• - E’ SOLO QUESTIONE DI FEELINGS? ALLA FINE LA GIUSTIZIA ARRIVA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - E’ SOLO QUESTIONE DI FEELINGS? ALLA FINE LA GIUSTIZIA ARRIVA

Pubblicato da in Renato Bagnoli ·
L’ art. 544 ter del Codice Penale stabilisce che: “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro ….. La pena è aumentata della metà se dai fatti di cui al primo comma deriva la morte dell’animale”.
 
Nel marzo 2017 sorprendevo una persona che con una carabina ad aria compressa sparava contro alcuni gatti di una colonia felina comunale cagionando la morte di uno di questi.
 
Dopo aver sporto denuncia e a seguito del processo che si è tenuto, la sentenza di quest’oggi lo ha riconosciuto colpevole e condannato.
 
I gatti liberi, indipendentemente che vivano in colonie o meno, sono patrimonio indisponibile dello Stato e per tale motivo sono posti sotto la tutela del Sindaco. Pertanto, per legge sono “gatti del Sindaco”.
 
 
Siccome, per legge, l’animale ucciso era sotto la tutela del Sindaco lo informai del procedimento al fine di una eventuale costituzione di parte civile ma non ricevetti mai nessuna risposta.
 
Il primo cittadino invece lo scorso anno si costituì, giustamente, parte civile nel processo contro i due writer che imbrattarono alcuni muri del centro storico.
 
 


Non intendo commentare la mancata presa di posizione del nostro Sindaco ma mi domando se abbiano più valore alcuni mattoni di tufo imbrattati o la vita di un essere vivente ucciso da un perditempo per passatempo.

Renato Bagnoli
 



10 commenti
Voto medio: 1105.0/5
Teresa Rita
2019-04-17 22:51:45
E' risaputo che il nostro sindaco non ama gli animali.....per noi cmq questa condanna è stata una bella soddisfazione!!!
Gigi Pica
2019-04-17 23:42:39
Spero che gli animalisti si ricordino nelle urne di come si è comportato con gli animali e di come ha amato i cacciatori...
sabino
2019-04-18 00:21:24
La mancata presa di posizione da parte del sindaco sull'accaduto era del tutto scontata, del resto il "caso" della mancata realizzazione del canile ne è una testimonianza diretta , una marcia indietro clamorosa rispetto a quanto dichiarato al vice responsabile regionale del "Movimento Animalista" sig. D'Annibale Daniele referente dell'On.le Brambilla il 13 ott 2018 sul web etruriaoggi.it (e a quanto scritto sul programma elettorale al capitolo sanità punto 5 di "Obiettivo Comune " del 2014... Tuscania, in questi ultimi 5 anni rispetto alle problematiche sul randagismo e sulle colonie feline non ha mai avuto neanche un benchè minimo sostegno da parte di questa Amministrazione , anzi c'è stata una presa di posizione che ha reso ridicola la vicenda "canile " per non parlare delle colonie feline esistenti a tuscania e regolarmente censite e riconosciute dalla ASL . Abbiamo avanzato una richiesta protocollata che è agli atti del Comune , dove si chiede semplicemente di posizionare dei piccoli ricoveri in legno tipo fioriere e di apporre dei piccoli cartelli informativi sulla colonia , bene ,NESSUNO ha mai risposto due righe scritte . Le 300 adozioni(di cani) in tre anni sono state definite atti d'amore e le promesse non mantenute e le risposte non date come si definiscono??? Mah !!! La Giustizia farà il suo corso e quella del gatto ucciso a Tuscania ne è la testimonianza diretta!!!!
Ludovico
2019-04-18 09:53:06
Questa storia del canile sembra non finire mai, mi sembra che i Comuni abbiano l'obbligo di fare la lotta al randagismo, lo possono fare attraverso un canile comunale o tramite convenzione con altri canili, se il comune di Tuscania svolge una delle due funzioni è in regola con le Leggi. Sul discorso del canile comunale se è vero che il Sindaco aveva promesso di farlo poi ha fatto marcia indietro avrà avuto delle sue ragioni che per coloro che vogliono il canile è una decisione sbagliata invece per coloro che preferirebbero spendere i soldi in altro, sempre facendo la lotta al randagismo, è giusta. Non credo ci sia qualcuno che abbia al 100% le ragioni, da una parte ci sono i pro canile con tutte le loro opinioni dall'altro c'è una amministrazione che deve utilizzare fondi nostri e deve prendere delle decisioni mirate e molte volte anche impopolari, non fare il canile e fare la lotta al randagismo è una scelta che personalmente non ci vedo dove sia lo scandalo. Io non sono contro un canile comunale, anzi, però sono consapevole che amministrare è difficile, chi vuole il canile, chi il palazzetto dello sport, chi la piscina coperta, ecc. poi devono essere prese delle decisioni perchè i fondi non ci sono per tutti. In effetti ho sentito dire che per un canile ci vogliono più di 200.000,00 euro e comunque dopo il comune deve sempre provvedere al mantenimento dei cani, è chiaro che sono scelte. Una cosa posso dirvi quando circola voce che per un canile ci vogliono 100.000,00 , vi assicuro che non è così, nel senso che ci possono volere anche meno dei 100.000,00 è come acquistare una casa della Gescal o da un costruttore, è come andare fare un palazzetto con capienza di posti di 500 o 3.000. Se deve essere fatto un canile per Tuscania deve essere fatto nella maniera giusta con i giusti posti per i cani e a regola d'arte.
Sabino
2019-04-18 11:58:07
Sig Ludovico , mi spiega come e quando il comune di Tuscania ha fatto la lotta al randagismo?? Forse si riferisce alla lotta "elettorale"!!! Si vada a leggere la proposta inoltrata ormai da due anni sulla costruzione del nuovo canile con la donazione di un privato !! Non mi risulta ci sia un'altrettanta proposta x il Palazzetto!!! La saluto e chiudo altrimenti il problema canile diventa noioso !!
madmax
2019-04-18 13:50:52
Con tutti i problemi che ci sono in ITALIA la priorità sono i gatti e i cani . Ma andate a lavorare!!
#popolino
2019-04-18 15:12:12
Madmax è il tipico tuscanese che apre bocca e ie dà fiato senza conoscere il problema
Teresa Rita
2019-04-18 16:42:34
Incominci lei a lavorare signor madmax...perché noi oltre che andare a lavorare ci occupiamo anche dei gatti.
Sabino
2019-04-18 16:55:29
Mad Max :
Andate ??? Quindi tu non vai o non sei mai andato !!! Per i problemi dell'Italia ci sei tu che li risolvi "noi ci occupiamo di questo " se ognuno si occupasse di qualcosa ...A proposito tu di che cosa ti occupi???
Baldo
2019-04-19 13:12:06
Sono sicuro che madmax è delle fratelle ditaglia. Lue è fratello ditaglia. Lue ha capito tutto perchè è fratello ditaglia. Lo saprebbe lue come fa le cose essendo fratello ditaglia.

Lue prima era de berluscone, doppo quanno ha capito tutto è diventato fratello ditaglia.


p.s.
non è di salvini perchè erano rimasti solo posti in piedi.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu