Le Ninne Nanne - Toscanella - Tradizioni popolari

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le Ninne Nanne

Nascita
LE NINNE - NANNE.

«Non può dirsi che simili canti difettino totalmente di ritmo e di armonia. In generale si deve affermare che non esiste un metro unico, determinato e costante»:

Anche queste che ho raccolto, come in generale tutte le ninne-nanne, sono composizioni semplici, nelle quali però l’affetto materno trasfigura e amplifica il tema lieve trasferendolo talvolta su un piano di particolare poesia.
Difficile mi è sembrata una classificazione più complessa delle composizioni da me trovate.
Si tratta in maggioranza di quartine a rima baciata, in cui i versi hanno lunghezza variabile, per quanto tendente all’endecasillabo e all’ottosillabo.

Fate la ninna e fate la nanna,
cocco bello della mamma,
fate la ninna che v’addorme Dio
dal momento che nun ve posso addormì io.

---------

Fate la ninna e fatelo ‘m bel sonno,
fate la ninna, caro, che io v’addormo.
Fate la ninna, fatelo ‘m bel sonno,
carino mio, rivàtice a ggiorno.
Fate la ninna e fate ‘m bel sonno,
cocco bello de ‘sto monno.

---------


Ninna ô, ninna ô,
che pazienza che cce vo’
pe’ (nome del bimbo) cce vo’ ppace,
la pappetta nun je piace.
Ninna ô, ninna ô,
che pazienza che cce vo’,
lo daremo all’omo nero
che lo tenga un giorno ‘ntero,
lo daremo alla Befana
che lo tenga ‘na settimana,
lo daremo all’omo bianco
che lo tenga ‘n anno santo.
Ninna nanna, pupo bello,
mamma tua te metterà
un vestito torchinello
tutto pieno de volà.

---------

Ninna nanna a lo mio bello
che la birba mi fa fà,
si nun era ‘sto monello
me toccava lavorà.
Ninna nanna, ninna nanna,
chi cià ‘m piede e chi ‘na gamba
ma c’e ‘l babbo, poverino,
che nun cià manco ‘m piedino.

---------

Fate la ninna ch’è passato ‘l lupo
e tutte le fiarelle belle s’è magnato,
solo che (nome del bimbo) mio nun l’ha veduto
fate la ninna, ch’è passato ‘l lupo.

---------

Fate la ninna, pupo de pezza,
che la mamma è ita alla festa,
ie le porta le sise piene,
fate la ninna che mommò viene.

---------

Ninnà ninnà, bel figliolino,
si tu dormi lo cucirò ‘n camiciolino
lo cucirò cor filo bianco e rosa,
che poi lo darò in regalo a la tua sposa.
La tua sposa adesso è appena nata,
che ‘mbraccio a mma sua s’è addormentata.
Nun piagne, fljo, che ‘sta cantilena
sarà pe’ te d’amor dolcissima catena.
Un altro giorno poi dovrà venire
che tu sarai stanco e che dovrai morire
te la canterai da te, la ninna nanna
che te cantava sempre la tua mamma;
e io te sentirò, fijolo mio,
e verrò a pijarte per condurti a Dio.

---------

Fate la ninna nanna cocò
quando la mamma a casa nun c’e
do’ è ‘l babbo nun lo so
fate la ninna nanna cocò.
 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu