● - CANILE SFRATTATO, IMPUGNATA LA SENTENZA - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - CANILE SFRATTATO, IMPUGNATA LA SENTENZA

Pubblicato da in Corriere di Viterbo ·
dal Corriere di Viterbo del 14/01/2018:
 
L’impegno dei volontari: grazie alle adozioni sono stati risparmiati 300 mila euro.
   
II Comune si oppone allo sfrat­to del canile e presenta ricorso in appello contro la sentenza che ri­guarda il "Rifugio speranza". Una lunga battaglia legale che, in giu­dicato, è terminata con la senten­za che condanna il Comune a pa­gare 10 mila euro per l’occupazio­ne del terreno ed a lasciare libera la proprietà dove oggi trovano ri­fugio 21 cani.
 
Nato nell'estate del '95 il "Rifugio speranza", su iniziativa di alcuni volontari per dare un rifugio ai randagi della zona, ha favorito ne­gli ultimi 4 anni circa 300 adozioni, di cui 72 solo nel 2018, consen­tendo un risparmio di 300 mila euro di spesa per il Comune.
 
Sot­to sequestro amministrativo dal 2010, in seguito ad un sopralluo­go da parte dei Nas, la struttura conta oggi 21 cani al suo interno. Inizialmente sovvenzionato dai volontari, amanti degli amici a 4 zampe, il rifugio è passato dopo il sequestro amministrativo sotto la responsabilità di Teresa Tosi, che da lungo tempo aveva prestato servizio nell'associazione come volontaria.
 
Due mutui richiesti dall’amministrazione Natali e 24 mila euro di contributo regionale, non sono stati sufficienti a dare a Tuscania un nuovo canile comunale.
 
Nel 2014 l’amministrazione Bartolacci blocca l'opera, iniziata dalla precedente amministrazione, spostando anche la destinazione d'uso dei mutui accesi presso l’istituto di credito.

Una diatriba tra le parti che sembrava essere arrivata a conclusione con lo sfratto esecutivo da parte del tribunale e la disperazione dei volontari preoccupati per il destino dei randagi, mentre il ricorso lascia intuire uno scenario del tutto diverso. Insomma, una speranza per i randagi sembra ancora esserci.
V. R.



Nessun commento

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu