● - RIAPERTURA DELLE SCUOLE: A TUSCANIA LA DIRIGENTE DOTT.SSA ADAMI, FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE - Succede a Tuscania - Toscanella - 2020

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - RIAPERTURA DELLE SCUOLE: A TUSCANIA LA DIRIGENTE DOTT.SSA ADAMI, FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Pubblicato da in Dal Web ·

 
La dirigente scolastica dell'IC Ridolfi Adami: "Corresponsabilità è la parola da mettere al centro della nostra azione quotidiana"
 
Quella di rimandare l’apertura delle scuole si è rivelata una scelta quanto mai azzeccata a Tuscania. Stando alle parole della dirigente dell’IC Ridolfi, la dott.ssa Paola Adami, espresse a pochissimi giorni dal ritorno in aula, quelli appena trascorsi sono serviti per mettere tutto a punto e garantire una ripresa delle lezioni in totale sicurezza.
 
In una lettera indirizzata ai genitori degli alunni dell’istituto Ridolfi, la dott.ssa Adami ha spiegato le numerose difficoltà che sono state riscontrate prima della riapertura, a partire dall’estate, a causa di “disposizioni da parte del Ministero dell’Istruzione, del Comitato Tecnico Scientifico (CTS), del Ministero della Salute, che sono state emanate dando molto spesso indicazioni che non si allineavano, anzi a volte si contraddicevano se non addirittura si smentivano”.
 
Per questo, prosegue la dirigente scolastica, “per tutti gli operatori della scuola è stato un percorso molto accidentato per decodificare, interpretare, comunicare e applicare norme che fino a venerdì 11 settembre sono state oggetto di continue modifiche”.
 
Ora che tutto è stato messo a punto, affinché non si verifichino problemi, l’invito è alla “corresponsabilità”. La dott.ssa Adami ha sottolineato che “nessun membro docente o ATA dell’istituto è stato messo in isolamento; che la pulizia degli ambienti è già stata effettuata due volte e che tutti i plessi sono dotati di erogatori/dispenser di gel/sapone liquido”.
 
Inoltre, ogni giorno verranno distribuite mascherine a personale e studenti. Per quanto riguarda la famiglia, è fondamentale che ognuna si accerti che il proprio figlio non abbia “una temperatura superiore a 37.5 gradi prima di accompagnarlo a scuola e come tale deve essere responsabile, allo stesso modo della scuola, al rispetto di se stessi e degli altri”.
 



15 commenti
Voto medio: 1150.0/5
Allora
2020-09-20 17:02:14
Va spiegato perchè il venerdì prima dell'apertura delle scuole , dopo il sopralluogo della giunta , è stata fatta l'ordinanza del sindaco per aprire il 24 cm. Tutto a punto doveva essere per il 14 , se poi si è fatto ricorso alla proroga della regione un motivo ci sarà stato...... non era pronto nulla! Leggendo questo comunicato, le opposizioni potrebbero anche fare un sopralluogo domani lunedì nelle sedi non occupate dalla tornata elettorale e verificare se è tutto a posto veramente, quanto spettava all'ente locale e quanto spettava alla scuola.
Cittadino
2020-09-20 19:58:56
Bene almeno finiscono tutte queste chiacchiere inutili e sterili. L'amministrazione da quello che dice la direttrice ha fatto ciò che doveva fare. E cmq ci sarà un perché tante regioni e comuni hanno posticipato. Ora speriamo veramente che il 24 sia tutto ok e basta con le polemiche.
Infatti
2020-09-20 22:26:07
Infatti lo dice Lei, ma i fatti sono quelli che contano. Mica vorremo dire che dovevano arrivare i banchi monoposto dal governo e non sono arrivati!? Quelli ci sono da anni . Non tutte le regioni e non tutti i comuni hanno posticipato. Solo chi era in ritardo ha posticipato. Questa estate era troppo difficile fare i lavori necessari.
GENITORE
2020-09-21 10:44:57
Stando alle parole della dirigente dell’IC Ridolfi, la dott.ssa Paola Adami, espresse a pochissimi giorni dal ritorno in aula, quelli appena trascorsi sono serviti per mettere tutto a punto e garantire una ripresa delle lezioni in totale sicurezza.
Ecco lo dice la dirigente che per il 14 non era niente a posto. I nostri figli aspettano ancora le tende nelle aule con finestre assolate che da due anni devono coprire con la carta e il nastro adesivo. Vogliamo aspettare una eclissi?
Giuseppe
2020-09-21 12:08:53
Sono convinto che alla base di tutto vi sia una bagarre organizzata avverso amministrazione comunale e istituzione scolastica: l'apertura è stata procrastinata, escludendo il nord e il sud Italia, in diversi comuni limitrofi, addirittura a Tarquinia sino al 28. Quindi non si può affermare che Tuscania sia una anomalia. La cosa triste è che invece di perseguire un fine comune, soprattutto in questo periodo particolare della storia mondiale, prendo amaramente atto che l'intolleranza ha sopraffatto la solidarietà, tanto auspicata e ostentata solo a parole. Muoia Sanson con tutti i filistei! Forse non è il blog adatto per esprimere certi concetti...Per questo chiudo affermando che il problema delle tende non è sorto da due anni a questa parte, mia figlia ha terminato da tempo la scuola media. Ed erano assenti anche allora: altra direttrice e altra amministrazione comunale!
Gigi Pica
2020-09-21 12:23:59
@Giuseppe: gentile "signore" che cosa intende dire con "Forse non è il blog adatto per esprimere certi concetti..." che i frequentatori di questo blog sono degli ignoranti? Si guardi allo specchio prima di offendere degli utenti e il sottoscritto che ne è l'amministratore. Tanto per chiarire. La saluto cordialmente.
Giuseppe
2020-09-21 12:33:56
Gentilissimo Luigi, mi ritengo responsabile di quello che scrivo e non di ciò che lei comprende o ipotizza. Buona giornata
GENITORE
2020-09-21 12:49:06
Vetralla aperto il 14 settembre, Marta ,Valentano , Piansano e Canino Idem. Tarquinia ha completamente ridipinto la facciata della scuola media ecco perché il sindaco ha prorogato, come concesso dalla regione l'apertura al 28. Io non ho visto ridipingere nulla a Tuscania. E poi dire che le tende mancano da sempre è semplicemente da qualunquisti equivale alla famosa frase " rubano tutti e quindi che male c'è ."
Intanto carissimo Giuseppe ti invito a leggere le scuse accampate dal sindaco in risposta a chi chiedeva il .motivo del famoso sopralluogo della giunta il venerdì 12 e non effettuato in largo anticipo rispetto alla apertura del 14. Un passo ridicolo risentito più volte recitato dai cazzari del.web...il governo è in ritardo mancano i banchi, in Svizzera hanno già aperto tutti ecc...Qualcuno dimostri intanto , non a chiacchiere,..che ne è stata fatta richiesta. Aspettiamo.che i nostri figli rientrino a scuola poi verificheremo se qualcuno ha fatto attività di prevenzione e ordinaria manutenzione, incrociando le dita per il prossimo temporale.
Andrea
2020-09-21 18:33:17
Tanta tanta confusione.
Non è possibile che il sindaco (in qualità di Commissario Straordinario) a soli 2 giorni dall'inizio della scuola faccia un sopralluogo.
In questi tanti mesi dopo la quarantena c'è stato molto faccazzismo.
Ed è impensabile che si chieda ad Associazioni e genitori di fare quello che avrebbe dovuto fare qualcun'altro (per lo più pagato).
Cittadino
2020-09-22 07:35:07
Informatevi bene prima di dare sentenze, non date colpe se non sapete i fatti, non fate chiacchiere inutili.
GENITORE
2020-09-22 10:28:53
L'unico male informato o informato di parte sei Tu. Comunque il temporale di ieri ha già fatto il suo dovere. Il temporale è uno che mantiene le promesse.
Andrea
2020-09-22 18:59:05
Cittadino illuminaci.
GENITORE
2020-09-23 14:42:15
Poi la ciliegina sulla torta. Col solito filmato alla DeLuca( ma il nostro non è neanche divertente) il sindaco dalle pagine unisone del proprio sito ci dice che domani apriranno le scuole e che tutto filera liscio in quanto lui personalmente di persona ha verificato il buon lavoro fatto da tutti quanti. Allora se oggi è tutto a posto , non e colpa dell'amministrazione, ne della dirigente se il 14 non si sono aperte le scuole forse l'ordinanza si è scritta da sola. Facile no? Il 14 era tutto in alto mare altrimenti non si potrebbe esultare che per il 24 con 10 giorni di ritardo è tutto a posto ! Qualcuno non ha fatto il proprio dovere o vogliamo incolpare la ministra Azzolina? ...O le stagioni che non sono più le stesse? ..O si stava meglio quando si stava peggio? E via dicendo..
Gigi Pica
2020-09-23 16:04:47
Chi ha controllato le scuole, si è assicurato che oltre ai banchi, sarebbero utili anche gli ombrelli?
F.to L'IDIOTA.
Renato Bagnoli
2020-09-23 16:54:57
Che il 13 settembre il tutto fosse ancora in alto mare è dimostrato dalle determinazioni pubblicate sul sito istituzionale del nostro Comune.

La Det. n. 481 dell’ 11/09/2020 “Ripristino impianti di illuminazione dei plessi scolastici” dimostra che nessuno alla data dell’11 settembre si era ancora reso conto di quali fossero le condizioni dell’illuminazione delle nostre scuole e precisamente:

Scuola dell’Infanzia:
Ricerca guasti e ripristino di un corto circuito, ripristino illuminazione completa di un’aula, sostituzione di n. 18 lampade di emergenza

Scuola Primaria:
Sostituzione di n. 53 neon e n. 47 lampade d’emergenza.

Scuola secondaria di II grado:
Ricerca guasti e ripristino di un corto circuito
Sostituzione di n. 75 neon e n. 25 lampade d’emergenza.

La Det. n. 491 del 16/09/2020 “Trasloco mobilio scolastico della scuola primaria e del centro diurno anziani” dimostra che alla data del 16 settembre le aule della scuola primaria e del liceo non erano ancora state predisposte al fine del distanziamento e degli spazi minimi richiesti.

La Det. n. 495 del 17/09/2020 “Manutenzione scuolabus comunale” dimostra che l’automezzo per il trasporto dei più piccoli, alla data del 17 settembre, non era stato ancora modificato in accordo alle direttive anti “sars cov-2” e solo oggi probabilmente sarà pronto per il suo ritiro.

Certamente, quella di “rimandare l’apertura delle scuole si è rivelata una scelta quanto mai azzeccata” per i nostri amministratori che a dire della dirigente hanno dovuto affrontare “un percorso molto accidentato per decodificare, interpretare, comunicare e applicare norme che sono state oggetto di continue modifiche” che però la maggior parte dei comuni italiani è riuscito a fare nei tempi previsti.

Cos’altro avrebbe potuto dichiarare se non che “tutto è stato messo a punto, affinché non si verifichino problemi” visto che lo scorso mese di novembre relazionò il Prefetto di Viterbo sulla scuola materna rassicurandolo sulla presenza di “topolini” e sul fatto che “in merito ad allagamenti sino ad ora non ne abbiamo avuti; mi riservo di verificare in caso di piogge abbondanti”?.

Controllore e controllato cosa avrebbero potuto rispondere di diverso visto che sono la stessa persona?.

Perchè qualcuno non spiega ai genitori come mai la settimana scorsa sono stati convocati una trentina di volontari alla primaria e subito dopo mandati via?

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu