazioni, che consente a chiunque di accedere a dati, documenti e informazioni senza necessità di dimostrare un interesse qualificato, e la possibilità per i cittadini di poter partecipare ai Consigli comunali hanno reso molto più trasparente l’attività amministrativa, in chiave partecipativa e di controllo sociale dell’utilizzo e della destinazione delle risorse pubbliche.
 
L'occasione dei lavori consiliari aperti a tutta la cittadinanza rappresenta un momento importantissimo dell’attività di governo locale e tra i pubblici servizi, rappresenta il servizio pubblico per eccellenza.
 
Proprio per dare prova di massima trasparenza e democraticità la presidente del nostro Consiglio comunale ha convocato, lo scorso 31 agosto, i lavori in seduta ordinaria pubblica salvo poi rimangiarsi il tutto quando ha visto presentarsi in sala consiliare alcuni cittadini, ai quali era stata misurata all’ingresso la temperatura corporea e che indossavano regolarmente la mascherina.
 
Vennero fatti allontanare, nonostante fosse un Consiglio pubblico e senza fornire spiegazioni, dal personale della Polizia Locale indottrinato dalla presidente infliggendo così un grave colpo alla democrazia ma soprattutto alla sua credibilità di garante.
 
 

 
 
Presidente Nicolosi, si rende conto del suo modo di agire, o anche a lei piace farsi scrivere le lettere che poi firma e successivamente pubblica proprio come farebbe R.B, stando a quanto scrive Obiettivo comune 2.0?.
 
Però tra lei e R.B. sembrerebbe esserci una differenza di non poco conto e cioè che R.B. firma dopo aver letto e compreso!.
 
Lasciamo da parte le elucubrazioni mentali della pagina ufficiale della lista Bartolacci, che non ha mai argomenti per ribattere, e continuiamo a scrivere per arrivare al punto focale della questione poiché la riflessione più generale è che mentre si cerca di uscire dall’emergenza sanitaria è inevitabile che le scelte che si compiono diventino scelte discrezionali tra interessi in gioco, spesso contrapposti, economici e ideologici e pertanto politici e che le performance degli eletti, per rappresentare gli interessi della comunità durante le sedute consiliari pubbliche ma a porte chiuse, rientrano tra questi.
 
Il funzionamento della riapertura economica e sociale delle attività della città e quello della democrazia dell’amministrazione locale devono andare di pari passo.
 
Per essere più chiari: se la presidente del Consiglio comunale non ha la consapevolezza dell’obbligo della chiarezza, della trasparenza, della partecipazione e della dimensione pubblica del dibattito politico e istituzionale e intende invece ridurlo a chiacchiere da bar, a sentito dire, a piccoli post o meglio ancora a dichiarazioni alla stampa del sindaco o dell’assessore di turno, questo non potrà che continuare ad alimentare perplessità e scarsa fiducia tra i cittadini visto che non ha neanche autorizzato le riprese video.
 
Chi vorrebbe mostrare pubblicamente la propria incompetenza, incapacità e impreparazione?. Probabilmente nessuno e tantomeno i nostri amministratori che 5 anni fa, d’accordo con l’opposizione, decisero di predisporre e approvare un regolamento per le riprese video dei Consigli comunali.
 
Nonostante continuino a scrivere sulla loro pagina ufficiale “FATTI e non parole”, che fine ha fatto quel regolamento del quale, a oggi, ancora non si è vista neanche la bozza?.
 
Perché presidente Nicolosi non ha mai pensato, in tutto questo tempo, a far riprendere e a divulgare le immagini dei lavori consiliari degli ultimi anni?.
 
Il diritto di informazione, la trasparenza, la correttezza nei confronti dei suoi concittadini ma soprattutto la sua coscienza glielo impongono.
 
Non si rende conto che in questo modo non rende un bel servizio alla sua comunità, non fa gli interessi di nessuno e non adempie ai suoi obblighi istituzionali?
 
Allora quale sarebbe il motivo di tanto boicottaggio, di questa sua resistenza passiva?.
 
Ciò che sta accadendo è grave ed è ancor più grave per l’istituzione Consiglio Comunale, poiché senza un presidente che consenta un vero dibattito pubblico in presenza e che non si preoccupa neanche di diffondere le immagini delle prestazioni e delle decisioni dei rappresentanti di tutti i cittadini come si può pensare che di rispondere ai problemi e ai bisogni della città?.
 
Dopo essersi presa gioco di tutti i Consiglieri, con la convocazione del 19 agosto, ora ha pensato bene di ingannare anche i suoi concittadini.
 
Presidente Nicolosi se pensa di continuare a lavorare in questo modo, la invitiamo ancora una volta a dimettersi.
I Consiglieri di minoranza
 
 
 



15 commenti
Voto medio: 1150.0/5
Ferlengo
2020-09-09 12:10:50
Quello che io mi chiedo è quello che si chiedono tanti cittadini. Ma questa opposizione che scrive su toscanella (e meno male che esiste toscanella essendo l'unica cassa di risonanza per il cittadino), ripeto questa opposizione perché oltre che scrivere non denuncia qualora lo ritenga opportuno? Intendo delle denunce ad personam. Ma che sperate di ottenere scrivendo su toscanella se non informare. Io sono sicuro che sindaco e giunta leggono quotidiamente toscanella ma da un orecchio gli entra e dall'altro gli esce. Se vedete qualcosa che non va andate alla procura e denunciate. Solo così potrete sperare di ottenere qualche risultato.
Renato
2020-09-09 12:37:24

Qui si tratta di comportamenti scorretti e poco trasparenti nei confronti dei cittadini.
Non sono reati da Procura.
Gigi Pica
2020-09-09 12:47:42
Anche le riprese l’ultimo consiglio comunale, sono state, di fatto, negate. Il capogruppo della minoranza ha inviato tramite PEC richiesta di ripresa con operatore venerdì 28 agosto, la presidente ha risposto lunedì 31 agosto (il giorno del consiglio).

Il sottoscritto è entrato con la telecamera (dopo la misurazione della temperatura, 36,2), ma dopo un po’ il vigile mi ha invitato ad uscire dalla sala consigliare e le riprese sono state affidate ad un consigliere di minoranza.

Il consigliere di minoranza, seppur volenteroso/a e bravo/a, ha trovato delle difficoltà e le riprese sono fallite.

A parte il fatto che DOVREBBE ESSERE LA MAGGIORANZA A FARE LE RIPRESE DAL MOMENTO CHE AL CONSIGLIO, NON PUÒ PARTECIPARE IL PUBBLICO, MA IMPEDIRE ALLA MINORANZA DI FARE LE RIPRESE MI SEMBRA UNA MANCANZA DI DEMOCRAZIA.

Ci sono stati altri cittadini che volevano partecipare al consiglio, ma sono state invitate ad uscire.
Voglio ricordare che nella comunicazione del presidente del consiglio, si parlava di “seduta PUBBLICA ordinaria”. A casa mia, PUBBLICA, significa che possono partecipare tutti, ma non è la prima volta che accadono questi strafalcioni.

Viva la democrazia, SEMPRE…!!
Renato
2020-09-09 13:07:53
@Ferlengo: ci vuole pazienza.
Per l’uomo paziente il tempo non è mai un nemico.
Presto o tardi porta solo cose buone, perchè è nella mani di colui che “move il sole e le altre stelle”, come direbbe Dante.
Ferlengo
2020-09-09 13:40:59
Il mio era un discorso sull'andamento generale dei rapporti tra maggioranza e opposizione.
Cittadino
2020-09-09 15:24:26
Scusate, a parte le prese di posizione personali e soggettive ( per me la Nicolosi è una persona corretta, leale e con capacità, per carità sbaglia anche lei, ma è affidabile), vorrei soffermarmi su un punto. Quando si parla di Seduta Pubblica, secondo il mio parere, non vuol dire aperta al pubblico, seduta pubblica vuol dire che bisogna garantire la pubblicità e la trasparenza degli atti e ciò è anche valido tramite il diritto di accesso agli atti, dunque se si decide di non far partecipare il pubblico ma gli atti sono a disposizione di chiunque la seduta è pubblica, inoltre nel nostro caso ci sono anche le riprese che sono un valore aggiunto. La seduta non è pubblica quando i documenti non possono essere visionati per varie ragioni. Nel tal caso, sempre secondo il sottoscritto, la seduta del consiglio comunale è stata pubblica anche se il pubblico non è stato fatto entrare.
Santeparole
2020-09-09 17:06:19
Speriamo Renato, la popolazione non arrogante e democratica ringrazierà il Fato e la Pazienza. Purtroppo però più sono irricevibili e più vengono votati.
Gigi Pica
2020-09-09 17:38:50
Cittadino, provo una profonda pena per quello che hai scritto, parole che offendono la dignità delle persone, in tutti i consigli comunali seri che si rispettano esistono le riprese video che generalmente spettano alla maggioranza. Ma che le riprese video fatte dalla minoranza vengano di fatto impedite, è una cosa vergognosa.
Vergognati anche tu per quello che hai scritto.
#CHEPENA
2020-09-09 19:27:14
Caro Gigipica, ti ringraziamo per il tuo impegno e per le informazioni che ci dai giornalmente, lo so che ti arrabbi, ma qui ce la dobbiamo prendere solo con questa opposizione fiacca che non si ribella a degli atteggiamenti della maggioranza. Un proverbio dice: “quando il gatto non c’è, il sorcio balla”, continua a fare quello che fai, so che hai avuto problemi di salute, ti auguro di stare bene.
Cittadino
2020-09-09 19:49:14
Giggi non capisco le tue offese nei miei confronti, secondo me sei prevenuto, io non ho parlato delle riprese che ho detto sono un valore aggiunto e non entro nel merito di chi le debba mettere ho solo espresso un pensiero sulla parola Seduta Pubblica e tu mi insulti. Di cosa mi dovrei vergognare di una mia opinione sul significato di alcune parole. Mica ho offeso e detto parole contro nessuno come hai fatto tu con me e mica pretendo di avere ragione anzi. Ma non è possibile però che se qualcuno dice come la pensa viene insultato. Credo che non hai ben letto il mio commento che è solo una mia interpretazione. Che sono da corte marziale per questo?
Renato
2020-09-09 20:33:55
Gigi questa volta Cittadino ha ragione. Dovresti scusarti.

Regolamento Consiglio comunale
Art. 12 - Pubblicità e segretezza delle sedute.
1) Le sedute del Consiglio sono pubbliche, fatta eccezione per le sedute nelle quali si tratta di
questioni riguardanti le qualità, le attitudini e la moralità delle persone.
Gigi Pica
2020-09-09 20:42:09
Caro Cittadino, intanto io non ho offeso nessuno, dichiarare che una seduta è pubblica solamente perché si può avere accesso agli atti, mi sembra una posizione di arrampicamento sugli specchi.
se non ti vergogni di quello che hai detto potresti anche mettere il tuo nome e il cognome come faccio io.
Ti pregherei se ti è possibile, di mettere sempre la stessa mail e non di cambiarla ogni volta.
Non mi costringere a non pubblicare il tuo commento, perché io sono una persona democratica a dispetto di molti. Va bene la tua difesa della maggioranza, tutti hanno diritto a dire il proprio pensiero, quello che chiedo è un po' più di correttezza. Grazie.
Cittadino
2020-09-09 21:02:41
Giggi accetto ciò che hai detto perché non ho rancori con nessuno però volevo puntualizzare. La mia è stata solo una mia opinione e la dirò sempre. Mi piacerebbe poter partecipare alle discussioni in questo blog anche se molti di voi non condividono le mie idee ma sono genuino e scrivo ciò che penso. Grazie e buona serata a tutti
Grillino
2020-09-09 21:12:49
L'unica vera opposizione sono stati quelli del MoVimento 5 stelle, che si sono opposti anche legalmente contro le decisioni di questa maggioranza. I tuscanesi li hanno voluti penalizzare, lega il somaro dove vuole il padrone, dice un vecchio proverbio.
Renato
2020-09-09 21:39:19
@Grillino: quali sono le cause di cui si sia avuto un riscontro pubblico?

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu