● - “RAMPA DI ACCESSO DISABILI NEL MEZZO DI UN INCROCIO” - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - “RAMPA DI ACCESSO DISABILI NEL MEZZO DI UN INCROCIO”

Pubblicato da in Dal Web ·
Fonte: Tusciaweb
 
L'appello alle istituzioni di Massimo Caralla.
 
Sono un ragazzo disabile affetto, dalla nascita, da tetraparesi spastica.
 
Una malattia che mi obbliga a muovermi solo per mezzo di una carrozzina elettrica. Abito in un alloggio del quartiere Ater di Tuscania.
 
Per poter entrare ed uscire da casa utilizzo una rampa di accesso che si trova proprio nel mezzo di un incrocio di strade.
 
Questo fatto mi espone continuamente al rischio di essere investito dalle auto cosa che già è accaduta qualche tempo fa.
 
Sono molto preoccupato per la mia incolumità e ho richiesto più volte che venisse modificato il senso di circolazione di una delle due vie.
 
Si tratta di una piccola via secondaria che se sulla quale fosse istituito un senso unico verrebbe quasi totalmente ridotto il rischio di investimento.
 
Mi sono rivolto a tutti: al sindaco, alla polizia locale, ai servizi sociali, all’Ater e anche al signor prefetto ma solo a chiacchiere tutti si sono dimostrati interessati a risolvere il mio problema.
 
Nei casi in cui ricorrono particolari condizioni di invalidità della persona e sussistono i requisiti previsti, il sindaco, con propria ordinanza, può assegnare a titolo gratuito un adeguato spazio di sosta “personalizzato” riservato al veicolo della persona invalida.
 
Il problema della disabilità è molto sentito dagli amministratori del comune di Tuscania infatti i parcheggi auto per disabili “personalizzati e non” con la prescritta segnaletica stradale crescono come i funghi. Basta riempire un modulo e dopo pochi giorni viene realizzato.
 
Io chiedo solo un cartello di “senso unico” che possa tutelare la mia incolumità fisica. Chi mi può aiutare?
 
Massimo Caralla
 



5 commenti
Voto medio: 150.0/5
Antonella
2018-05-23 15:55:12
Massimo sta chiedendo solo un po'di civilta',di buon senso.Non e'la prima volta che fa sentire la sua voce.Ascoltarlo ed aiutarlo sarebbe un nobile gesto,tutto qua...ignorarlo sarebbe la conferma dell indifferenza.
Giada
2018-05-23 16:23:24
Mi dispiace massimo....purtroppo continua a non esserci interesse per i problemi delle persone disabili.....scuole con scivoli a cielo aperto .... parcheggi sempre occupati da chi non ha il tagliando....zone senza urbanizzazione dove in carrozzella non si può uscire di casa....spero ti ascoltino...te lo auguro
Luciano
2018-05-24 13:18:51
Ma l'hanno messo il senso unico,mo certo non sò se viene rispettato perché ci passo poco da lì.
Gigi Pica
2018-05-24 14:18:41
Sì, è vero, il senso unico è stato messo, quindi l’amministrazione è stata efficiente ma l’articolo (che ricordo è di ieri 23 maggio 2018, non di due mesi fa) dice testualmente:
“Sono molto preoccupato per la mia incolumità e ho richiesto più volte che venisse modificato il senso di circolazione di una delle due vie.”

E dice ancora:
“Mi sono rivolto a tutti: al sindaco, alla polizia locale, ai servizi sociali, all’Ater e anche al signor prefetto ma solo a chiacchiere tutti si sono dimostrati interessati a risolvere il mio problema.”

Che il senso unico sia stato messo, lo dice anche una famigliare di Massimo Caralla su Facebook.
Ma allora perché nell’articolo (di ieri 23 maggio, lo ricordo ancora) si dice che il senso unico, non esiste? E’ un’informazione non vera che accusa il comune ingiustamente che invece ha accolto la richiesta di Massimo.

La famigliare di Massimo (sempre su Facebook) dice testualmente: “…spero che nessuno abbia pensato di utilizzare problematiche, veramente gravi, per scopi politici...”

Non so la signora a chi si rivolgesse, ma voglio rassicurare che tutti abbiamo un occhio di rispetto nei confronti di chi vive disabilità, personalmente sono sempre stato vicino a queste problematiche.

Casomai prima di criticare “possibili speculatori”, è bene inviare a Tusciaweb segnalazioni più corrispondenti alla realtà. Un caro saluto a Massimo che è mio amico da quando frequentava il Professionale…
Antonella
2018-05-24 15:07:37
Se il senso unico esiste,allora ben venga la disponibilita' e il buon senso

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu