• - IMPIANTI SPORTIVI: IL COMUNE MANDA IL CONTO DELLE UTENZE ANCHE ALLA TUSCANIA VOLLEY - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - IMPIANTI SPORTIVI: IL COMUNE MANDA IL CONTO DELLE UTENZE ANCHE ALLA TUSCANIA VOLLEY

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
 

Dal Corriere di Viterbo:
La risoluzione in autotutela della convenzione per la gestione dello Stadio Fioravanti, che il comune ha notificato alla società sportiva Fulgur Tuscania, è stata estesa anche al Tuscania Volley per lo stadio dell’Olivo, dove viene svolta l’attività della pallavolo.
 
La vicenda del mancato riconoscimento del costo delle utenze energetiche su cui è intervenuta la magistratura, a seguito delle richieste di chiarimento più volte avanzate dal Movimento 5 Stelle di Tuscania, adesso vede chiamata in causa anche la società Tuscania Volley. In questo caso il problema non è scaturito dalla diversità di contenuti tra il regolamento comunale e il testo della convenzione ma dalla modifica di titolarità del contatore Enel. In sostanza la soc. Tuscania Volley ha pagato le bollette energetiche fino alla data di entrata in funzione dell’impianto fotovoltaico poi il contatore è stato intestato direttamente al comune di Tuscania per introitare il contributo previsto dal GSE SpA.
 
Giustamente la pubblica amministrazione, che si è fatta carico dei costi di costruzione dell’impianto fotovoltaico, ha deciso di incassare i contributi previsti dal gestore dei servizi energetici. “Abbiamo sempre pagato le bollette energetiche – afferma Sandro Cappelli del Tuscania Volley – come stabilito dalla convenzione che abbiamo stipulato con il comune per la gestione del palazzetto dello sport dell’ Olivo. L’ultima bolletta che abbiamo ricevuto dall’ Enel risultava a zero. Nessun importo da pagare.”.
 
Questa situazione sta generando un aspro confronto tra i cittadini. Molti sostengono che la Fulgur Tuscania e il Tuscania Volley con le loro attività sportive svolgono un servizio di grande valore sociale ed educativo nei confronti dei ragazzi che praticano questi sport. La Fulgur associa oltre 120 ragazzi per la pratica del calcio e del pattinaggio, il Tuscania Volley oltre 100 per la pallavolo.
 
Le iscrizioni prevedono un costo annuale a carico dei partecipanti di 380 euro per la Fulgur comprensivi del Kit del valore di 120 euro e di 300 euro per il Tuscania Volley comprensivi di un kit del valore di 50 euro. Queste quote di partecipazione secondo i responsabili delle società non coprono neanche la metà dei costi di gestione relativi al rimborso spese degli allenatori, alle manutenzioni dei campi e delle pulizie.
 
Queste attività, affermano i dirigenti delle società sportive, vengono svolte senza alcuno scopo di lucro e vengono portate avanti grazie all’impegno di tanti volontari. L’amministrazione comunale che ha il dovere di favorire lo sviluppo di politiche a favore delle giovani generazioni, potrebbe farsi carico dei costi delle utenze, riconoscendo gli stessi diritti a tutte le associazioni che operano a Tuscania con le stesse modalità e finalità socio educative.



3 commenti
Voto medio: 130.0/5
mah...
2018-02-20 19:58:24
Quindi apprendiamo che mentre la pallavolo si è pagato ogni santa bolletta che arrivava, un'altra società sportiva aveva il il comune che gli pagava le bollette ed altro....io fossi in Cappelli questa cosa la stigmatizzerei e non poco! Cos'è questa disparità???
mark
2018-02-21 14:05:29
@mah: Nun te preoccupà...che alla pallavolo ha rifatto il pavimento del palazzetto....manco per farli giocare...per farli allenare...
Augusto
2018-02-22 09:13:06
Mark. Comunque per farti capire qualcosa in quel palazzetto ci si allenano anche oltre 100 RAGAZZI. Mo aridite male anche di que

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu