• - CHE SUCCEDE AL FONTANILE DELLE DONNE? di Regino Brachetti - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

• - CHE SUCCEDE AL FONTANILE DELLE DONNE? di Regino Brachetti

Pubblicato da in Blog Toscanella ·
L'autunno è alle porte e sembrerebbe tornare quell'odore che i residenti diversi anni fa denunciavano. Questa mattina alcuni concittadini si sono lamentati di un pessimo odore di putredine che si respirava nella zona artigianale.
 
Si tratta forse del biodigestore del "Fontanile delle donne" che incomincia a diffondere quell'odore, un "ever green", che purtroppo per loro i tuscanesi hanno imparato a conoscere qualche anno fa?
 
Un effluvio che probabilmente durante questi giorni particolarmente caldi si fa più presente, vuoi per le finestre aperte, vuoi per il tempo degli abitanti passato più all'aria aperta, vuoi perché da qualche parte deve pur sprigionarsi.
 
Circa due mesi fa veniva inaugurato l'impianto di compostaggio che, in base alle autorizzazioni rilasciate dalla Provincia e dalla Regione, deve svolgere la propria attività senza creare alcun impatto sulla vita civile e sociale della collettività, come al contrario sembrerebbe avvenire mediante emissione di odori non proprio tollerabili.
 
In quell'occasione i cittadini erano stati rassicurati che tutto era in sicurezza e quindi quell'odore degli anni passati sarebbe stato solo un brutto ricordo.
 
Un odore che "stalkerizzava" il quotidiano nell'indifferenza dell'amministrazione che però qualche settimana fa ha emesso anche un 'ordinanza che vieta l'attraversamento del centro abitato agli automezzi che trasportano Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano ma che nessuno sembra voler rispettare.
 
Le emissioni odorigene, forse, sono frutto di un rifiuto non completamente trattato e privato della sostanza organica come da normativa?.
 
Se un impianto di digestione anaerobica è ben progettato e ben gestito non emette cattivi odori, tuttavia ci sono stati esempi che hanno creato grandi disagi e conflitti sociali a causa delle emissioni maleodoranti e, in una situazione come l'attuale, se nessuno va a verificare il compost e i rifiuti prodotti, probabilmente saremo destinati a fare la stessa fine degli abitanti di Foligno, Narni e Spoleto.
 
Il nostro Comune dovrebbe farsi carico di chiedere alla Regione Lazio di intervenire in tempi celeri, con onere a carico regionale, al fine di verificare, senza preavviso, la qualità del rifiuto entrante e le procedure di copertura dello stesso o eventuali altre mancanze.
 
Si tratta di un impegno politico-economico che potrebbe aprire scenari inediti, oltre che tutelare i diritti dei cittadini.
 
 
Regino Brachetti
 
Capogruppo dei consiglieri di minoranza



5 commenti
Voto medio: 150.0/5
mark
2019-09-16 19:15:16
strana coincidenza che questo puzzo si stia verificando a fine estate ...quando magari andando incontro alla brutta stagione, forse ci si farà meno caso....sarò malpensante, ma tutto mi fà pensare che inizino piano piano...per poi farci ricrollare nella situazione di alcuni anni fà...Mi auguro solo che la minoranza stia con il fiato sul collo all'amministrazione e faccia le pulci a quest'impianto..ne vale la salute nostra,dei nostri figli e nipoti....(ma quelli dell'amministrazione attuale ..non abitano a Tuscania?)
Renato
2019-09-16 19:39:10
In tema di emissioni...maleodoranti, sonore, di alcuni esercizi pubblici, schiamazzi notturni e motorini smarmittati i nostri amministratori non sembrano dimostrare una spiccata sensibilità.
Fausto Ferrara
2019-09-16 20:25:17
Io la puzza la sento, e sono convinto che quando l'impianto andrà a regime di puzza finiremo...
Capobanda
2019-09-16 21:10:09
Adesso il nostro amato Sindaco insieme al Prefetto, dovrebbe organizzare un altro bel rinfresco li sul piazzale dell'impianto, non con le telecamere di cortesia ma con coloro che da Torino dovevano vigilare professionalmente ,una garanzia per la popolazione. Oppure proprio lui il Sindaco si metta a capo della manifestazione antipuzza!! La scuola materna con i topi, il quartiere che sembra Scampia ( con tutto il rispetto per chi ci abita) abbandonato a se stesso, ci mancava solo la brutta copia di Malagrotta....che altro ancora ci riserveranno i nostri amministratori in questi 5 anni?
Baldo
2019-09-17 15:34:06
Ma c’è un aspetto positivo : la puzza è democratica.

La puzza non fa favoritismi, non si Adegua ad un branco, non ha facebucche.

La puzza arriva a tutti quelli che hanno un naso.

Belli, brutti, ricchi o poveri la puzza castiga con equità assoluta.

Sarà la puzza la palingensi del paesetto rinominato location.


p.s.
Palingenesi ma non tazzo l’ho trovata ?

Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu