• - MA QUAL È IL CONCETTO GIUSTO DI DEMOCRAZIA…?? - Succede a Tuscania - Toscanella - 2018


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - MA QUAL È IL CONCETTO GIUSTO DI DEMOCRAZIA…??

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
 

 
Questo signore scrive a Toscanella, proponendo alcune riflessioni sul concetto di DEMOCRAZIA, ecco i punti di riflessione:

 
  1. avere bisogno dell’ospedale e non trovare posto, non è democrazia;
  2. prenotare una visita, pagare il ticket di 6o euro ed effettuarla dopo sei mesi, non è democrazia;
  3. prenotare la stessa visita in privato ed effettuarla il giorno dopo, pagando fior di quattrini, non è democrazia;
  4. fare un concorso o domanda di trasferimento tenendo in poca considerazione le diverse lauree, i vari corsi di perfezionamento, le capacità e i meriti, non è democrazia;
  5. costringere ogni anno 120.000 ragazzi laureati ad espatriare per trovare lavoro, non è democrazia;
  6. costringere anziani a lasciare la patria, perché non riescono a vivere con la propria pensione, non è democrazia;
  7. pagare energia elettrica per altri che non la pagano, non è democrazia;
  8. pagare la telefonia ogni quattro settimane, non è democrazia;
  9. pagare un canone Tv in bolletta Enel e sorbettarsi la pubblicità come le TV private, non è democrazia;
  10. giovani che non possono mettere su famiglia e sposarsi, non è democrazia;
  11. su un affitto commerciale lo stato prende più del 50%, non è democrazia;
  12. pagare le tasse e non avere servizi, non è democrazia;
  13. pagare (Imu-Tasi, ecc.) su una casa sfitta, non è democrazia;
  14. fare un referendum per poi non considerarlo da parte dei politici, non è democrazia;
  15. aprire un’attività impiegando mesi ed anni a causa della burocrazia, non è democrazia;
  16. andare in pensione a 67 anni dopo 40 anni di lavoro mentre altri dopo una legislatura vanno in pensione a 60 anni, non è democrazia;
  17. far vivere gli italiani sotto i ponti, non è democrazia;
  18. lavorare sei mesi per lo stato e sei mesi per noi, non è democrazia;
  19. dirigenti che fanno fallire imprese dello stato e prendono milioni di euro di buona uscita, non è democrazia;
  20. persone arrestate 6o volte e rimesse sempre in libertà, non è democrazia;  
 
potrei continuare… allora voi chiederete, ma che cos’è la democrazia?
 
È il governo dei cittadini oppure dei sudditi?
 
Un cittadino (o suddito?)
 



4 commenti
Voto medio: 140.0/5
Baldo
2018-02-27 12:19:00
Manca il punto :

21 - L'Italia non è occupata da truppe straniere ma è abitata e governata da Italiani, gli stessi che ammirano e perseguono l’imbroglio mentre detestano le regole, la competenza, la coerenza e la serietà.


P.S.
E’ significativo, inquietante e grottesco mettere al centro della campagna elettorale il problema dei migranti come se fossero la causa dello sfascio della patria : sempre pezzenti, come nella storia anche nella cronaca !!
Tebaldo
2018-02-27 19:04:40
Bah!! Tutta retorica noiosa. La democrazia è quello strumento sociale organizzato in cerchie politiche più o meno "variegate" per opinioni e intenzioni, che danno la possibilità ad una determinata popolazione di esprimere, per presunta affinità, un voto valido ad eleggere dei rappresentanti designati alla gestione dello Stato. In sostanza è un gioco di "rassomiglianze". Ognuno ha quel che merita e che gli somiglia.
Bella parola alla sua prima apparizione dopo il periodo della dittatura fascista, sicuramente sovrastimata nel lungo periodo.
La cosa più fica, secondo me, è che quando la gente parla di "democrazia", alla fine va ad immaginare una utopia in cui tutto fila liscio come l'olio, le strade sono sgombre dalla neve e senza buche, non esistono fame. carestie, guerre e malattie e i diritti di tutti sono fatti salvi. Inconsapevolmente stanno parlando di una sorta di anarchia costituzionale (un'utopia, appunto) che parte dal concetto che il rispetto e l'organizzazione della cosa comune dipenda da ogni singolo. In una sorta di corto circuito mentale considerano l'anarchia come caos e la democrazia come la massima espressione di libertà, come se la libertà individuale, la vera libertà, dipendesse da qualcun altro e non vincolasse a nessun obbligo morale e soprattutto personale. Insomma sono passati 70 anni e oggi più che mai il cittadino ha bisogno di alibi, siano concettuali che costituzionali.

Personalmente alla democrazia preferirei la tirannide o meglio una bella monarchia assoluta, tanto non è nell'interesse di nessun governante opprimere oltre ogni limite i propri sudditi o popolo che dir si voglia. Almeno il quel caso si avrebbe una visione del problema più focalizzata e se la pressione sui cittadini si facesse esasperante, il vessato popolino, non si troverebbe nelle mani una serie di indirizzi mail per i vari URP (ufficio relazione con il pubblico), o con una scheda elettorale per tutti i gusti sulla quale sfogare tutte le proprie frustrazioni ma, come ci insegnano i trascorsi dei nostri cugini d'oltralpe la soluzione gli sorgerebbe dalle mani spontanea e condivisa. E, chissà che a furia di mozzar teste, alla fine ci venga in mente che la libertà, la democrazia e l'uguaglianza, non sono elementi che possono essere dati in sub-appalto a Re, politici e benpensanti vari, ma è un concetto che ci invita a rimboccarci le maniche e "lavorare" per poter avere un domani più prospero e sereno.

... ma dde che ??
romolo
2018-02-28 19:38:34
Il tiranno è colui che conquista il potere quasi sempre con la violenza e viene eliminato con la violenza. In Italia se si rispettasse la Costituzione non solo quando fa comodo a qualcuno e applicassero le leggi per tutti e non venissero interpretate per gli amici, allora ci sarebbe più democrazia. Se colui che ruba, uccide, violenta, non fa il suo dovere, evade le tasse, non rispetta le regole perché tanto non sarà punito, ma fosse condannato secondo le leggi giuste, allora ci sarebbe la DEMOCRAZIA. Repubblica corruptiones multa leges.
Baldo
2018-02-28 20:33:59
Il problema vero è che dalle nostre parti si scambia il concetto di “Democrazia” con quello di “Democrazia Cristiana”.

Il primo è un concetto complicato, a volte discusso, spesso discutibile; il secondo di concetto invece è semplice e dolcissimo :

-Non si paga mai
-Si prende sempre

Quindi bisogna mettersi d’accordo su quello che vogliamo.
Se vogliamo :

non pagare le tasse, avere aumenti di salario spesso e ben volentieri, andare in pensione presto, fare merenna con gli amici e lavorare poco, conoscere la persona giusta per costruire il casaletto, fare tanti consorzi e sistemare tutti i cognati ecc. ecc. allora c’è poco da discutere !

Siamo tutti moooltooo democratici ! Ditemi dove prendono le iscrizioni che corro …….


p.s.

In tempo di elezioni chi concorre ci spiega sempre che devono pagare gli altri : adesso siamo arrivati al centro dell'africa per trovare chi sono "gli altri" che devono pagare.

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu