● - IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO A TUSCANIA, LA PREFETTURA APRE TAVOLO. - Succede a Tuscania - Toscanella - 2019


Zodiac  
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

● - IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO A TUSCANIA, LA PREFETTURA APRE TAVOLO.

Pubblicato da in Dal Web ·

 
Fonte: ViterboNews24
 
Invitati a partecipare Regione, Provincia, Comune e società.
 
Impianto di compostaggio a Tuscania: istituito in Prefettura un ''Tavolo di coordinamento e concertazione''.
 
All’iniziativa sono sono stati invitati a partecipare il direttore delle Politiche ambientali e Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio; il presidente della Provincia di Viterbo; il dirigente del Dipartimento di Prevenzione, Servizio igiene e Sanità pubblica; il dirigente del Dipartimento Pressioni sull’ambiente, Impianti, Rischi industriali; il sindaco di Tuscania e la Società Asja Ambiente Italia.
 
Il tavolo prenderà in considerazione sia ''la particolarità dei rifiuti lavorati che le eventuali problematiche connesse al transito, al controllo e alla lavorazione dei rifiuti trattati dall’impianto stesso''.
 
L’istituzione formale del tavolo avverrà presso la Prefettura, sala Coronas, il 20 giugno alle ore 12.00.



1 commento
Voto medio: 113.0/5
Giuseppe Catalini
2019-06-20 16:33:44
Restiamo in attesa di notizie, dopo avere appreso questa cosa soltanto dai media.
Una questione che invece avrebbe meritato maggiore coinvolgimento dei cittadini, nel rispetto della trasparenza e della Democrazia.

Ma restando sull'argomento, sarebbe bene sapere cosa succedeva quando le imprese iniziavano a muoversi per realizzarlo, un bel po' di anni fa.
Chi amministrava Tuscania a quei tempi?
Cosa ha fatto per tutelare cittadini e territorio?
E soprattutto chi oggi siede in Consiglio comunale cosa faceva allora?
E cosa ha continuato a fare (o non fare) negli anni che sono trascorsi?

Visto che oggi in Consiglio comunale ci sono maggioranza ed opposizione che da tempo hanno responsabilità a vari livelli, sarebbe interessante se ci raccontassero cosa hanno fatto fino ad ora per affrontare la questione.

Chiedere è legittimo e rispondere è doveroso, considerato che di questa vicenda sembra che non ci sia interesse a parlare.
Un incomprensibile disinteresse degli amministratori che lascia spazio a molti dubbi e insinua pensieri poco rassicuranti per i cittadini ...


Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu